A+ A A-
 

Wardaemonic, si poteva far meglio Wardaemonic, si poteva far meglio

Wardaemonic, si poteva far meglio

recensioni

titolo
"Acts Of Repentance"
etichetta
Transcending Obscurity Records
Anno

Line up:
Maelstrom - Drums, Vocals
Lord Bane – Guitars
Blitz - Bass, Synth Programming
Anharat - Guitars, Lead Guitars

Tracklist:
1. Act I – Introspection
2. Act II – Admission
3. Act III – Castigation
4. Act IV – Sufferance
5. Act V - Repentance

opinioni autore

 
Wardaemonic, si poteva far meglio 2020-10-24 12:45:10 Rob M
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Rob M    24 Ottobre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dopo cinque anni di oblio tornano gli australiani Wardaemonic con il loro nuovo capitolo dal titolo "Acts Of Repentance" per la Transcending Obscurity, label che ormai naviga l'estremo a 360°. Come da consuetudine per la label di base in India, la produzione gioca un aspetto importantissimo per le releases che vengon stampate. In questo caso, come del resto, la produzione é semplicemente annichilente. Il riffing catchy, la batteria maggiormente vicina al comparto death/brutal che a quello black e la voce che urla in maniera particolarmente simile a ciò che centinaia di altre band tiran fuori. Si tratta di un disco imperdibile? Forse no... eppure in tutto e per tutto i Wardaemonic han tirato fuori un album di ritorno distruttivo. La pecca, se così si vuol chiamarla, sta nel fatto che la durata medio lunga dei brani si sarebbe potuta amministrare in maniera differente. La band sembra soffermarsi maggiormente su stop'n'go piuttosto che variazioni sul tema che rimangan ben salde nel cervello ascolto dopo ascolto. Il trigger in certi frangenti risulta quasi troppo appuntito e specialmente nelle parti in cui la cassa viaggia a suon di triplette, si nota una leggera disfunzione nel mix tra il suono delle chitarre comunque "datato" ed il mix del comparto ritmico che gode di un suono di rullante piacevolissimo ed una cassa così digitale che non si inserisce, per i miei gusti, nell'insieme con grazia. Ci son brani interessantissimi (vedi la seconda "Admission") ed altri un po' più ingenui/classici (come la successiva "Castigation"). Ci son però poi anche brani particolarmente irritanti (vedi le conclusive "Sufferance" e "Repentance") con un potenziale assurdo, ma che non riescon a colpire nel segno tra il voler per forza suonare "differenti" ed il girare su se stessi senza né capo né coda. Si tratta di un lavoro valido, che possibilmente colpirà ascoltatori provenienti da background diversi, ma che alla lunga rimane scontato, anonimo, per niente al di sopra di ciò che potenzialmente altre mille band suonano. Complice la produzione professionale ma standard, complice il fatto che in fin dei conti il tutto nasce e muore senza lasciar voglia di premere il tasto Play nuovamente, i Wardaemonic fanno la loro ricomparsa in questo 2020 rimanendo paradossalmente nell'anonimato più completo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Settimo album e debutto sulla nuova label per i Revolting
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A dir poco bestiali gli Azarath nel loro settimo album
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Scour di Phil Anselmo ed il loro solito quarto d'ora di barbarica violenza
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo album all'ennesimo reboot per i norvegesi Cadaver
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wreck-Defy, ancora thrash di ottima qualità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ignitor, heavy metal old-school dal Texas
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debut album un po' troppo monotono per la one man band King ov Wyrms
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Calarook: Una nuova ciurma di pirati che però ha voluto strafare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con buone idee ma ancora troppo acerbi i canadesi Ysgaroth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante, seppur estremamente breve, il debut EP dei Deathroll
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power, di nome e di fatto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A tanti anni dal debutto, arriva il secondo album dei finlandesi Final Dawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla