A+ A A-
 

Maxi-E.P. a prezzo economico per i Gamma Ray Maxi-E.P. a prezzo economico per i Gamma Ray Hot

Maxi-E.P. a prezzo economico per i Gamma Ray

recensioni

gruppo
titolo
"Master of confusion"
etichetta
Edel-Ear Music
Anno

 

 

Tracklist:
A Side “Brand new studio tracks”

01. Empire of the undead

02. Master of confusion

 

B. Side “Brand new studio cover versions”

03. Death or glory

04. Lost angels

 

C Side “recorded live at Zeche, Bochum”

05. The Spirit

06. Wings Of Destiny

07. Gamma Ray

08. Farewell

09. Time To Break Free

10. Insurrection

 

 

Line up:

Kai Hansen: Guitars/Vocals
Henjo Richter: Guitars
Dirk Schlächter: Bass
Michael Ehré: Drums

opinioni autore

 
Maxi-E.P. a prezzo economico per i Gamma Ray 2013-04-07 17:15:11 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    07 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A breve distanza dallo splendido doppio live “Skeletons & Majesties live”, tornano i Gamma Ray con un disco che potrebbe essere considerato un “maxi-EP”, intitolato “Master of confusion”; come spiega la band sul retro del cd da me acquistato (ebbene si, non sempre si recensisce un prodotto che ci passano le varie labels, ma spesso accade che ciò che viene recensito per passione è stato acquistato con sporchi denari di ognuno di noi), i Gamma Ray stanno lavorando ad un nuovo album, ma non sono riusciti a prepararlo in tempo per la seconda parte dell’Hellish Rock Tour con gli Helloween, così hanno deciso di metter fuori questo lavoro ad un prezzo anche molto conveniente, come un normalissimo singolo. In questo disco, partendo dalla fine, ci sono sei pezzi live registrati allo Zeche di Bochum il 28/4/2011, praticamente identici alle versioni che si possono trovare su “Skeletons & Majesties live” (che però riproduceva lo show allo Z7 di Pratteln del giorno dopo, 29/4/2011). Risalendo ci sono 2 cover, “Death of Glory” degli Holocaust (ed io che mi ero illuso fosse quella dei Running Wild!) e “Lost angels” degli Sweet; orbene, premettendo che non conosco gli originali e quindi non sono in grado di fare paragoni, mi sono sembrati due pezzi lontani dai classici lidi musicali di Hansen & C.; nella presentazione del cd la band dice di aver sempre amato questi due brani, per cui ci accontenteremo di ascoltarli senza particolari pretese. Restano i due brani inediti. L’opener “Empire of the undead” è la classica canzone velocissima e tritasassi, con un grande Michael Ehré a dimostrare tutta la sua potenza e precisione dietro le pelli (che non fanno rimpiangere il grande Dan Zimmermann); forse il coretto semplice semplice è ripetuto un po’ eccessivamente, ma non compromette il buon esito all’ascolto del pezzo. La title-track “Master of confusion”, sono pronto a scommetterlo, diventerà un Must nei live dei Gamma Ray o, almeno, ha tutto per diventarlo: orecchiabilità all’ennesima potenza, coretti da urlare tutti assieme, piacevolissime parti di chitarra, ritmo indiavolato che farebbe saltare anche un morto, insomma tutto quello che ci vuole per una ricetta vincente in ambito power metal (o “happy metal”, che dir si voglia). Visto il prezzo estremamente conveniente e la durata pari ad un vero e proprio album, direi che i fans dei Gamma Ray non debbano farsi sfuggire questo “Master of confusion”, in attesa di un nuovo album che, viste le premesse dei due inediti, si preannuncia di livello qualitativo molto alto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla