A+ A A-
 

Cruentus: forged in fire! Cruentus: forged in fire! Hot

Cruentus: forged in fire!

recensioni

gruppo
titolo
Fake
etichetta
Triple A Events
Anno

TRACKLIST:
1. Circles     
2. Everspace
3. Spoil the Flesh       
4. Never Forget     
5. Passin' Over     
6. Funambulism       
7. Shadows     
8. Blindness Means Watching       
9. Step by Step     
10. Timeless   
11. The Strain       
12. See You on the Top

LINE UP:
Adriano Boghetich - Bass
Nicola Bavaro - Vocals
Antonello Maggi - Guitars
Domenico Mele - Guitars
Valerio Di Masi - Drums

opinioni autore

 
Cruentus: forged in fire! 2020-07-24 17:35:20 MASSIMO GIANGREGORIO
voto 
 
4.0
Opinione inserita da MASSIMO GIANGREGORIO    24 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 24 Luglio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Cruentus vengono concepiti a Bari nel 1989 dal proprio deus ex machina Antonello Maggi, all’epoca quindicenne, ideatore e compositore degli attentati sonori della band. Una band fortemente legata alla scena Thrash/Death Metal vecchia scuola da cui non si discosterà mai, pur non disdegnando la sperimentazione musicale. Nei trent’anni di attività, la band vivrà numerosi cambi di formazione, ma dal ’92 le colonne di questo vero e proprio tempio del Thrash/Death Metal saranno il cantante Nicola Bavaro e il bassista, nonché principale autore delle liriche, Adriano Boghetich. Lunga e sanguinosa, la militanza dei nostri nell’italica metal-militia: nel 1992 la demo “Seeking the Truth”, cui farà seguito nel ‘94 il demo-tape “When the World Ends to Be”. Finalmente, nel 1996, il primo full-length “In Myself”, prodotto dal mitico Paul Chain. Seguono i due EP Promo, rispettivamente del 1999 e 2007 per poi approdare a questa stupenda e micidiale fatica datata 2019: un album davvero forgiato nel fuoco, autenticamente estremo, senza fronzoli, caratterizzato da dodici tracce al vetriolo, in grado di fare davvero male e di mettere KO il tapino ascoltatore, ignaro di ciò che lo aspetta prima che prema il tasto play, dando la stura (con “Circles”) ad un uragano di fiamme iper-violente e senza requie al pari di un bombardamento al Napalm. Un turbine infuocato che tutto distrugge, passando attraverso i vari "Never Forget" e Blindness Mean Watching". La liberazione arriverà solo con la conclusiva “See You on the Top”: ma non sarà troppo tardi?

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una mezz'ora di Brutal Death nudo e crudo con gli indonesiani Chancroid
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Pitchblack un ritorno privo di qualsivoglia mordente
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP più che soddisfacente per gli statunitensi Carnal Ruin
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Dark Fortress un gran ritorno dopo sei anni
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Invincible Force ed il ban a qualsiasi approccio moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto con il botto per i francesi Furies
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Bakken meritano attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nacarbide, speed metal dalla Thailandia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per gli Adamantis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kartzarot, dalla Spagna con un heavy-rock classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lyonen: debutto vario, interessante e ricco di spunti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla