A+ A A-
 

Il sedicesimo sigillo di una leggenda: i Napalm Death restano una garanzia Il sedicesimo sigillo di una leggenda: i Napalm Death restano una garanzia Hot

Il sedicesimo sigillo di una leggenda: i Napalm Death restano una garanzia

recensioni

titolo
Throes of Joy in the Jaws of Defeatism
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: UK 

GENERE: Grindcore/Death Metal 

LINE UP: 
Mark "Barney" Greenway - vocals 
Mitch Harris - guitars. vocals 
Shane Embury - bass 
Danny Herrera - drums 

TRACKLIST: 
1. Fuck the Factoid [02:27] 
2. Backlash Just Because [02:56] =ASCOLTA= 
3. That Curse of Being in Thrall [03:36] 
4. Contagion [04:05] 
5. Joie de ne pas Vivre [02:28] 
6. Invigorating Clutch [04:05] 
7. Zero Gravitas Chamber [04:03] 
8. Fluxing of the Muscle [04:33] 
9. Amoral [03:05] =ASCOLTA= 
10. Throes of Joy in the Jaws of Defeatism [02:55] 
11. Acting in Gouged Faith [03:37] 
12. A Bellyful of Salt and Spleen [04:36] =VIDEO= 

Running time: 42:26 

opinioni autore

 
Il sedicesimo sigillo di una leggenda: i Napalm Death restano una garanzia 2020-09-23 12:39:27 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    23 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dopo aver messo a ferro e fuoco anche la nostra nazione nell'estate dello scorso anno (Frantic Fest, Agglutination), la leggenda Napalm Death torna tramite Century Media con un nuovo studio album, il sedicesimo in ormai quarant'anni di carriera. "Throes of Joy in the Jaws of Defeatism" riassume nei suoi 40 minuti di durata le quattro decadi dei veterani di Birmingham: tutti gli elementi che abbiamo incontrato nei veterani di Birmingham in queste quattro decadi, insomma, si riversano in questo torrenziale album in cui, come ci hanno abituato negli ultimi tempi, trovano spazio anche sonorità alternative al solito massacro tra Metal estremo e Hardcore. Aggressivi e con la solita invettiva contro la società, come vuole il genere che loro stessi hanno contribuito a far nascere, ma con un occhio sempre volto alla "sorpresa", con sinistre melodie che si rifanno al Death Metal odierno, un sempre bestiale groove di fondo fino ad arrivare, in questo preciso caso, a spiazzare letteralmente l'ascoltatore con le velleità Post-Punk à la Killing Joke del singolo "Amoral", piuttosto che "Joie de ne pas Vivre", "Invigorating Clutch" e, soprattutto, "A Bellyful of Salt and Spleen", pezzi che dimostrano come i Napalm Death abbiano intenzione di evolvere e rinnovarsi anche alla soglia delle già decantate quattro decadi di carriera: semplicemente, i Napalm Death fanno quello che pare loro, potendoselo permettere dall'alto della loro posizione di padrini del Grindcore. "Throes of Joy..." è, insomma, un disco che saprà accontentare i fans di vecchia data del quartetto inglese grazie anche a bordate come "Backlash Just Because" e "Zero Gravitas Chamber", ma anche, per l'appunto, sorprendere e spiazzare, nel senso buono. Shane, Barney, Mitch e Danny sembrano ispiratissimi in quest'ultima fatica ed il fatto che "Throes of Joy..." possa essere tranquillamente visto come un lavoro completo sotto ogni aspetto porta i Napalm Death ad ottenere nuovo slancio in una storia che sembra ben lungi dal vedere il capitolo finale.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Amenra, Wiegewood, Oathbreaker e Yob insieme per suonare Death Metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente lo Split con Exhumed e Gruesome
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imperium: Aor iper melodico ma poco personale
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una mezz'ora di Brutal Death nudo e crudo con gli indonesiani Chancroid
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Pitchblack un ritorno privo di qualsivoglia mordente
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP più che soddisfacente per gli statunitensi Carnal Ruin
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto con il botto per i francesi Furies
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Bakken meritano attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nacarbide, speed metal dalla Thailandia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per gli Adamantis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kartzarot, dalla Spagna con un heavy-rock classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lyonen: debutto vario, interessante e ricco di spunti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla