A+ A A-
 

Age of artemis - Overcoming limits Age of artemis - Overcoming limits Hot

Age of artemis - Overcoming limits

recensioni

titolo
Overcoming limits
etichetta
MS Metal Records
Anno

1) What lies behind...

2) Echoes within

3) Mystery

4) Take me home

5) Truth in your eyes

6) Break up the chains

7) One last cry

8) You'll see

9) God, kings and fools

10) Till the end

opinioni autore

Voto medio dell'autore: 2 user(s)

voto 
 
4.5  (2)

 
Age of artemis - Overcoming limits 2014-05-16 10:04:23 Celestial Dream
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Celestial Dream    16 Mag, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delusi dalle ultime uscite discografiche degli Angra? Allora non abbandonate questa recensione e continuate a leggere fino alla fine perchè gli Age of artemis possono fare al caso vostro. Ci avevano provato, con ottimi risultati, gli Aquaria con un paio di dischi di elevata qualità, ma da qualche anno ne abbiamo perso le tracce. Ora questa nuova giovane band, sempre dal Brasile, debutta alla grande con Overcoming limits, un disco che segue senza ombra di dubbio lo stile che ha reso celebre e unica nel panorama metal mondiale il gruppo di Rafael Bittencourt, andando a collocarsi vicino come sonorità e (perchè no?) qualità a quel bellissimo Rebirth che presentò Edu Falaschi ai fans dopo la separazione da Matos. L'attuale cantante degli Angra è anche il produttore di questo album e mi verrebbe da dire, un po' malignamente, che ormai è quasi più bravo dietro il mixer che al microfono.

Una breve intro ci accompagna fino alla bellissima Echo within, grande song d'apertura che non ha molto da invidiare alla splendida Nova Era, che apriva proprio Rebirth. Una cosa che salta subito all'orecchio è la voce di Alirio che è un po' diversa da quella a cui siamo abituati quando ascoltiamo un disco di power melodico. Una voce particolare che verrà apprezzata sempre più canzone dopo canzone, ascolto dopo ascolto.
L'album non mostra debolezze, solido come una roccia, tra la veloce Mystery e la dolcissima Take me home, l'aggressiva Break up your chains e la suite God, kings and fools (fantastica la parte centrale con l'arpeggio che accompagna la bella voce di Alirio). Il songwriting è vario, le orchestrazioni “à la Angra” sono presenti ma non troppo evidenti e la preparazione tecnica di questi giovinotti lascia a bocca aperta (sentir per credere la bellissima parte strumentale di Truth in your eyes).

Trovare difetti in dischi di tale caratura è davvero complesso. Il talento di questi 5 ragazzi brasiliani è lampante e debutti di questo livello se ne sentono davvero pochi. Una nuova stella nel firmamento del power metal? Sicuramente si. Speriamo possa continuare a splendere per ancora molto tempo.

ps- il disco, come spesso accade per queste band (vedi i già citati Aquaria) non è distribuito in Europa, ma tramite certi canali o tramite la band (come ha fatto il sottoscritto) è possibile procurarselo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Age of artemis - Overcoming limits 2012-05-13 09:00:01 Andrea De Lunardi
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Andrea De Lunardi    13 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 16 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delusi dalle ultime uscite discografiche degli Angra? Allora non abbandonate questa recensione e continuate a leggere fino alla fine perchè gli Age of artemis possono fare al caso vostro. Ci avevano provato, con ottimi risultati, gli Aquaria con un paio di dischi di elevata qualità, ma da qualche anno ne abbiamo perso le tracce. Ora questa nuova giovane band, sempre dal Brasile, debutta alla grande con Overcoming limits, un disco che segue senza ombra di dubbio lo stile che ha reso celebre e unica nel panorama metal mondiale il gruppo di Rafael Bittencourt, andando a collocarsi vicino come sonorità e (perchè no?) qualità a quel bellissimo Rebirth che presentò Edu Falaschi ai fans dopo la separazione da Matos. L'attuale cantante degli Angra è anche il produttore di questo album e mi verrebbe da dire, un po' malignamente, che ormai è quasi più bravo dietro il mixer che al microfono.

Una breve intro ci accompagna fino alla bellissima Echo within, grande song d'apertura che non ha molto da invidiare alla splendida Nova Era, che apriva proprio Rebirth. Una cosa che salta subito all'orecchio è la voce di Alirio che è un po' diversa da quella a cui siamo abituati quando ascoltiamo un disco di power melodico. Una voce particolare che verrà apprezzata sempre più canzone dopo canzone, ascolto dopo ascolto.
L'album non mostra debolezze, solido come una roccia, tra la veloce Mystery e la dolcissima Take me home, l'aggressiva Break up your chains e la suite God, kings and fools (fantastica la parte centrale con l'arpeggio che accompagna la bella voce di Alirio). Il songwriting è vario, le orchestrazioni “à la Angra” sono presenti ma non troppo evidenti e la preparazione tecnica di questi giovinotti lascia a bocca aperta (sentir per credere la bellissima parte strumentale di Truth in your eyes).

Trovare difetti in dischi di tale caratura è davvero complesso. Il talento di questi 5 ragazzi brasiliani è lampante e debutti di questo livello se ne sentono davvero pochi. Una nuova stella nel firmamento del power metal? Sicuramente si. Speriamo possa continuare a splendere per ancora molto tempo.

ps- il disco, come spesso accade per queste band (vedi i già citati Aquaria) non è distribuito in Europa, ma tramite certi canali o tramite la band (come ha fatto il sottoscritto) è possibile procurarselo.

by Orano Federico

Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla