A+ A A-
 

Annotatevi il nome dei Breaking The Silent! Annotatevi il nome dei Breaking The Silent! Hot

Annotatevi il nome dei Breaking The Silent!

recensioni

titolo
"Breaking The Silent"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Thou shall rise
2. Cry of fear
3. Sacrifice of mind

LINE-UP:
Mar K – Vocals
Andy Martin – Guitars
Dale Myroniuk - Bass
Shane Oranchuk – Drums

opinioni autore

 
Annotatevi il nome dei Breaking The Silent! 2020-05-24 09:59:50 Ninni Cangiano
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    24 Mag, 2020
Ultimo aggiornamento: 24 Mag, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano dall’Alberta (nome caro agli appassionati di Risiko) i canadesi Breaking The Silent che ad aprile 2020 hanno rilasciato il loro E.P. di debutto omonimo, composto da 3 pezzi per poco meno di 14 minuti di ottimo thrash metal. Fondati nell’agosto 2016 dalla talentuosa, quanto affascinante singer Mar K, dopo vari cambi di line-up, finalmente riescono ad autoprodurre il disco di debutto. Sono circa 35 anni che ascolto musica metal e circa 15 che scrivo recensioni, ma raramente ho avuto modo di ascoltare un debutto di tale livello qualitativo! I Breaking The Silent, pur rimanendo all’interno dei classici stilemi del thrash, riescono nel difficilissimo compito di essere originali, dimostrando di avere personalità da vendere. Questo è principalmente dovuto alla voce incredibile della cantante, capace di spaziare senza problemi dal growling al pulito, regalando acuti potentissimi e screaming da paura. A ciò si aggiunge un drumming bello potente, che non disdegna anche il blast beat e detta ritmi sempre frizzanti, nonché un lavoro da parte della chitarra di gusto ottimo. Il disco, come detto, è purtroppo composto solamente da 3 brani, ma si tratta di 3 mazzate tostissime, di fronte alle quali è impossibile rimanere fermi e non sbattere su e giù il capoccione fino a far gemere le povere vertebre cervicali. Mi meraviglia fortemente che ancora nessuna label si sia accorta dei Breaking The Silent, perchè il loro disco è molto, ma molto migliore di tantissime thrash bands affermate a livello internazionale. Se queste sono le premesse, mi aspetto un full-lenght con il botto molto presto! Complimenti vivissimi!!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Soddisfacente il debut album dei prog-deathsters tedeschi Virocracy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Threnos" gli On Thorns I Lay pubblicano il miglior lavoro dal loro ritorno
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Putridarium" degli Eternal Rot: un titolo che è tutto un programma
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rites of Daath passano agevolmente l'esame del primo full
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per i polacchi Uerberos, sulla scia del classico sound centro-europeo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Racket: Heavy e pericolosi.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devil Crusade: un debutto ancora un po' acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Battle Born, un esordio sulla scia di Majesty e Manowar
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla