A+ A A-
 

Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale

Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale

recensioni

titolo
Einderlicht
etichetta
BadMoodMan Music / Hypnotic Dirge Records
Anno

PROVENIENZA: Belgio 

GENERE: Doom/Death Metal 

FFO: My Dying Bride, Paradise Lost, Amorphis, Novembers Doom, Evoken 

LINE UP: 
Arne Vandenhoeck - vocals 
Peter Egberghs - guitars, vocals 
Kurt Blommé - guitars 
Boris Iolis - bass, vocals 
Dennis Lefebvre - drums 

TRACKLIST: 
1. Scarred [09:56] 
2. The Eys of the End [07:10] 
3. When All Is Said [11:24] =ASCOLTA= 
4. The Maelstrom Mute [07:03] =VIDEO= 
5. Deformed [09:56] 
6. Einderlicht [10:53] =ASCOLTA= 

Running time: 56:22 

opinioni autore

 
Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale 2020-10-18 18:02:40 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    18 Ottobre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono passati tre anni da quando abbiamo incontrato per la prima volta i belgi Marche Funébre, con quell'interessantissimo album - pur non privo di qualche difetto - che è stato "Into the Arms of Darkness". Il quintetto di Mechelen torna dunque e lo fa dopo essere maturata non poco; rispetto al precedente lavoro infatti, in "Einderlicht" possiamo trovare dei nettissimi miglioramenti nella band belga: in primis, i Nostri hanno deciso di concentrarsi esclusivamente sul lato più crudo, cupo e malinconico del Doom/Death, con influenze che adesso vanno ricercate solo in gruppi come My Dying Bride, Paradise Lost, Novembers Doom. Ciò che maggiormente colpisce però è la maturità che traspare dal songwriting dei Marche Funébre, capaci di tirar fuori un lavoro sì di quasi un'ora di durata, ma che riesce a tenere incollato l'ascoltatore grazie ad un sapiente "gioco" tra parti più atmosferiche e, a loro modo, ariose - guidate da clean vocals enormemente migliori rispetto lo scorso lavoro - ed altre più dure e funeree: l'opener "Scarred" è un esempio perfetto di cosa siano i Marche Funébre di oggi, capaci di richiamare al 100% i My Dying Bride nella seguente "The Eye of the End" senza che però scimmiottino i veterani britannici.
E' a tutti effetti la stessa band che abbiamo incontrato tre anni or sono, ma in un certo senso potremmo dire che è anche un altro gruppo: come detto i Marche Funébre sono cresciuti non poco in questo lasso di tempo ed è per questo che, giocoforza, "Einderlicht" risulta essere un lavoro superiore rispetto ai precedenti.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una mezz'ora di Brutal Death nudo e crudo con gli indonesiani Chancroid
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Pitchblack un ritorno privo di qualsivoglia mordente
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un EP più che soddisfacente per gli statunitensi Carnal Ruin
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Dark Fortress un gran ritorno dopo sei anni
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Invincible Force ed il ban a qualsiasi approccio moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto con il botto per i francesi Furies
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Bakken meritano attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nacarbide, speed metal dalla Thailandia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per gli Adamantis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kartzarot, dalla Spagna con un heavy-rock classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lyonen: debutto vario, interessante e ricco di spunti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla