A+ A A-
 

Notevole il nuovo disco dei Corte Di Lunas Notevole il nuovo disco dei Corte Di Lunas Hot

Notevole il nuovo disco dei Corte Di Lunas

recensioni

titolo
“Tales from the brave lands”
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
01. Tiare
02. The castle of Gemona
03. Vida
04. The devil's bridge
05. La dama bianca
06. The last of Sbilfs
07. Tre fradei
08. Orcolat
09. Eolo II
10. Scharacule maracule
11. Rosander

LINE-UP:
Giordana – Voce, percussioni
Martina – Ghironda
Riccardo – Batteria, percussioni
David – Bouzouki
Nicolas – Chitarra elettrica e acustica
Maria Teresa – Flauti
Massimo - Basso

opinioni autore

 
Notevole il nuovo disco dei Corte Di Lunas 2020-02-29 18:23:55 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    29 Febbraio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Avevo scovato e lasciato i Corte Di Lunas con lo splendido “Lady of the lake” uscito nel 2014; ho scoperto da poco che mi sono perso l’uscita dell’EP “The journey” a maggio dello scorso anno, mentre da pochi giorni è sul mercato questo nuovo album (il quarto della loro carriera), intitolato “Tales from the brave lands”. Il disco è composto da 11 tracce accomunate tra loro da un unico argomento: le leggende del Friuli Venezia Giulia. Ogni brano, infatti, narra di differenti storie popolari della terra da cui arriva questo talentuoso gruppo. Devo confessare che le aspettative che avevo per questo disco erano altissime, dato che ho letteralmente adorato il suo predecessore, ma anche a causa dell’interessante concept; purtroppo sono rimasto un po’ deluso, dato che la band, complice forse anche i numerosi cambi di line-up, ha preferito diminuire la presenza della chitarra elettrica, aumentando gli strumenti più tradizionali, strizzando quindi maggiormente l’occhio al folk piuttosto che al metal. Ciò nonostante, sono diversi i brani decisamente azzeccati, soprattutto nella seconda parte della tracklist. Partirei dalla canzone migliore del lotto che è sicuramente “Eolo II”, ritmatissima e tiratissima, tanto che è sostanzialmente impossibile rimanere fermi mentre la si ascolta! Se tutti i pezzi fossero a questo livello qualitativo, avremmo forse il disco dell’anno tra le mani, ma purtroppo non è così. Segue l’altrettanto valida “Scharacule maracule”, antico canto tradizionale friulano a cui si è anche ispirato il grande Angelo Branduardi per la sua meravigliosa “Ballo in fa diesis minore”. Obiettivamente già questi due pezzi valgono da soli l’acquisto del cd. Ma sono anche altri i brani molto validi. Fra questi citerei sicuramente “The devil’s bridge” (altro pezzo più metal-oriented), in cui c’è il grande Lore dei Folkstone a duettare con la sempre brava Giordana; anche “The last of Sbilfs” va segnalata, soprattutto per le piacevoli parti di flauto dell’ottima Maria Teresa (una delle nuove entrate, rispetto alla formazione dell’ultimo full-lenght), nonché “Orcolat” che è tra quelle in cui la chitarra elettrica si sente maggiormente. I Corte Di Lunas con questo “Tales from the brave lands” hanno realizzato un gran bel disco di folk metal, un gradino al di sotto del suo predecessore, ma comunque pur sempre un ottimo lavoro; forse, con un po’ più di ritmo da parte della batteria e di elettricità sulla chitarra, avremmo parlato di un disco epocale, ma così non è stato. Sorprende ancora una volta come, con una qualità così elevata, nessuna label si sia accorta di loro e siano nuovamente stati costretti all’autoproduzione! Siamo ammorbati da immondizie musicali e simili gemme non possono finire nell’oblio, sta a noi supportarle!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

The Destroying Laser: difficile restare indifferenti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta di Blaze Bayley!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quella pazzia esilarante che rende i The Prophecy 23 divertenti al punto giusto!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terzo album per la one man band Necrotombs
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ci han messo un po', ma non delude il ritorno dei Mass Murder
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Live Burial: old school Death Metal nella sua totalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Discreto l'esordio assoluto dei canadesi Third Chamber
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il groove moderno dei Your Last Wish
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Darkness Proceeds" l'esordio assoluto degli americani Vadiat
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla