A+ A A-
 

Influenze della vecchia scuola svedese per i floridiani Fleshdriver nel loro demo d'esordio Influenze della vecchia scuola svedese per i floridiani Fleshdriver nel loro demo d'esordio Hot

Influenze della vecchia scuola svedese per i floridiani Fleshdriver nel loro demo d'esordio

recensioni

titolo
Leech
etichetta
Redefining Darkness Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death Metal 

FFO: Nihilist, Grave, Entombed, Black Breath, Trap Them 

LINE UP: 
Tyler Denslow - vocals, guitars 
Quinn Riley - drums 

TRACKLIST: 
1. Leech [02:12] 
2. Soul Thirst [03:40] =ASCOLTA= 
3. Kingdom of Rats [03:19] 
4. Morte Agitur [03:10] =ASCOLTA= 
5. The Golden Calf [02:16] 

Running time: 14:37 

opinioni autore

 
Influenze della vecchia scuola svedese per i floridiani Fleshdriver nel loro demo d'esordio 2020-08-04 14:48:06 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    04 Agosto, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Credo che ormai al giorno d'oggi nessuno più usi il termine "demo" per un'uscita discografica, ma è esattamente così che viene presentato il debutto assoluto degli statunitensi Fleshdriver: un demo (o una demo... questa resterà sempre una questione aperta come il siculo "arancino/arancina"). Pubblicato settimana scorsa da Redefining Darkness Records in formato cassetta, anche se ad onor di cronaca è uscito anche a giugno per K.O.T.P. Recordings in cassetta e digitale, "Leech" è quindi come abbiamo detto il debutto assoluto sul mercato del duo proveniente dalla Florida. Data la provenienza, si sarebbe subito portati a pensare che avremo davanti la "solita" band floridiana, influenzata dai vari Morbid Angel, Hate Eternal, Obituary... Niente di più sbagliato. Il duo di Tallahassee predilige, come possiamo ascoltare sin dalle prime note dell'opener "Leech", la scuola svedese di Entombed, Grave e Nihilist, dando ampio spazio a uscite hardcoreggianti à la Black Breath e Trap Them. Con un sound novantiani e un formato molto in voga in quegli anni, la produzione non poteva essere da meno: i suoni di "Leech" infatti ricordano non poco i demo in cassetta di quell'epoca, senza che però il tutto risulti troppo nostalgico o, soprattutto, scadente e/o amatoriale. Alla fine dei conti, "Leech" è un lavoro che non brillerà per originalità, ma va a guadagnarsi comunque una più che meritata sufficienza: il quarto d'ora scarso di durata ci mostra dei musicisti che suonano essenzialmente per passione e con risultati a nostro avviso convincenti.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla