A+ A A-
 

"Spirit of Ribellion", il nono album di Mortiis "Spirit of Ribellion", il nono album di Mortiis Hot

"Spirit of Ribellion", il nono album di Mortiis

recensioni

gruppo
titolo
Spirit of Ribellion
etichetta
Omnipresence Productions / Dead Seed Productions
Anno

Tracklist: 
1- A Dark Horizon (24:32)
2. Visions of an Ancient Future (26:35)

Line up: 
Mortiis - vocals, programming 
Levi Gawron - guitars, bass, programming
Tim van Horn -drums

opinioni autore

 
"Spirit of Ribellion", il nono album di Mortiis 2020-05-19 17:07:14 Anthony Weird
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Anthony Weird    19 Mag, 2020
Ultimo aggiornamento: 19 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Spirit of Ribellion” è una riedizione di quello che fu “Ånden som Gjorde Opprør” nel lontano 1995; questa volta Mortiis abbandona la lingua madre, per rivolgersi in inglese al pubblico internazionale e, così, scopriamo che i titoli delle uniche due tracce che già conoscevamo da allora significano rispettivamente “Un orizzonte oscuro” e “Visioni di un antico futuro”, roba che Lovecraft avrebbe apprezzato tantissimo (e chissà, magari lo sta già facendo!).
Il Goblin norvegese ha suonato “Ånden som Gjorde Opprør” per la prima volta integralmente a Stoccolma, durante il “Cold Meat Industry Fest” ed, a quanto pare, il buon successo ottenuto dal pubblico, ha spinto la band ha rimettersi a lavoro sui due brani, già lunghissimi, per aggiornarli ed allungarli ulteriormente. “Spirit of Ribellion” infatti, pur essendo un “remake” di “Ånden som Gjorde Opprør” e pur contenendo unicamente gli stessi due brani, dura circa 10 minuti in più, sfiorando l’ora intera di durata.
Al contrario di come si possa pensare, “Spirit of Ribellion” non è semplicemente un aggiornamento del sound o la distorsione qua e là dei brani, ma già dalle prime fasi di “A Dark Horizon”, è notevole la maestria nell’uso di componenti ripetitive ed ipnotiche, capaci di non stancare, ma anzi di incantare e noi, come novelli “Azathoth”, veniamo trascinati in questa dimensione onirica, fatta di sogno ed incubo, incapaci di reagire, incapaci di svegliarci, cullati da archi, ottoni, percussioni leggerissime ed eteree, forse anche pietrificati da un orrore cosmico, che non lascia scampo.
“Spirit of Ribellion” quindi, fa dell’esperienza dell’artista il suo punto di forza, forte anche di una produzione molto più professionale e non low-fi come nel 1995 (cosa di cui personalmente mi dispiaccio), perde forse lo spirito e la rabbia intrinseca delle produzioni di quegli anni, ma guadagna sicuramente in conoscenza, in consapevolezza, cosa che rende i due brani non semplicemente una riedizione “riveduta e corretta”, ma un lavoro che, seppur non originale, porta con sé un altro stato d’animo, un’altra cognizione, un altro spirito, ma pur sempre di ribellione!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

L'Aor degli Atlas continua a non convincere del tutto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come back con il botto per gli Heathen!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al quinto album gli islandesi Dynfari maturano ulteriormente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sedicesimo sigillo di una leggenda: i Napalm Death restano una garanzia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wail, heavy metal dalla Norvegia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ace Frehley: il jukebox dell'uomo spaziale (volume due)
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla