A+ A A-
 

FUEL FROM HELL, UN DISCO CHE RIMANE IN TESTA FUEL FROM HELL, UN DISCO CHE RIMANE IN TESTA Hot

FUEL FROM HELL, UN DISCO CHE RIMANE IN TESTA

recensioni

titolo
Easier said than done
etichetta
Street Symphonies Records
Anno

Tracklist:

1 Electrified

2 Poison Whiskey

3 Nowhere in the night

4 Some girls

5 Send me your love

6 Anything goes

7 17 & Wasted

8 Midnight

9 December '89

10 Bad Jane

11 House of Love

Line up

Phil Lasher: lead vocals

Dam Littmanen: guitar, vocals

Steve Eighteen: guitar, vocals

Max Velvet: bass, vocals

Alex Count: drums

opinioni autore

 
FUEL FROM HELL, UN DISCO CHE RIMANE IN TESTA 2013-04-25 16:08:58 Giada
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Giada    25 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un disco che rimane nella testa di chi lo ascolta e difficilmente se ne va.
L'ultimo album dei "Fuel from hell" cattura fin dalla prima traccia con un sound che ricorda moltissimo i Deep Purple.
Una voce che ben si adatta allo stile musicale affrontato dal gruppo e dei musicisti che fanno "cantare" i loro strumenti con grande maestria.
"Easier said than done", non risulta affatto banale e scontato, anzi in ogni canzone si possono scorgere sonorità degne di nota, che mettono in rilievo l'accuratezza che è stata riservata a questo lavoro.
Nonostante sia un genere particolare, composto da una voce graffiante e una forte musicalità, i testi rimangono impressi nella mente di chi lo ascolta e spesso ci si ritrova a canticchiare qualche stralcio di canzone.
"Anything goes" è una di quelle tracce che danno la carica, di quelle che ti fanno iniziare la giornata con un sorriso made in rock; ogni strumento risulta perfetto, nulla è fuori posto, nulla è scontato.
Difficile risulta estrarre il cd dallo stereo in quanto una volta finite di ascoltare le tracce si viene colti immediatamente dalla voglia di farlo ripartire ancora e ancora. Lo si può ascoltare e riascoltare mille volte senza mai stancarsi di quelle note. Non si trova una traccia uguale all'altra, nulla di ripetitivo. Tutto risulta bene misurato e unico.
"Easier said than done" è un album che viene voglia di ascoltare dal vivo per assaporarne l'essenza. Un album che mette allegria ed è piacevole da ascoltare in ogni situazione.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Ereley puntano su atmosfere dark e cupe con sonorità tipicamente horror
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Altaria risorgono dalle ceneri e ristampano il loro album icona "Divinity"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Aevum e sonorità decisamente particolari
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è poco da salvare nel nuovo disco dei Darker Half
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano gli Angerot con un sound totalmente diverso rispetto il debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla