A+ A A-
 

Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto. Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto. Hot

Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto.

recensioni

gruppo
titolo
“The IV Argvments: Quaestio Per Tormenta”
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist: 
1. Chains Of Casuality
2. The Sins Of Weakness
3. The Great War
4. The Deathborne Reborn

Line up:
Oxe: Vocals
Ema: Drums
Petrus: Guitar
Tommy: Guitar
Lazarus: Bass

opinioni autore

 
Vlterior: quando violenza e tecnica vanno a braccetto. 2020-08-05 17:06:40 Corrado Franceschini
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Corrado Franceschini    05 Agosto, 2020
Ultimo aggiornamento: 05 Agosto, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E’ tempo di vacanze quindi vi lascio un compitino facile da svolgere. Cercate in rete i nomi reali dei componenti dei ferraresi Vlterior. Ciò che risulta è che tutti e cinque i musicisti hanno fatto o fanno parte di altre band. A cosa serve tutto ciò? A scoprire altre realtà del sottobosco Metal italiano e per capire che non siamo di fronte a dei musicisti improvvisati. Vlterior nascono nel 2017 e nel 2018 rilasciano il primo omonimo demo a cinque pezzi. Il 19 maggio 2019, ritrovata una propria stabilità, il quintetto registra alcune canzoni all’Art Distillery Studio di Claudio Mulas e a gennaio 2019 esce l’EP “The IV Argvments: Quaestio Per Tormenta”. La formazione propone un Death Metal tecnico e lo fa menando mazzate a destra e a manca con una precisione che lascia piacevolmente allibiti. Ho ascoltato i quattro pezzi di questo EP con delle cuffiette da pochi euro e le mie orecchie ne sono uscite “doloranti”; ma non per colpa degli auricolari. Il lavoro svolto in fase di produzione è veramente tosto e dà il giusto risalto a tutti gli strumenti. “Chains of Casuality” è un diretto sulle gengive aiutato da un coro con eco e da stacchi. A iniettare al tutto un che di malignità ci pensa la voce di Oxe che passa dal ringhio a un tono più acuto e, appunto, mefistofelico. Il marchio delle chitarre dissonanti; paragonarle agli Slayer sarebbe forse un azzardo, è opera della premiata ditta Tommy/Petrus. L’inizio a chitarre separate di “The Sins Of Weakness” ci porta direttamente in un vortice sparatissimo che, in seguito, devia verso un ritmo montante cadenzato. In questo caso, dopo metà pezzo, è la batteria di Ema a mettersi in mostra. Bello lo stacco imperioso prima della ripresa del ritmo base. “The Great War” passa da una velocità a un’altra con un’aura di claustrofobia aumentata da un cambio mortifero. In questo caso le chitarre “schizoidi” hanno il ruolo ben preciso di alienare l’ascoltatore; e ci riescono. “The Deathborne Reborn”; visto il titolo direi che è una sorta di seguito della “The Deathborne” del primo demo, ha tanti di quei movimenti al suo interno che vi aiuteranno a tenere alta la soglia dell’attenzione. C’è di tutto: tempi a strappi, cavalcate, ritmo battente, e una sezione basso (opera di Lazarus n.d.a.), batteria veramente potente. Non ho capito cosa è il leggero fischio (effetto Larsen?) che si sente in alcuni frangenti ma è veramente un’inezia. Il Death è un genere ostico che può causare noia se le band hanno poche idee. Fortunatamente questo non è il caso degli Vlterior.

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Damnation Gallery: l'inferno può attendere.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Synthetic: un mix di varie sonorità che potrebbe colpire più di qualche ascoltatore!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un "Best of" per ripercorrere la carriera di Mark Boals con le sue band
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un altro ritorno a lungo atteso con gli olandesi Arsebreed
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debut album non propriamente per tutti quello dei Greybeard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un po' troppi generi e sottogeneri convivono nel sound del debut album degli Aal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ai Memoremains serve una chitarra più protagonista
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prodotti del genere lasciano il tempo che trovano: tornano i Tension Rising!
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nyxem propongono un album interamente realizzato con sintetizzatori e suoni campionati
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Winter Nights: Un melodic death poco melodic e tanto death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla