A+ A A-
 

Enormi i passi avanti compiuti dai brasiliani Jupiterian Enormi i passi avanti compiuti dai brasiliani Jupiterian

Enormi i passi avanti compiuti dai brasiliani Jupiterian

recensioni

titolo
Protosapien
etichetta
Transcending Obscurity Records
Anno

PROVENIENZA: Brasile 

GENERE: Sludge/Death/Doom Metal 

FFO: Ahab, Mournful Congregation, Loss, Winter, Lurk 

LINE UP: 
V - vocals, guitars 
A - guitars 
R - bass 
P - drums 

TRACKLIST: 
1. Homecoming [02:09] 
2. Mere Humans [05:38] =ASCOLTA= 
3. Voidborn [06:53] =ASCOLTA= 
4. Capricorn [07:06] =ASCOLTA= 
5. Starless [07:13] 
6. Earthling Bloodline [06:40] =VIDEO= 

Running time: 35:39 

opinioni autore

 
Enormi i passi avanti compiuti dai brasiliani Jupiterian 2020-09-14 16:04:21 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    14 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando tre anni fa recensimmo l'album "Terraforming" dei brasiliani Jupiterian, scrivemmo di come, pur avendo rilasciato un buon lavoro, la band di São Paulo avrebbe dovuto osare di più per emergere dalla media; difficilmente ci saremmo aspettati che già con l'album seguente, il qui in esame "Protosapien", ci saremmo trovati davanti ad una band che è riuscita a fare passi da gigante in avanti! Nel periodo intercorso tra i due lavori, gli Jupiterian non solo sono maturati, ma pur mantenendo inalterata la loro formula a cavallo tra Sludge e Death/Doom hanno anche mutato, per certi versi, il proprio stile. Negativi all'inverosimile, con quella componente Sludge cruda e spietata, i brasiliani hanno dato maggior risalto alle funeree atmosfere di gruppi come Ahab e Mournful Congregation, ammantando il tutto da una fortissima dose di personalità; non abbandonano per nulla i soffocanti passaggi Drone che abbiamo trovato in "Terraforming", ma la cosa che maggiormente colpisce in questo a dir poco ottimo "Protosapien" è l'incredibile lavoro delle chitarre che tra arpeggi dal sapore maligno e taglienti parti soliste, riescono in combutta con una sezione ritmica sempre estremamente sul pezzo a dare un nuovo taglio al sound dei Nostri (vedasi la sfuriata Blackened in "Voidborn").
"Protosapien" potrebbe sembrare, sulle prime, l'ennesimo buon album del genere e niente più. E' soprattutto con gli ascolti successivi che ci si rende conto delle molteplici sfumature con cui gli Jupiterian hanno costruito quello che è, ad oggi, il loro miglior lavoro. La band brasiliana è maturata, si è fatta grande: da adesso in avanti dovranno "solo" confermare questa loro crescita esponenziale. Per adesso, però, godiamoci la loro cruda negatività con l'ottimo "Protosapien".

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla