A+ A A-
 

I SWMM hanno saputo realizzare un album alquanto originale e sorprendente, che riesce a far convivere diversi generi e diverse influenze. I SWMM hanno saputo realizzare un album alquanto originale e sorprendente, che riesce a far convivere diversi generi e diverse influenze. Hot

I SWMM hanno saputo realizzare un album alquanto originale e sorprendente, che riesce a far convivere diversi generi e diverse influenze.

recensioni

gruppo
titolo
Trail of the Fallen
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. By the Might of the Crow
2. Famine
3. Trail of the Fallen
4. Hymn of the Lost Lord
5. Queen Anne's Revenge
6. Demon
7. The Return
8. Two Kings

Line-up:
Ivar Oftedal - Lead guitar
Danny Valle Johannessen - Vocals
Terje Martinussen - Drums
Zlatko Kusmic - Rhythm guitar
Alejandro Roberto Sanhueza - Bass

opinioni autore

 
I SWMM hanno saputo realizzare un album alquanto originale e sorprendente, che riesce a far convivere diversi generi e diverse influenze. 2020-02-27 21:19:00 Virgilio
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Virgilio    27 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Diciamo la verità, non è che SWMM, acronimo di Sometimes We Make Music sia proprio il più bello dei moniker: la band scelse questo nome dato che i membri vivevano ad una certa distanza e il progetto era nato essenzialmente come studio project. Eppure, anche se questi ragazzi norvegesi dichiarino di fare a volte musica, quando la fanno, riesce loro davvero bene. In effetti, questo loro primo full-length, intitolato "Trail of the Fallen", che segue ad un ep e a qualche singolo, si rivela davvero particolare e ci ha in qualche modo persino sorpresi. La prima parte della tracklist si orienta verso una sorta di folk/viking, che accoglie sonorità sinfoniche, alternando parti più aggressive con altre più melodiche. Tutto sommato si tratta di brani alquanto originali, ma è soprattutto nella seconda metà del disco che ritroviamo tracce ancora più particolari. Anzitutto "Queen Anne's Revenge", un pezzo progressive, cangiante e ricco di variazioni, tanto che parte con la fisarmonica ma cambia continuamente, al punto da presentare addirittura un intermezzo reggae! "Demon" è invece una sorta di ballata, con archi e pizzicati e un bel crescendo verso il finale. "The Return" alterna continuamente parti aggressive con altre ariose e più melodiche, mentre infine "Two Kings", che vede la presenza anche di una voce femminile, riesce ad essere a tratti eterea, a tratti più oscura e sinistra. A proposito di voci, va evidenziato come il cantante Danny Valle Johannessen sia davvero versatile, dato che questi spazia tra growl e clean vocals, alternando in questo caso interpretazioni con voce roca ad altre con voce pulita alta oppure anche molto bassa. Insomma, i SWMM hanno saputo realizzare un album alquanto originale, che riesce a far convivere diversi generi e diverse influenze in maniera convincente e, come dicevamo sopra, talvolta riesce persino a sorprendere.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

FM: la classe che non tramonta!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
EX: da Verona un invito a lottare.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'attesissimo ritorno dei One Desire
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Colpisce per essere un 'semplice' album Death Metal questo terzo dei tedeschi Sabiendas
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'assalto nichilista degli Henry Kane di Jonny Pettersson  dei Wombbath
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gomorra, per i fans degli Iced Earth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Warrior Within: tra luci ed ombre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Killitorous: come fare i cazzoni suonando musica impressionante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Angel Grinder debuttano con un Death/Thrash old school impressionante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annotatevi il nome dei Breaking The Silent!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solar Flare: nulla da salvare
Valutazione Autore
 
0.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buonissima seconda prova per i tedeschi Bloodred
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla