A+ A A-
 

Gli Ironsword non convincono Gli Ironsword non convincono Hot

Gli Ironsword non convincono

recensioni

gruppo
titolo
“Servants of steel”
etichetta
Alma Mater Records
Anno

TRACKLIST:
1. Hyborian scrolls
2. Rogues in the house
3. Upon the throne
4. Tower of the elephant
5. In the coils of Set
6. Red nails
7. Gods of the north
8. Son of Crom
9. Keepers of the crypt
10. Black colossus
11. Isle of the damned
12. Servants of steel

LINE-UP:
Tann - Guitars, Vocals
João Monteiro – Drums
Jorge Martins - Bass

opinioni autore

 
Gli Ironsword non convincono 2020-01-28 18:20:06 Ninni Cangiano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    28 Gennaio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Devo ammettere che non avevo mai sentito parlare finora dei portoghesi Ironsword, band attiva addirittura dal lontano 1995, con alle spalle 4 full-lenghts ed un EP. Da pochi giorni è sul mercato il loro quinto album, intitolato “Servants of steel”, dotato di artwork un po’ banale ma che, tutto sommato, non dispiace; il disco è edito dalla Alma Mater Records, label di Fernando Ribeiro dei Moonspell. Mi aspettavo, quindi, qualcosa di più che valido (avendo anche letto la recensione del precedente lavoro sul nostro sito), ma purtroppo sono rimasto alquanto deluso. Gli Ironsword suonano un heavy/epic metal abbastanza canonico per gli oltre 50 minuti del disco ed è stato anche difficile sorbirsi ripetuti ascolti a tutte le 12 tracce che compongono questo lavoro. In primis per una somiglianza di fondo tra quasi tutte le canzoni, il che rende l’ascolto abbastanza difficoltoso, con il pericolo della noia sempre dietro l’angolo; e per fortuna che, nella parte finale del disco, almeno qualcosa migliora leggermente (“Isle of the damned” e la title-track conclusiva sono le canzoni migliori, grazie anche ad una maggiore brillantezza nel ritmo). Ma il problema principale è nelle voci. Il vocione roco e cavernoso del leader Tann (al secolo João Fonseca) non mi ha convinto per niente e trovo faccia a pugni con l’epic metal proposto dal suo gruppo. Ci sono poi le backing vocals (ne ignoro l’autore) che ho trovato alquanto stridule ed, a volte, finanche fastidiose da ascoltare, persino peggio del vocione abrasivo del singer. Probabilmente con un cantante completamente differente, dotato di un’ugola più “educata” e potente, relegando le parti roche al ruolo di backing vocals, le sorti di questo disco potevano essere migliori. A questa maniera, invece, non vedo molte possibilità per questo album, se non per i die-hard fans della band. Dispiace stroncare un lavoro, perchè ho sempre parecchio rispetto per la passione e gli sforzi che ogni musicista ci mette sempre, ma ho fatto una fatica immane ad ascoltare ripetutamente questo “Servants of steel” e, di conseguenza, trovo che gli Ironsword siano ben lontani dalla sufficienza.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trishula: un come back davvero notevole per gli amanti dell'Aor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buona questa nuova prova dei Morta Skuld
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla