A+ A A-
 

I nove mondi di Yggdrasill secondo gli Skálmöld I nove mondi di Yggdrasill secondo gli Skálmöld Hot

I nove mondi di Yggdrasill secondo gli Skálmöld

recensioni

gruppo
titolo
Vögguvísur Yggdrasils
etichetta
Napalm Records
Anno

 

01. Múspell

02. Niflheimur

03. Niðavellir

04. Miðgarður

05. Útgarður

06. Álfheimur

07. Ásgarður

08. Helheimur

09. Vanaheimur

opinioni autore

 
I nove mondi di Yggdrasill secondo gli Skálmöld 2016-10-23 20:27:11 Gianni Izzo
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Gianni Izzo    23 Ottobre, 2016
Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sinceramente quel “Born Loka” di qualche anno fa, non mi fece impazzire di gioia, ed ancora lo considero un dischetto mal riuscito. Non che gli Skálmöld siano dei particolari geni musicali, ma hanno dimostrato di saper fare meglio, sia con il loro debutto, sia con “Með Vættum”, pur con i loro alti e bassi.

Il nuovo concept della band è ispirato ai reami legati all’albero della vita Yggdrasill, nove canzoni per nove mondi.

La ricetta della band non ha subito chissà quali evoluzioni in questi anni, possiamo dire che il combo islandese si sia mostrato più coinciso del solito questa volta, lo dimostra il minutaggio dei singoli brani che non supera quasi mai i 5 – 6 minuti, tranne che per l’ultima traccia.
Per il resto i nostri propongono il loro granitico viking metal, pieno di cavalcate, con qualche esternazione ritmica più estrema, growling cavernoso con bordate di screaming qui e li, ed aperture a solenni cori epici di chiaro stampo nordico, o di melodie più goderecce e popolari, stesso stampo, ma con più allegria.

Su “Vögguvísur Yggdrasils”, gli Skalmold sono stati molto attenti nel rappresentare al meglio i diversi mondi attraverso la musica, ma senza stravolgere il proprio songwriting, riprendendone invece le peculiarità ed adattandole di volta di volta ad ogni brano rappresentante. Un buon lavoro quindi, perché sono riusciti in questo modo anche a valorizzare quelli che considero un po’ i punti più deboli della loro proposta musicale, tipo quando si fossilizzano su un andazzo monocorde che il più delle volte tende ad annoiarti non poco.

Si comincia quindi con la nera “Mùspell”, nella quale sembra di sentire il crepitio infernale del “mondo del fuoco”, così come nella cadenzata e fredda “Niflheimur” sembra quasi di toccare con mano il gelo del “Mondo del ghiaccio”, mentre i lenti e cadenzati passi che riecheggiano nel “mondo dei giganti” sembrano materializzarsi perfettamente in “Útgarður”.

Dal punto di vista strettamente musicale gli episodi più immediati sono naturalmente quelli più folk oriented, dedicati al “mondo dei nani” (Niðavellir) ed a quello degli umani (Miðgarður), soprattutto i gioiosi ritmi da taverna della prima, sanno rapire immediatamente l'ascoltatore.
Se per "Helheimur" la band sceglie di appoggiarsi ad una ritmica che sa molto di metal classico e crea una godibile variante del platter, sono gli Skálmöld più dinamici che riescono invece a costruire il vero brano principe del disco: "Vanaheimur", i cui 9 minuti passano così celermente che neanche ce ne accorgiamo, grazie ad un buonissimo utilizzo delle melodie ed arrangiamenti ad hoc, dediti a dare la giusta epicità al "mondo delle divinità Vanir"-.

Gli Skálmöld non saranno in prima fila insieme a TYR o Amon Amarth o ad altri nomi ben noti della combriccola del viking metal nelle sue varie sfaccettature, ma hanno saputo tenere botta con questo nuovo disco, forse grazie ad un modo più consapevole sul come gestire al meglio il proprio potenziale ed i propri limiti.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Khemmis si confermano tra i protagonisti del doom contemporaneo.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli svedesi Craft come sempre fedeli alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gaerea confermano in toto quanto di buono sentito nell'EP di un paio d'anni fa
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla