A+ A A-
 

Gli Ironstone sembrano avere grandi potenzialità, ma questo esordio non ci ha entusiasmati. Gli Ironstone sembrano avere grandi potenzialità, ma questo esordio non  ci ha entusiasmati. Hot

Gli Ironstone sembrano avere grandi potenzialità, ma questo esordio non  ci ha entusiasmati.

recensioni

gruppo
titolo
Prophecy
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. Better Unseen
2. Bound
3. Downpour
4. Hollow
5. Killed A Man
6. Origin

Line-up:
Dan Charlton - Lead Vocals
Edward Warren - Lead Guitar, Vocals
Aidan Kalms - Rhythm Guitar
Oliver Hosking - Bass 
Jackson Whyte - Drums, Vocals

opinioni autore

 
Gli Ironstone sembrano avere grandi potenzialità, ma questo esordio non ci ha entusiasmati. 2020-09-05 11:22:16 Virgilio
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Virgilio    05 Settembre, 2020
Ultimo aggiornamento: 05 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Ironstone sono un giovane gruppo australiano, che debutta con questo EP, composto da sei tracce ed intitolato "Prophecy". Presentati come una band prog, in realtà mostrano più che altro di provare a mettere dentro un po' di tutto: metal melodico, modern metal, metalcore, djent e così via. Il loro stile è costituito da riff massicci, carichi di un certo groove, ritornelli catchy, con la voce che va di solito chiara e pulita, ma spesso alterna passaggi con extreme vocals. Diciamo che, pur trattandosi di esordienti, ci saremmo aspettati una proposta un po' più originale: questa sorta di crossover ispirato a cliché e schemi già abusati, tratti da diversi generi, finisce probabilmente per scontentare un po' tutti. Peraltro, il fatto che la band cerchi la potenza ma poi vada costantemente a staccare con dei refrain talmente melodici da risultare quasi stucchevoli, dà quasi l'impressione che i brani siano studiati a tavolino per risultare più accattivanti. Riteniamo che il gruppo abbia buone potenzialità, ma di un disco così, ne abbiamo sinceramente le tasche piene e possiamo farne anche a meno.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla