A+ A A-
 

Dai siciliani Fordomth un ottimo lavoro di Black/Doom feroce ed atmosferico Dai siciliani Fordomth un ottimo lavoro di Black/Doom feroce ed atmosferico Hot

Dai siciliani Fordomth un ottimo lavoro di Black/Doom feroce ed atmosferico

recensioni

gruppo
titolo
Is, Qui Mortem Audit
etichetta
Auric Records
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Black/Doom Metal 

FFO: Mgła, Wiegewood, Uada, Evoken 

LINE UP: 
C.G. - vocals 
B.G. - guitars 
R.M. - bass 
C.V. - drums 

TRACKLIST: 
1. Esse [08:51] 
2. Audere [08:02] 
3. Scire [06:41] =ASCOLTA= 
4. Mors [07:42] 
5. Untitled (Bonus track) [05:32] 

Running time: 36:48 

opinioni autore

 
Dai siciliani Fordomth un ottimo lavoro di Black/Doom feroce ed atmosferico 2020-07-02 10:52:05 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    02 Luglio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dall'infuocata Catania arriva una band che fa delle atmosfere gelide il proprio cavallo di battaglia: i black/doom metallers Fordomth, arrivati con "Is, Qui Mortem Audit" alla pubblicazione - tramite Auric Records - del secondo album a due anni di distanza da "I.N.D.N.S.L.E." (e uno dallo split con i Malauriu). Questa seconda fatica rappresenta un'evoluzione per la band sicula, che mette da parte le velleità Funeral Doom dell'esordio, in cui forti erano le influenze di gente come Evoken, Skepticism, Ahab, per spostare verso i lidi di un Black/Doom altamente atmosferico sulla scia di bands come Mgła o Wiegewood, senza che però venga abbandonata del tutto una funerea atmosfera dal sapore "evokiano". Il quartetto (oggi trio, dato che il cantante C.G. ha lasciato la band dopo quest'album) è ben aiutato da una produzione che riesce perfettamente a mettere in risalto la proposta: non troppo pulita, ma nemmeno così sporca da rendere il tutto inascoltabile, con suoni pompati e ben bilanciati; un altro punto a favore insomma, contando anzitutto il fatto che le cinque tracce che compongono "Is, Qui Mortem Audit" - quattro "ufficiali" e una bonus track senza titolo - sono tutte di pregevolissima fattura, scritte ed arrangiate molto, molto bene. I Fordomth sanno quando devono spingere sull'acceleratore, così come quando rallentare i toni in passaggi atmosfericamente eccelsi e come inserire fraseggi melodici che ricordano gli Uada.
Un album da ascoltare tutto d'un fiato che, nonostante la lunga durata dei brani, non annoierà nemmeno per un secondo e che hai suoi picchi con "Audere" e "Scire". Un lavoro davvero ben fatto per una band che anche dal vivo sa il fatto suo (ed avendoli avuti ospiti nel club in cui mi occupo della programmazione, so quel che dico), dimostrazione che nel sottobosco estremo italico c'è ancora chi sa fare ottima musica che, probabilmente, merita una visibilità ancor maggiore. Tenete d'occhio questi ragazzi, che potrebbero togliersi belle soddisfazioni.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Septicflesh celebrano i trent'anni di carriera con questo magnifico Live con orchestra
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla