A+ A A-
 

I Purtrid Pile ed il loro solito barbarico e brutale sound I Purtrid Pile ed il loro solito barbarico e brutale sound Hot

I Purtrid Pile ed il loro solito barbarico e brutale sound

recensioni

titolo
Revel in Lunacy
etichetta
Sevared Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Brutal Death Metal 

SIMILAR ARTISTS: Devourment, Skinless, Guttural Secrete, Analpesy, Putridity 

LINE UP: 
Shaun LaCanne - vocals, guitars, bass, drums programming 

TRACKLIST: 
1. Death Waits for No One [03:42] =ASCOLTA= 
2. Devilish [03:32] 
3. Gore and More [03:05] 
4. Savage Lust for Blood [02:41] 
5. Cunt Kebab [00:36] 
6. Bone digger [02:50] 
7. Fot Subject for a Murder [02:27] 
8. Half-Ghoul [01:41] 
9. Starving for Your Blood [03:41] 
10. No Rest for the Wicked [03:41] 
11. I'd Rather Have You Dead [04:56] 

Running time: 33:02 

opinioni autore

 
I Purtrid Pile ed il loro solito barbarico e brutale sound 2020-05-20 17:59:55 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    20 Mag, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono da considerarsi tra i padrini della corrente Slam/Brutal i Purtrid Pile, solo project del cantante e polsitrumentista Shaun LaCanne: insieme ai vari Devourment, Skinless, Guttural Secrete e putrida compagnia, infatti, la creatura di LaCanne ha seminato quel che è oggi uno dei generi più suonati - e probabilmente inflazionati - nella sfera Death Metal. Pur avendo una buona carriera live, in studio i Putrid Pile non sono mai stati chissà quanto prolifici, visto che con questo "Revel in Lunacy", licenziato da Sevared Records, arrivano alla pubblicazione del sesto album, a quattro anni di distanza da "Paraphiliac Perversions" (ad oggi il miglior lavoro di LaCanne, per chi vi scrive). Se conoscete questa one man band, saprete allora di certo cosa aspettarvi da questo lavoro: i Purtrid Pile infatti non spostano di una virgola la loro proposta, fatta di un Brutal dai forti connotati Slam in cui blast beat feroci ed un possente groove convivono e danno forza al sound del Nostro. Vero è che bisogna essere abituati ad ascoltare questo genere per poterlo veramente apprezzare: un orecchio non attento avrà la sensazione di ascoltare la stessa cosa in loop, perdendosi invece la valenza del songwriting dell'artista statunitense, che personalmente ritengo tra i migliori chitarristi nell'intera scena Brutal Death; a parte infatti il solito cavernoso growl, è nelle fitte trame chitarristiche che troviamo l'highlight dei lavori dei Putrid Pile: riff granitici e taglienti, con sferzate quasi Blackened (vedasi "Bonedigger", il tutto per una quanto mai 'semplice' badilata di violenza sonora brutale e cruda.
Per gli amanti di queste sonorità, ritrovare i Putrid Pile con una nuova uscita non può che essere una buona notizia; questa one man band, infatti, è una di quelle che difficilmente potranno mai deludere, perché semplicemente Shaun suona quello che più ama, né più né meno.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Infernal Cult - All The Lights Faded
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con il terzo album arriva la consacrazione dei finlandesi Solothus
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Enuff Z'Nuff, una sequenza lineare di songs spassose e pungenti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo Motor Fist:  un lavoro piacevole e spassoso
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Bloody Heels  faranno agitare qualche testolina
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Sins Of Shadows: il cammino è ancora lungo per questo giovane act francese
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Etorkizun Beltza sorprendono in positivo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Backwater un grande esempio di rock'n'roll classico pieno zeppo di adrenalina!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla