A+ A A-
 

Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus Hot

Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus

recensioni

gruppo
titolo
Relics of the Past
etichetta
Death In Pieces Records
Anno

PROVENIENZA: Grecia 

GENERE: Death Metal 

FFO: Obituary, Asphyx, Jungle Rot, Autopsy 

LINE UP: 
Kostas Analytis - vocals 
Panos Gkourmpaliotis - guitars 
Christos Liakos - guitars 
Kostas Ragiadakos - bass 
Jan Westermann - drums 

TRACKLIST: 
1. In League with Evil [04:55] 
2. Relics of the Past [03:09] =ASCOLTA= 
3. Aggressor (Hellhammer cover) [03:20] 
4. Death Metal (Possessed cover) [03:14] =ASCOLTA= 
5. Condemned System (Terrorizer cover) [01:15] 

Running time: 15:53 

opinioni autore

 
Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus 2020-07-05 14:19:58 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    05 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 05 Luglio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nuovo EP in casa Abyssus, band greca che sostanzialmente con questo "Relics of the Past" bissa quanto già fatto con il già recensito "Unleash the Storm": cinque brano per 1/4 d'ora totale di musica divisi in due brani inediti e tre cover. Il quintetto ateniese non smuove di una virgola la propria proposta stilistica, fortemente influenzata dalla coppia Obituary/Asphyx tanto dal punto di vista del comparto strumentale quanto (e soprattutto) per le vocals di Kostas Analytis che tanto richiamano quelle di Martin van Drunen e John Tardy. Così come nel precedente EP, anche in questo lavoro i due brani inediti sono di buona fattura: non originali, ma tutto sommato eseguiti più che egregiamente dalla band greca. La seconda parte dell'EP è invece dedicata alle cover, in questo caso i tre bands che hanno influenzato in maniera diretta i Nostri: Hellhammer ("Aggressor"), Possessed (con la leggendaria "Death Metal") e Terrorizer ("Condemned System").
Lavoro accettabile da parte degli Abyssus, ma alla fine non così trascendentale; credo ci si possa accostare a "Relics of the Past" con la giusta dose di curiosità e con la certezza di avere un rapido ma tutto sommato buon intrattenimento, ma non più di questo.

P.S. Il cd è in edizione limitata di 500 copie, le cui prime 50 hanno anche un adesivo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Septicflesh celebrano i trent'anni di carriera con questo magnifico Live con orchestra
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla