A+ A A-
 

Interessante, per quanto acerbo, il debut EP degli Into Pandemonium Interessante, per quanto acerbo, il debut EP degli Into Pandemonium

Interessante, per quanto acerbo, il debut EP degli Into Pandemonium

recensioni

titolo
Darkest Rise
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Black/Death Metal 

FFO: Emperor, Dark Funeral, In Flames, Watain, Dissection 

LINE UP: 
Saga - vocals
Wanderer - guitars
Yomi - guitars
Zothoth - guitars
Jörmungandr - bass
Arkyn - drums 

TRACKLIST: 
1. Darkest Rise [01:23] 
2. Becoming [03:12] =ASCOLTA= 
3. Violent Uprising [05:37] 
4. Sound of Perfidy [06:34] 
5. La Morte [02:54] 
6. Fallen [05:09] 
7. Fathomless [02:45] 

Running time: 27:34 

opinioni autore

 
Interessante, per quanto acerbo, il debut EP degli Into Pandemonium 2020-06-25 18:30:40 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    25 Giugno, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debutto assoluto per gli statunitensi Into Pandemonium, sestetto proveniente dall'Ohio dedito ad un Black/Death che affonda le proprie radici anche nel Melodic Death e nel Technical Death moderno. Un mix tutto sommato interessante che si riversa subito nei pezzi che compongono questo debut EP autoprodotto a titolo "Darkest Rise", in cui possiamo trovare gli Into Pandemonium alle prese tanto con il più classico Black scandinavo - vedasi la furia di "Becoming" - quanto in passaggi quasi dal sapore Whitechapel come nella seguente "Violent Uprising", il tutto sempre farcito da interessanti melodie che richiamano il Gothenburg Sound. Se da un lato "Darkest Rise" risulta essere un lavoro più che passabile, dall'altro dobbiamo ammettere che non è scevro da qualche piccolo difetto qua e là, a partire da una produzione per certi versi un po' troppo nonvantiana che non permette di godersi a pieno l'operato dei Nostri, fino ad una composizione ed un'esecuzione che sembrano ancora un po' acerbe, ma questo è comunque un peccato veniale, essendo questo, come detto, il debutto assoluto per la band americana.
Non un lavoro destinato a passare alla storia questo "Darkest Rise", ma un ascolto l'EP degli Into Pandemonium se lo merita comunque tutto: non vi farà gridare al miracolo, ma saprà essere sicuramente un buon intrattenimento per una mezz'oretta circa.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Soddisfacente il debut album dei prog-deathsters tedeschi Virocracy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Threnos" gli On Thorns I Lay pubblicano il miglior lavoro dal loro ritorno
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Putridarium" degli Eternal Rot: un titolo che è tutto un programma
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rites of Daath passano agevolmente l'esame del primo full
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per i polacchi Uerberos, sulla scia del classico sound centro-europeo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Racket: Heavy e pericolosi.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devil Crusade: un debutto ancora un po' acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Battle Born, un esordio sulla scia di Majesty e Manowar
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla