A+ A A-
 

Un buon esordio per i Memories of Old Un buon esordio per i Memories of Old Hot

Un buon esordio per i Memories of Old

recensioni

titolo
“The Zeramin game”
etichetta
Limb Music
Anno

LINE-UP:
Billy Jeffs - guitars, drums, keyboards
Tommy Johansson – vocals
Anthony Thompson – keyboards
Erick Tekilla – bass
James Chapman – drums

TRACKLIST:
1. In exordium
2. Overture
3. The land of Xia
4. Zera's shadow
5. Some day soon
6. Destiny
7. Across the seas
8. Arrival
9. A hooded traveller
10. Fowlen's revenge
11. The Zeramin game
12. Finale

opinioni autore

 
Un buon esordio per i Memories of Old 2020-09-15 08:20:43 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    15 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Memories of Old nascono nel 2017 per iniziativa del batterista degli inglesi Nightmare World che, dopo aver convinto il tastierista della stessa band, Anthony Thompson, è entrato in contatto con il cantante svedese Tommy Johansson (Golden Resurrection, ReinXeed, ecc.). Dopo aver completato la line-up ed aver trovato un contratto con la Limb Music, arriviamo a settembre 2020 quande la band rilascia il proprio debut album, intitolato “The Zeramin game”, dotato del consueto splendido artwork del grande Felipe Machado Franco. Il sound della band è fortemente debitore al symphonic power dei primi Rhapsody, a cui si unisce una gran quantità di cori alla Orden Ogan ed Alestorm, oltre a qualche passaggio che richiama alla mente i Blind Guardian. Un qualcosa di non proprio originalissimo o innovativo, ma sicuramente interessante. L’ottima produzione dell’ex-singer degli Arthemis, Alessio Garavello, esalta alla grande sia gli strumenti che la voce di Johansson. Ecco, sul vocalist svedese spenderei due parole; personalmente non amo la sua ugola iper-acuta che trovo alquanto esagerata, finendo per risultare fredda; in questo disco, invece, riesce a moderarsi ed ad essere anche caldo ed espressivo, come possiamo ascoltare in “Destiny” ad esempio. Sembra, quindi, che il buon Tommy abbia trovato nella musica composta principalmente da Jeffs, con l’aiuto del fido Thompson, il giusto compromesso per non esagerare ed esprimersi al proprio meglio. Maggiore attenzione però la dedicherei al songwriting; fatta eccezione per le numerose brevi intro, tutti i pezzi hanno durate notevoli e spesso rischiano di essere prolissi, tanto che qualche sforbiciata qua e là (specie nei cori e nelle parti soliste di chitarra e tastiere) avrebbe sicuramente giovato alla fruibilità del prodotto. Non ho riscontrato particolari cali qualitativi, il symphonic power dei Memories of Old è di livello superiore alla media e si lascia ascoltare e riascoltare molto gradevolmente. Se in futuro la band saprà essere più concisa ed efficace avremo davanti un lavoro top; per adesso con questo “The Zeramin game” i Memories of Old rilasciano comunque un debut album più che valido che costituisce sicuramente un interessante biglietto da visita. Ad Majora!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il brutale assalto degli Scordatura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trishula: un come back davvero notevole per gli amanti dell'Aor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buona questa nuova prova dei Morta Skuld
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin Circus: metal moderno e voce femminile sono gli ingredienti di questo piacevole disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: un EP per scaldare i motori dell'heavy metal!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla