A+ A A-
 

Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist Hot

Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist

recensioni

titolo
I Am Abyss
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Lussemburgo 

GENERE: Death Metal 

FFO: Amon Amarth, Arch Enemy, Decapitated, Cannibal Corpse 

LINE UP: 
Sven Schosseler - vocals 
Tiago Perdiz - guitars, vocals 
Jo Conter - guitars 
Ben Schreiner - bass 
Michel Conter - drums 

TRACKLIST: 
1. Cannibal Preacher [04:07] 
2. Burn that Witch [03:25] =ASCOLTA= 
3. Reciper for Human Cake [03:58] 
4. Awakening the... [02:37] 
5. Terrors from the Deep [06:24] 
6. Epileptic Seizure [04:02] 
7. R.I.S.E. [04:47] =VIDEO= 
8. Adeptus Astartes [05:37] 
9. Agony of Christ upon the Cross [04:50] 
10. Apocalypse (Redux) [03:20] 

Running time: 43:07 

opinioni autore

 
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist 2020-07-06 18:18:42 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    06 Luglio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nati dalle ceneri di una precedente band, i lussemburghesi Theophagist hanno debuttato alla fine dello scorso ottobre direttamente con un full length, il qui in esame "I Am Abyss". Quello che abbiamo tra le mani è un lavoro Death a 360°, dato che va ad abbracciare diverse influenze fondendole insieme con risultati, dobbiamo dire, anche piuttosto buoni: si va dalle granitiche melodie di gruppi come Amon Amarth ed Arch Enemy fino alle sonorità più "classiche" dei Cannibal Corpse, passando per fraseggi Groove à la Decapitated e/o Whitechapel; moderno insomma, ma con un occhio sempre ben puntato sull'inossidabile vecchia scuola, per un lavoro che può vantare in primis una produzione a dir poco ottima (purtroppo nelle note non è indicato il produttore, ma complimenti a lui!). "Cannibal Preacher" risulta essere il perfetto biglietto da visita per questo "I Am Abyss", con il prosieguo dell'album che si mantiene bene o male su livelli soddisfacenti, come ad esempio il brano più lungo del lotto, "Terrors from the Deep", che rappresenta probabilmente il pezzo più completo dell'opera, così come i singolo "R.I.S.E." e "Burn that Witch".
Senza strafare, i Theophagist si portano a casa la pagnotta. "I Am Abyss" non è un lavoro che farà gridare al miracolo, ma può essere considerato tranquillamente un buonissimo debutto, seppur un po' scevro di personalità. Lavorando su questo punto, il quintetto lussemburghese potrebbe togliersi diverse soddisfazioni.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Septicflesh celebrano i trent'anni di carriera con questo magnifico Live con orchestra
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla