A+ A A-
 

Neverdream: un progressive ispirato cantato in lingua italiana! Neverdream: un progressive ispirato cantato in lingua italiana! Nuovo

Neverdream: un progressive ispirato cantato in lingua italiana!

recensioni

titolo
Figli dell'Alba
etichetta
Elevate Records
Anno

Tracklist:
01. Fuga Da Un Sogno
02. I Figli Dell’Alba
03. Onde Scure
04. Pioggia Di Catene
05. Il Prezzo Della Libertà
06. Grimorio
07. Versi Di Speranza
08. Barnum
09. Venere
10. Danza Del Fuoco
11. Dentro Una Divisa
12. La Clessidra Nel Vento
13. Il Mare Dei Sogni

Line-up:
Giorgio Massimi – voce
Guiseppe Marinelli – chitarre
Mauro Neri – tastiere
Enrico Sandro: basso
Luca Urbinati – batteria
Alessandra Filippi – voce

opinioni autore

 
Neverdream: un progressive ispirato cantato in lingua italiana! 2020-07-30 10:35:00 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    30 Luglio, 2020
Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nascono nel 2004 i Neverdream, band che si destreggia subito attraverso sonorità progressive con influenze che prendono fortemente da tutta la scena melodica dell'universo metal (Dream Theater, Fates Warning, Stratovarius, Symphony X, Blind Guardian...).

Dopo alcuni dischi in studio, ora la band è pronta per un nuovo concept stavolta tutto in italiano - che tratta il problema del razzismo e della schiavitù - dal titolo “Figli Dell'Alba”, un lavoro che si sviluppa attraverso tredici brani intensi, dove le esplosioni tecniche sono tenute a bada da passaggi melodici dal buon impatto, a partire dalla teatrale introduzione “Fuga Da Un Sogno” dove Giorgio Massimi al microfono viene accompagnato dal pianoforte di Mauro Neri. Si dilunga per quasi sette minuti la prog “Il Prezzo Della Libertà”, che presenta anche una parte cantata dalla voce femminile di Alessandra Filippi. Decisamente più power-heavy è invece la partenza e la conduzione della sparata “Grimorio”. Dopo la lunga suite “Barnum”, troviamo le brevi ed intense “Venere” e “Danza Del Fuoco”, in cui nuovamente Alessandra si erge protagonista, stavolta muovendosi su note liriche. La ballata “Dentro Una Divisa” è calda e lascia spazio alle note intense di “Il Mare Dei Sogni”, omaggio alla grande musica italiana.

Non fatevi spaventare dai testi in italiano; “Figli Dell'Alba” è un disco da ascoltare con passione, la stessa che sicuramente ha spinto i Neverdream nella stesura di questi brani.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Septicflesh celebrano i trent'anni di carriera con questo magnifico Live con orchestra
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla