A+ A A-
 

EP di debutto del chitarrista olandese Hayk Ersermerci EP di debutto del chitarrista olandese Hayk Ersermerci Hot

EP di debutto del chitarrista olandese Hayk Ersermerci

recensioni

titolo
Hayk Ersemerci
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. The Open(Th)ing
2. Rekall
3. Zuul
4. The Gold Room
5. Soul Glo

Line-up: 
Hayk Ersemerci - all instruments

opinioni autore

 
EP di debutto del chitarrista olandese Hayk Ersermerci 2020-09-04 18:21:21 Virgilio
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Virgilio    04 Settembre, 2020
Ultimo aggiornamento: 04 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Primo EP del chitarrista olandese Hayk Ersemerci, il quale propone un disco costituito da cinque tracce, per una durata di poco superiore ai quindici minuti. Il lavoro è incentrato, ovviamente, soprattutto sulla chitarra dell'autore, con un solido accompagnamento ritmico e inserti di synth. Lo stile proposto s'ispira a un melodic death dotato di un certo groove, con elementi djent e metalcore e qualcosa di prog metal (in tal senso, ad esempio si confronti "Soul Glo"). Il disco si presenta senz'altro valido dal punto di vista tecnico ed esecutivo, con Ersemerci che si muove agevolmente tra riff a iosa e parti di lead guitar complesse. Sotto il profilo compositivo, in effetti, per quanto le tracce siano alquanto articolate e varie, non si riscontra nulla di particolarmente memorabile: i brani hanno una loro personalità e una loro credibilità, ma si ha spesso l'impressione di ascoltare soluzioni già usate ed abusate, di ritrovarsi di fronte alla classica sensazione del "già sentito". Diciamo che l'EP può rappresentare senz'altro un'ottima presentazione per l'autore e un ottimo punto di partenza; d'altra parte, in realtà, per poter emergere, servirà ancora qualche ulteriore sforzo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla