A+ A A-
 

Un nuovo guitar hero all'orizzonte: debutto per Leo Viridi! Un nuovo guitar hero all'orizzonte: debutto per Leo Viridi!

Un nuovo guitar hero all'orizzonte: debutto per Leo Viridi!

recensioni

titolo
LV1
etichetta
Autoproduzione
Anno

1. Something to Prove
2. April Showers
3. Disillusioned 
4. Blood of Warriors
5. From the Inside
6. The Belligerent Dr. Ink 
7. Fazed and Distressed
8. Self Centered

opinioni autore

 
Un nuovo guitar hero all'orizzonte: debutto per Leo Viridi! 2020-03-11 17:48:04 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.0
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    11 Marzo, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di Leo Viridi non si hanno particolari informazioni se non che è un multistrumentista (oltre che cantante) molto giovane che arriva direttamente a questo album di debutto chiamato LV1 che vede al suo interno una marea di ospiti di lusso che hanno offerto la loro collaborazione. Tra di loro ci sono Glen e Shawn Drover (ex-Megadeth), Danni Carroll (Dissension Rising), Derek Sherinian (Ex-Dream Theater, Sons of Apollo) e Henning Basse (Firewind) tanto per fare qualche nome. Il progetto sonoro oltre alle classiche parti strumentali dove Leo punta al neoclassico virano verso un metal moderno (post-thrash alla Nevermore in certi casi) mescolato a qualche incursione melodica.

Il disco si dipana in tre direzioni principali tutte segnate da qualche difetto di produzione dove la batteria ha dei suoni non ottimali ma che comunque non inficia il risultato finale. La prima via è quella melodica segnata da episodi come “Something to Prove” (dal mood melodico anni 80’), la ballad “April Shower” (con un ottimale lavoro di chitarra) e “Fazed and Distressed” tutti segnati dalla voce femminile di Danni che però non riesce sempre a dare energia risultando spesso spenta specie quando le parti più moderno/metalliche si fanno incendiarie. I musicisti ospiti non si fanno notare molto rimanendo quasi in sottofondo e lasciando a mr. Viridi il compito di guidare le danze tranne per le parti vocali. Il risultato in parte delude perché un all star band di tale calibro avrebbe potuto sicuramente dare di più. Qualche eccezione c’è come la via più tecnica come le strumentali “Disillusioned” (fortunatamente non troppo virtuosa) che cerca di essere una canzone vera e propria ma alla lunga stanca leggermente e “The Belligerent Dr. Ink” velocissima e molto acrobatica. Episodi discreti che non lasciano molto purtroppo dato che moltissimi musicisti propongono intermezzi strumentali di questo tipo. Molte volte manca la pasta, il groove, l’intuizione geniale e nemmeno nella terza via intrapresa ossia quella più dura e metallica si sente l’impronta personale. “Blood of Warriors” presenta un riff tosto e metallico con alla voce Henning Basse mentre “Self Centered” è nuovamente molto massiccia con qualche parte melodica in più. La sensazione complessiva è che la composizione sia ancora acerba e una tecnica sicuramente valida non basta (come spesso il sottoscritto dice).

Un discreto debutto che mostra buone potenzialità ma che si perde tra le migliaia di uscite. Manca il fuoco però non è detto che non arrivi in futuro. Consigliato ma senza troppe aspettative.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

The Destroying Laser: difficile restare indifferenti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta di Blaze Bayley!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quella pazzia esilarante che rende i The Prophecy 23 divertenti al punto giusto!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terzo album per la one man band Necrotombs
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ci han messo un po', ma non delude il ritorno dei Mass Murder
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Live Burial: old school Death Metal nella sua totalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Discreto l'esordio assoluto dei canadesi Third Chamber
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il groove moderno dei Your Last Wish
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Darkness Proceeds" l'esordio assoluto degli americani Vadiat
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla