A+ A A-
 

Raven: il corvo è tornato! Raven: il corvo è tornato!

Raven: il corvo è tornato!

recensioni

gruppo
titolo
Metal City
etichetta
Steamhammer/SPV
Anno

Tracklist:
1. The Power (3:55)
2. Top of the Mountain (3:36)
3. Human Race (3:59)
4. Metal City (3:27)
5. Battlescarred (4:45)
6. Cybertron (3:24)
7. Motorheadin’ (2:42)
8. Not So Easy (3:09)
9. Break (3:39)
10. When Worlds Collide (6:15)

Line-Up:
John Gallagher (bass, vocals)
Mark Gallagher (guitars)
Mike Heller (drums)

opinioni autore

 
Raven: il corvo è tornato! 2020-09-25 15:53:21 MASSIMO GIANGREGORIO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da MASSIMO GIANGREGORIO    25 Settembre, 2020
Ultimo aggiornamento: 25 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando si suol dire:”non hanno bisogno di presentazioni”! Metalbangers, qui siamo al cospetto di uno storico power-trio che potrebbe essere ritenuto secondo solo ai mostri sacri Motorhead e Venom! I fratellini Gallagher (niente a che fare con quelli degli Oasis, of course) hanno iniziato a mettere a ferro e fuoco la terra d’Albione nel lontanissimo 1974, sotto l’egida del corvo, in quel di Newcastle. Con il primo, storico drummer Rob “Wacko” Hunter approdarono alla altrettanto storica etichetta Neat (quella, tanto per intenderci, dell’altro satanic-power trio Venom) nel 1978, entrando prepotentemente a far parte della selvaggia orda di quello che fu definito “New Wave Of British Heavy Metal”, orda in cui militavano ceffi del calibro di Iron Maiden, Judas Priest, Motorhead e compagnia “bella”. Una discografia a dir poco sconfinata, della quale il primo full length fu il mitico “Rock Until You Drop” (1981) al quale fece seguito “Wiped Out” e poi una immensa serie di incisioni che – tassello dopo tassello – hanno creato un vero e proprio marchio di fabbrica, caratterizzante una band davvero d.o.c.g.!
Non a caso li ho definiti “power trio”: la loro musica è un concentrato adrenalinico, iper-energetico, che travolge come un tir lanciato all’impazzata su una highway, in cui spicca il singing potente ma stridulo e stralunato (chi non ricorda il super-acuto di “Hell Patrol”?) di John. Non fa eccezione e non fa sconti nemmeno questa ultima (ma solo in ordine di tempo) fatica dei metal-bros Gallagher, che favoleggia di una città del metallo, in cui tutto il popolo degli headbangers possa prosperare godendo appieno delle vibrazioni, delle emozioni, delle scariche che solo il nostro beneamato genere sa regalare. Dieci tracce granitiche che si fondono in un sol pugno sonoro in grado di colpire dritto al cervello, riducendolo in pappa ma soddisfatto dell’esperienza vissuta pericolosamente nell’ascolto.
Welcome back, Raven!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Invincible Force ed il ban a qualsiasi approccio moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Fate, elegante power-prog dalla Grecia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sator: welcome to the catacombs
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il capolavoro dei Sedna
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wardaemonic, si poteva far meglio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Bakken meritano attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nacarbide, speed metal dalla Thailandia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per gli Adamantis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kartzarot, dalla Spagna con un heavy-rock classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lyonen: debutto vario, interessante e ricco di spunti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album non propriamente per tutti quello dei Greybeard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla