A+ A A-
 

Una delusione il nuovo album degli At Vance Una delusione il nuovo album degli At Vance Hot

Una delusione il nuovo album degli At Vance

recensioni

gruppo
titolo
"Facing your enemy"
etichetta
AFM Records
Anno

 

  1. Heaven is calling
  2. Facing your enemy
  3. Eyes of a stranger
  4. Fear no evil
  5. Live & learn
  6. Dont’ dream
  7. See me crying
  8. Saviour
  9. Tokyo
  10. March of the dwarf
  11. Fame and fortune
  12. Things I never needed

 

opinioni autore

 
Una delusione il nuovo album degli At Vance 2012-05-17 17:50:02 Ninni Cangiano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    17 Mag, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dopo i mediocri “VII” e “”Ride the sky”, essendo trascorsi quasi 3 anni di silenzio, mi aspettavo dagli At Vance e dal loro leader Olaf Lenk un ritorno in grande stile, non dico al livello dei fasti dei primi splendidi albums, ma almeno qualcosa di decente.... invece, purtroppo, eccoci ancora a commentare un album a dir poco insufficiente, per non dire pessimo, come questo “Facing your enemy”! Rimane solo il talento nel suonare la chitarra di Olaf Lenk che, purtroppo, da solo e fine a se stesso, non riesce a render accettabile la composizione dei vari pezzi. E dire che questo album comincia anche bene, dato che “Heaven is calling” (furbamente piazzata in apertura) è forse, assieme alla veloce ed allegra “Saviour”, il brano migliore e più frizzante dell’album, forse l’unico in grado di competere con le più vecchie produzioni della band tedesca. La restante parte dei pezzi, fatte poche e rare eccezioni (la già citata “Saviour” ed “Eyes of a stranger”), è davvero deprimente e noiosa ed ho faticato davvero parecchio ad arrivare alla fine di ogni ascolto, tanta e forte era la voglia di skippare alla canzone successiva. Discorso a parte per “Tokyo”, utilizzata per un singolo uscito prima dell’album, che è talmente differente dal resto ed avulsa dal contesto da sembrare un pezzo dei Survivor (sì, proprio quelli di “Eye of the tiger”!), facendomi sorgere il dubbio di trovarmi al cospetto di una cover-song a me sconosciuta. Anche la conclusiva “Things I never needed” la trovo decisamente avulsa dal contesto, con il suo hard rock alla Bon Jovi, sicuramente carino, ma alquanto differente da cosa sarebbe lecito aspettarsi dagli At Vance. Rimane da parlare della strumentale “March of the dwarf”, consueto rifacimento di brano classico, questa volta si tratta di un estratto da una composizione di Edvard Grieg (op. 54 no. 3) che dimostra ancora una volta la notevole capacità a livello tecnico dei musicisti della band. Tolta quest’ultima e quei rari episodi positivi innanzi citati, quel che rimane di questo “Facing your enemy” (della curiosa durata di 49 minuti e 49 secondi!) è davvero scarso e mi ha messo addosso una notevole tristezza, dato che è evidente che agli At Vance è rimasto ben poco da dire e ben poco da offrire alla scena power tedesca ed europea. Speriamo cambi qualcosa perché, andando avanti così, la vedo davvero dura!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un disco perfetto per i Temperance
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Epic metal spedito e aggressivo per i Dragonlore
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dal Frontiers Rock Fest 2019 la prestazione degli Hardline
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ennesimo live dei Kreator: ne valeva la pena?
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Archon Angel: per rivivere almeno in parte i Savatage di Zak
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Venti anni di Kryptos!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Se vi piacciono i Macabre, non potete perdervi i canadesi Tales of the Tomb
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP tutto sommato soddisfacente per i tech-death metallers canadesi Moosifix
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, un disco dispersivo che avrebbe potuto dare molto di piú.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Myrholt, le uscite che non servono..
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il quarto capitolo delle raccolte dei Mesmerize
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Fallen: Un metal vecchio stampo purtroppo poco convincente
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla