A+ A A-
 

Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize Hot

Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize

recensioni

gruppo
titolo
"Scrape of the barrel Vol. 4"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. The shimmer (Unreleased, 2020)
2. Tregenda (Unreleased, 1997)
3. Préfabriqués (Trust cover, 2001)
4. It happened tomorrow (One door away pre-production, 2007)
5. Overdoze (Off the beaten path pre-production, 2000)
6. Hell on wheels (Live in Gaggiano, 1998)
7. Chains of life (Remix & edit, 1999)
8. Within without (Radio acoustic, 2013)

LINE-UP:
Folco – Voce
Piero – Chitarra
Luca – Chitarra sui pezzi 1, 4 & 8
Paolo - Chitarra sui pezzi 2, 3, 5, 6 & 7
Tito – Basso
Andrea - Batteria

opinioni autore

 
Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize 2020-02-15 17:35:06 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    15 Febbraio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In occasione del concerto tenuto al Rock’N’Roll Club di Rho (Milano) il 17 gennaio 2020, i Mesmerize hanno rilasciato il quarto capitolo della loro raccolta di pezzi, intitolato “Scrape of the barrel”. Anche questa volta troviamo qualche brano live, qualche versione particolare di canzoni della loro carriera, qualche cover e qualche nuova traccia. Partiamo proprio da queste ultime, poste in apertura di cd. “The shimmer” è una vera sorpresa, è stata registrata durante lo scorso inverno negli Octopus Studio (se non erro di proprietà del batterista Andrea Garavaglia) e si tratta di un nuovo pezzo composto interamente dal bassista Andrea Tito. Se, dopo tanti anni di silenzio, i Mesmerize dovessero ricominciare a comporre musica, spero partano proprio da questo brano, dato che si tratta di una vera e propria bomba di heavy/power; ritmata, ricca di energia, con melodie di gran gusto, un basso splendido protagonista e cantata alla grandissima (Folco Orlandini è sempre una garanzia in tal senso!), “The shimmer” ha tutto per diventare un must nei prossimi concerti dei Mesmerize. La seconda canzone inedita, invece, risale all’omonimo demotape “Tregenda”, nel quale aveva un testo interamente in italiano; successivamente fu realizzata questa versione con testo in inglese per il debut album “Tales of wonder”, ma non fu poi inserita nella scaletta; si tratta di un brano molto cadenzato ed oscuro, abbastanza lontano dallo stile attuale dei Mesmerize. La cover questa volta è dei Trust, famoso gruppo hard rock francese; il pezzo “Préfabriqués” faceva parte di un tribute album uscito per la Axe Killer Records nel 2001. Vi sono poi due brani, “It happened tomorrow” e “Overdoze” che sono pre-produzioni le quali poi finiranno, fatte le dovute migliorie, rispettivamente sul singolo “One door away” del 2007 e sull’album “Off the beaten path”. Immancabile la traccia live dal concerto di Gaggiano del 1998; questa volta c’è la meravigliosa “Hell on wheels”, forse uno dei pezzi migliori che i Mesmerize abbiano mai scritto. Chiude il disco una versione recentemente remixata dal batterista Andrea Garavaglia di “Chains of life”, presente sull’album “Vultures paradise”; la band spiega, infatti, che la versione originale non li aveva mai convinti pienamente, così l’anno scorso si è deciso di apportarle delle modifiche e remixarla interamente. L’ultimo pezzo è “Within without”, presente sull’ultimo disco in studio “Paintropy” del 2013 (troppo, troppo tempo fa ragazzi!); questa versione è stata registrata in acustico quando la band era ospite in una trasmissione di Radio Lombardia. Cos’altro aggiungere? Il desiderio di ascoltare un nuovo full-lenght dei Mesmerize è sempre più forte, soprattutto alla luce dell’ottima qualità dell’inedito “The shimmer”; nel frattempo, i fans della band potranno ingannare l’attesa più che degnamente con questo “Scrape of the barrel Vol. 4”.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

The Destroying Laser: difficile restare indifferenti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta di Blaze Bayley!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quella pazzia esilarante che rende i The Prophecy 23 divertenti al punto giusto!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terzo album per la one man band Necrotombs
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ci han messo un po', ma non delude il ritorno dei Mass Murder
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Live Burial: old school Death Metal nella sua totalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Discreto l'esordio assoluto dei canadesi Third Chamber
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il groove moderno dei Your Last Wish
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Darkness Proceeds" l'esordio assoluto degli americani Vadiat
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla