A+ A A-
 

Un secondo album ampiamente sufficiente per i finlandesi Denominate Un secondo album ampiamente sufficiente per i finlandesi Denominate Nuovo

Un secondo album ampiamente sufficiente per i finlandesi Denominate

recensioni

titolo
Isochron
etichetta
Inverse Records
Anno

PROVENIENZA: Finlandia 

GENERE: Progressive Death Metal 

FFO: Obscura, Opeth, Edge of Sanity, Gorod 

LINE UP: 
Ville Männikkö - vocals
Kimmo Raappana - guitars
Eetu Pylkkänen - guitars, vocals
Tuomas Pesälä - bass
Joni Määttä - drums 

TRACKLIST: 
1. The Chain [06:40] =ASCOLTA= 
2. Departure [07:06] 
3. Abandoned [07:07] =ASCOLTA= 
4. Succession [07:57] 
5. Desolation [06:51] 
6. The Chronicler [10:22] 
7. Isochron [09:40] 

Running time: 55:43 

opinioni autore

 
Un secondo album ampiamente sufficiente per i finlandesi Denominate 2020-07-31 11:00:40 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    31 Luglio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo album per i finlandesi Denominate con questo "Isochron", che arriva a quattro anni di distanza dal debutto "Those Who Beheld the End"; è un Progressive Death Metal che affonda le proprie radici anche in "altre acque" quello della band di Oulu, non essendo difficile trovare passaggi dal sapore Blackened qua e là, scelta a nostro avviso saggia, visto che vanno a spezzare quella che rischierebbe d'essere una monotonia Prog-Death. Di sicuro, l'affiatamento tra i cinque membri è più che evidente - line up mai cambiata sin dai tempi in cui i Nostri si chiamavano Encrypted -, così come è evidente che il tasso tecnico del quintetto finlandese è elevatissimo: i Nostri traggono ispirazione in primis dalla scuola svedese di Opeth ed Edge of Sanity, ma sono probabilmente gli Obscura ad influenzarli maggiormente, e possiamo accorgercene ad esempio con i passaggi tecnici quanto squisitamente melodici di "Departure", a nostro avviso il brano migliore del lotto. Per gli amanti di tali sonorità, "Isochron" è un lavoro che scorre via piacevolmente, grazie anche alle sferzate Blackened che offrono una maggior gamma di colori alle composizioni - l'incipit di "Abandoned", ad esempio, è decisamente ben eseguito! -; magari una produzione un po' più pompata avrebbe maggiormente giovato all'economica generale dell'album e in alcuni punti i Denominate dovrebbero tendere a "specchiarsi" un po' meno - il brano più corto di "Isochron" è l'opener "The Chain" con i suoi 6:40 -, ma non possiamo dire che questa seconda fatica della band finnica non sia soddisfacente. Un ascolto decisamente consigliato.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debutto degli Ignited raggiunge la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doro: una regina affezionata alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Warkings è sinonimo di qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Finlandia il martellante Blackened Death dei Sepulchral Curse
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Septicflesh celebrano i trent'anni di carriera con questo magnifico Live con orchestra
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una nuova sfilza di ospiti ed un altro buonissimo album: tornano i Buried Realm
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Damnation Angels: ritorno in gran stile!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chrysarmonia: pronti per il full length
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elvenpath, non ci siamo proprio!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Princess: “Lovely Heaven Crazy Band” è un disco a fasi alterne
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla