A+ A A-
 

Sulfureo e sinistro il primo full length dei Void Rot Sulfureo e sinistro il primo full length dei Void Rot

Sulfureo e sinistro il primo full length dei Void Rot

recensioni

gruppo
titolo
Descending Pillars
etichetta
Everlasting Spew Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death/Doom Metal 

FFO: Krypts, Incantation, Spectral Voice, Mortiferum, Solothus 

LINE UP: 
JH - vocals, guitars, synths 
KS - guitars 
CC - bass 
WB - drums 

TRACKLIST: 
1. Descending Pillars [08:33] =ASCOLTA= 
2. Upheaval [03:30] 
3. Liminal Forms [06:30] =ASCOLTA= 
4. Delusions of Flesh [06:04] 
5. Inversion [05:02] =ASCOLTA= 
6. The weight of a Thousand Suns [01:08] 
7. Monolith (Descending Pillars Pt. II) [06:50] 

Running time: 37:37 

opinioni autore

 
Sulfureo e sinistro il primo full length dei Void Rot 2020-09-12 14:49:00 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    12 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dopo un interessante - ma molto breve - EP d'esordio a titolo "Consumed by Oblivion", tornano dopo due anni con il loro primo full length gli statunitensi Void Rot; prodotto come il precedente lavoro dalla nostrana Everlasting Spew Records, "Descending Pillars" è un lavoro che ci mostra una band già in piena coscienza dei propri mezzi: aggiustato leggermente il tiro con la produzione (unico cruccio del debut EP, n.d.r.), il quartetto di Minneapolis riversa in questo lavoro una monolitica valanga di riffoni pesanti, sinistri arpeggi ed una batteria dura come granito, il tutto a costruire un'impressionante muraglia sonora che accompagna il cavernoso growl di JH. Un Death/Doom senza il minimo compromesso, con uno stile che vede oggi - almeno per chi vi scrive - negli Spectral Voice la propria massima espressione; i Void Rot dimostrano però di non essere affatto da meno, riuscendo a passare da brani ciclopici come la title track che apre il disco ad una più feroce, sinistra e rapida "Upheaval", macinando violenza sonora su di un'immaginario che ha dell'orrorifico. Senza contare che a nostro avviso già le sole "Liminal Forms" e "Delusions of Flesh" valgono da sole l'acquisto di questo lavoro.
L'occhio lungo di Giorgio di Everlasting Spew ha fatto centro di nuovo: i Void Rot sono, in ambito Death/Doom, una band da tenere strettamente sotto osservazione: con "Descending Pillars" conquistano una meritata quanto facilissima promozione, ma è lecito aspettarsi grandi cose in futuro da questi ragazzi del Minnesota.

Nota a margine: "Descending Pillars" è disponibile, per i collezionisti, anche in formato tape grazie a Sentient Ruin Laboratories.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla