A+ A A-
 

Sar: metal neoclassico interamente strumentale Sar: metal neoclassico interamente strumentale Hot

Sar: metal neoclassico interamente strumentale

recensioni

gruppo
titolo
“Neoclassical instrumental dark”
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Corriendo en circulos
2. Pesadilla numero dos
3. Ausencia
4. Existencia
5. Silencio
6. Nocturno
7. Preludio
8. Ocaso
9. Alma negra

LINE-UP:
Sergio Aravena – Guitars, bass, drum programming
Victor Vargas - Drums
Patricio Gomez – Bass, keyboards

opinioni autore

 
Sar: metal neoclassico interamente strumentale 2020-05-02 08:24:12 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    02 Mag, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il progetto Sar (sigla che sta per “Sergio Aravena Rivas”) nasce nel 2013 a Santiago del Cile per iniziativa del chitarrista e poli-strumentista Sergio Aravena; dopo aver trovato in zona il batterista in Victor Vargas ed il bassista/tastierista in Patricio Gomez, a metà aprile di quest’anno arriva anche il debut album, intitolato semplicemente “Neoclassical instrumental dark”. Detta sinceramente, più che ad un titolo, avevo pensato alla definizione del genere musicale; forse un po’ più di fantasia sarebbe stata utile, magari ispirandosi dalla bella copertina o da qualcuno dei 9 pezzi inseriti nella tracklist. La musica dei Sar è appunto un metal neoclassico totalmente strumentale, molto ben suonato e registrato in maniera pressoché perfetta, il che per una autoproduzione è caratteristica rara, specie per prodotti che arrivano dal Sud America, in cui il gusto per il vintage è ancora parecchio diffuso. A differenza di molti altri progetti di metal strumentale, i pezzi presenti in questo album non sono una mera esibizione di tecnica strumentale, ma hanno un qualcosa di simile ad una vera e propria struttura portante; certo ogni tanto il buon Sergio Aravena si perde nella voglia di mettere in mostra tutta la sua bravura, ma nella maggior parte dei casi i brani filano via senza particolari problemi e l’ascolto diventa senza dubbio piacevole. Fondamentalmente però a questo gruppo di musicisti talentuosi manca un particolare: un grande cantante. Vista la piacevole musica neoclassica, visto il gran gusto per le melodie, non oso immaginare cosa sarebbe questo disco se avesse anche una gran voce a cantare le storie dei vari pezzi! Certo, trovare un grande singer non è cosa facile (qui ci vorrebbe una voce versatile, potente ed acuta, uno alla Ralph Scheepers per capirci), ma credo che i Sar facciano bene a mettersi alla sua ricerca, per non rimanere solo e soltanto un bel progetto in cui dare sfogo alle proprie fantasie e capacità tecniche. E, per essere sinceri, vista la buona qualità di questo “Neoclassical instrumental dark”, spero vivamente di ascoltare un prossimo disco con un grande cantante in formazione.

Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Infernal Cult - All The Lights Faded
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con il terzo album arriva la consacrazione dei finlandesi Solothus
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Enuff Z'Nuff, una sequenza lineare di songs spassose e pungenti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo Motor Fist:  un lavoro piacevole e spassoso
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Bloody Heels  faranno agitare qualche testolina
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Etorkizun Beltza sorprendono in positivo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Backwater un grande esempio di rock'n'roll classico pieno zeppo di adrenalina!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla