A+ A A-
 

Per i Nebrus un album a tratti interessante, a tratti noioso Per i Nebrus un album a tratti interessante, a tratti noioso

Per i Nebrus un album a tratti interessante, a tratti noioso

recensioni

gruppo
titolo
Dark Forces Reign
etichetta
Third-I-Rex
Anno

PROVENIENZA: Italia

GENERE: Black/Doom Metal

TRACKLIST:
1. Aenigma
2. π
3. Perdition
4. Psychostasis
5. Metamorphosis
6. XXIII

LINE-UP:
Noctuaria - vocals
Mortifero - guitars, drums
Sir VIII Coffins Mime - bass (session)

opinioni autore

 
Per i Nebrus un album a tratti interessante, a tratti noioso 2020-07-15 15:34:40 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    15 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 15 Luglio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oggi ci addentriamo nei meandri più oscuri e di nicchia del panorama black metal italiano per parlare dei nostrani Nebrus e della loro nuova fatica "Dark Forces Reign", album prodotto dalla Third I Rex uscito a distanza di tre anni dall'ultimo "Extra Malorvm".
Formatisi in terra toscana nel 2008, il duo Mortifero-Noctuaria è dedido ad un black metal con pesantissime influenze doom, così da creare, ascolto dopo ascolto, un'atmosfera a dir poco velenosa, angusta e claustrofobica. A ciò si aggiungano le ben presenti influenze della madrepatria Norvegia e quel tocco di depressive che ritroviamo in band storiche come gli Xasthur. Insomma, almeno sulla carta il calderone è bello pieno di spunti interessanti. Spunti che ovviamente non mancano in questa nuova fatica, forse un pelino superiore a quella precedente. Ma se da una parte la musica riesce perfettamente nell'intento di ipnotizzarvi e massacrarvi, dall'altra mi duole far notare che quel senso di noia e lentezza si sente fin troppo, soprattutto dal punto di vista compositivo, non tanto per quello che concerne le ritmiche lente e ripetitive -c'è comunque una forte influenza doom e guai se così non fosse-. Un punto di merito va sicuramente alla prova canora di Noctuaria: totalmente atipica per il genere e dedita ad un growl bassissimo ed echeggiante, quasi fosse un lontano gorgoglio di qualche bestia infernale, riesce molto bene a rendere ancora più soffocante l'atmosfera maledetta che si respira traccia dopo traccia. A tratti potrebbe ricordare Nocturno Culto dei Darkthrone, almeno quello degli ultimi album.
Buona, come accennato, la sezione ritmica che ogni tanto ci regala qualche accelerata molto old school (vedasi l'ottima "Perdition") ma che, alla fine, risulta quasi un fuoco di paglia in quanto il tutto tende sempre ad attestarsi sullo stesso livello. E se da una parte ciò rende tutto l'ascolto funereo e volutamente pesante, dall'altro si viene a creare quel fastidioso effetto di non prestare più attenzione a ciò che si ascolta.
Detto ciò, mi limiterò a dire che sta solamente a voi: i Nebrus sono veramente ma veramente una band di nicchia, da culto oserei dire; perciò o siete fan incalliti di questo frangente, oppure passate oltre.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aprendo il portale tra la vita e la morte...inchinatevi ai Winternius
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla