A+ A A-
 

Game Over: Thrash italiano di classe superiore. Game Over: Thrash italiano di classe superiore. Hot

Game Over: Thrash italiano di classe superiore.

recensioni

titolo
For Humanity
etichetta
My Graveyard Productions
Anno

 

 

01.  Abyss of a Needle

02.  Dawn of the Dead

03.  Mountains of Madness

04.  War of Nations

05.  Overgrill (El Grillador Loco)

06.  N.S.A.

07.  Bleeding Green

08.  Another Dose of Thrash

09.  Evil Clutch

10.  Tupa Tupa or Die

opinioni autore

 
Game Over: Thrash italiano di classe superiore. 2013-04-28 11:33:59 Corrado Franceschini
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Corrado Franceschini    28 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Probabilmente sarò l’ultimo a recensire il Cd “For Humanity” dei Thrashers Game Over ma, senza falsa modestia, sono stato fra i primi ad accorgersi del talento e delle potenzialità del quartetto ferrarese. Dico così perché dopo avere saggiato la consistenza del gruppo in una data dal vivo al Twilight di Fabbrico il 3-07-09 (esiste il report del concerto con Irreverence e Torment) chiesi e ottenni da Renato “Reno” Chiccoli il primo demo “Thrash Is Back!!!” (2009) e lo recensii su Powermetal.it con voto 6,5/10. Miglior sorte toccò al secondo demo sempre del 2009 Heavy Damage” che si beccò 8/10. Oggi, in ritardo appunto, mi concentro sul primo full lenght uscito nel 2012 per My Graveyard Productions. I Game Over si sono messi nelle sapienti mani di Simone Mularoni ed hanno confezionato un Cd a 10 tracce: 8 nuove di zecca e 2 (“Dawn Of The Dead” e Tupa Tupa Or Die”) già edite nel secondo demo ma registrate di nuovo per l’occasione. Sappiamo tutti quali sono gli ingredienti base del Thrash old school. Velocità al galoppo, il ritmo che le nuove generazioni chiamano “Tupa Tupa”, e di quella ce ne è in abbondanza. Idem per i cori che rafforzano il ritornello o il titolo del brano sparato a gran velocità. Luca “Ziro” Zironi e Alessandro “Sanso” Sansone” alle chitarre, poi, si accollano in pieno il ruolo e il lavoro che hanno reso famose coppie come Holt/Hunolt (Exodus) dividendosi i compiti e i soli dal timbro diverso o viaggiando all’unisono sulla stessa strada di scorrimento. Non aspettatevi dai Game Over grosse novità. Piuttosto in ognuna delle 10 tracce troverete presenti e riconoscibili i tratti delle migliori Thrash e Speed Bands del passato e vi dico quali sono. Echi di Exodus, appunto, si riscontrano in “Abyss of a Needle” e in quella che potrebbe essere la nuova “Strike of the Beast” (da “Bondend By Blood”) ovvero “Another Dose of Thrash”. I tedeschi Destruction fanno capolino in “Dawn of the Dead” e nella fase centrale del Thrash battente di “Mountains of Madness”. “War of Nations” rende omaggio al suono di Tankard e Assassin mentre è possibile ritrovare gli alcool addicted di Gerre nelle note di “Bleeding Green”. Gli Anthrax ricevono il pedaggio pagato dal mid tempo Thrash – Mosh di “Overgrill (El Grillador Loco)” mentre la brevissima “N.S.A.” prende spunto da S.O.D. e Nuclear Assault. Qualche nota in più la spendo per le ultime due tracce del CD. “Evil Clutch” nonostante i suoi cori incalzanti e feroci fatti veramente bene presenta pochissime piccole sbavature nel mixaggio: roba da attenti ascoltatori e “puristi del suono”. “Tupa Tupa Or Die” è un classico del gruppo ed è anche un piccolo gioiello per come è costruita e suonata. Incalzante e rabbiosa come si deve è la perla che ci voleva per concludere degnamente “For Humanity”. Che siate nati e cresciuti con il Thrash o che lo abbiate scoperto solo in un secondo tempo non potete ignorare i Game Over

Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Ereley puntano su atmosfere dark e cupe con sonorità tipicamente horror
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Altaria risorgono dalle ceneri e ristampano il loro album icona "Divinity"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Aevum e sonorità decisamente particolari
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
C'è poco da salvare nel nuovo disco dei Darker Half
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano gli Angerot con un sound totalmente diverso rispetto il debut album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla