A+ A A-
 

Il ritorno del progetto Drudkh sul mercato black metal mondiale. Il ritorno del progetto Drudkh sul mercato black metal mondiale. Hot

Il ritorno del progetto Drudkh sul mercato black metal mondiale.

recensioni

gruppo
titolo
Eternal Turn of the Wheel
etichetta
Season Of Mist
Anno
Tracklist:
 
Eternal Circle
Breath of Cold Black Soil
When Gods Leave Their Emerald Halls  (mp3 gratuito)
Farewell to Autumn's Sorrowful Birds
Night Woven of Snow, Winds and Grey-Haired Stars
 
I Drudkh tornano sulla scena black metal internazionale con un album altamente drammatico, che solo la mente di Roman e il suo entourage di sessionist avrebbero potuto realizzare.

opinioni autore

Voto medio dell'autore: 2 user(s)

voto 
 
3.5  (2)

 
Il ritorno del progetto Drudkh sul mercato black metal mondiale. 2012-05-17 10:08:37 Andrea De Lunardi
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Andrea De Lunardi    17 Mag, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

hot

Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ritorno del progetto Drudkh sul mercato black metal mondiale. 2012-05-16 10:26:45 Dario Onofrio
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Dario Onofrio    16 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 19 Mag, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stando al titolo di questo disco, spesso la storia si ripete: la ruota gira in eterno, e l'evoluzione umana non è un sentiero unico ma un ripetersi infinito. I Drudkh continuano così la loro storia, il loro cerchio, e ritornano, dopo la parentesi post-rock di Handful Of Stars, al più tradizionale black metal di sempre.
Trentasette minuti esatti trascorsi errando tra boschi e steppe sono quelli che attendono l'ascoltatore, che dopo la breve intro Eternal Circle si ritrova subito catapultato nella tempesta di Breath of Cold Black Soil. Ben dieci minuti per una prima traccia che mozza il fiato: qualcosa dal disco precedente è rimasto, specialmente nei vocals e nell'utilizzo della tastiera, ma anche nel punto che è sempre stato marchio di fabbrica della band ucraina, ovvero gli stacchi sospesi tra una sfuriata di blast-beating e l'altra. L'alta drammaticità del pezzo ci avvolge come il mantello raffigurato sulle spalle del vecchio errante nella copertina, fino a esplodere nell'ultimo, disperato, frangente black metal. Roman non ci dà tempo per prendere fiato e ci scaraventa in When Gods Leave Their Emerald Halls, pezzo dove vocalizzi e tastiera fanno da padroni. A livello di suono vero e proprio, i nostri hanno capito che con una discreta qualità audio è anche possibile inserire parti più complesse, come quelle che caratterizzano questo pezzo, con veri e propri "cori" da oltretomba, volti a creare un'atmosfera desolata e fredda.
Farewell to Autumn's Sorrowful Birds ricalca ancora una atmosfera vikingheggiante, ameno per l'inizio, perché con l'evolversi suoni, voci, effetti si mescolano per creare un bellissimo stacco di silenzio che prelude l'implacabile blastbeat da tormenta di neve. Appena attaccata arriva Night Woven of Snow, Winds and Grey-Haired Stars, ultimo e drammatico pezzo di questo breve disco: un'immancabile blastbeat introduttivo si snoda in una tortuosa traccia che da' spazio spesso ad altri ritmi, fino all'ottimo stacco di sole chitarre verso la metà del pezzo e un ritorno ad un tempo più vikingheggiante.
Si chiude così il nuovo lavoro dei Drudkh, sicuramente rispecchiante la loro anima originale di nazionalisti ucraini, ma che non dimentica gli sperimentali trascorsi per abbandonarsi spesso a picchi di "scavo interiore". Un buon ritorno sulle scene per una band che nel suo ambiente non ha certo bisogno di presentazioni.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla