A+ A A-
 

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate Hot

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate

recensioni

titolo
Walls of Hate
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Honduras 

GENERE: Blackened Death Metal 

FFO: Septicflesh, Nile, Old Man's Child, Vesania, Limbonic Art 

LINE UP: 
Antonio Peralta - vocals, all instruments 
Juan Ayestas - vocals on track 1, 2 & 3 

TRACKLIST: 
1. Involution [03:54] =ASCOLTA= 
2. Xerxes [05:30] =ASCOLTA= 
3. Bestiary [05:00] 
4. Legions of Truth [04:27] 

Running time: 18:51 

opinioni autore

 
Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate 2020-09-30 15:21:44 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    30 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Walls of Hate è il solo project dell'artista honduregno Rizalde Antonio Peralta, che per questo EP si avvale della collaborazione alla voce nei primi tre brani di Juan Ayestas. Nel progetto Walls of Hate, Peralta fa confluire le sue personali influenze ed idee personali, con un risultato alla fine pienamente soddisfacente. Pur non supportato da una produzione sufficiente - ma comunque dobbiamo ammettere d'aver sentito sicuramente di peggio -, l'EP eponimo dei Walls of Hate risente forte delle influenze soprattutto dei Septicflesh, che escono fuori nei momenti più epici e marziali e negli inserti orchestrali, questi ultimi tutt'altro che perfetti, ma che tutto sommato ci stan bene con il sound dell'artista centro-americano: c'è magari un po' da lavorarci su e smussare qualche angolo, in primis dando maggior spazio alle chitarre ritmiche e meno alle soliste, che ad esempio nella finale "Legions of Truth" quasi diventano fastidiose, ma possiamo dire che i quattro brani che compongono la tracklist sono mediamente godibili ed un discreto modo per cominciare a far la conoscenza con questo progetto. Tra epiche cavalcate e furiosi passaggi di Melodic Black svedese, Peralta confeziona un lavoro che il 6 se lo merita tutto, lasciando anche curiosi su come si evolverà questo solo project in futuro.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Invincible Force ed il ban a qualsiasi approccio moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Fate, elegante power-prog dalla Grecia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sator: welcome to the catacombs
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il capolavoro dei Sedna
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wardaemonic, si poteva far meglio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Bakken meritano attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nacarbide, speed metal dalla Thailandia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per gli Adamantis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kartzarot, dalla Spagna con un heavy-rock classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lyonen: debutto vario, interessante e ricco di spunti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album non propriamente per tutti quello dei Greybeard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla