A+ A A-

Opinione scritta da Luigi Macera Mascitelli

38 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3 4
 
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    12 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -  

Finalmente ho tra le mani un valido prodotto proveniente dall'Europa dell'est e che trasuda cattiveria ed old school da tutti i pori: vi presento "Defective Mind", secondo album per la band lettone Saintorment. Un prodotto davvero di notevole fattura che ha saputo combinare le influenze dei maggiori big del genere (molto ben percepibili sono gli Exodus, gli Slayer e una spolverata di Testament) con un songwriting molto valido e solido.
Solitamente i gruppi più underground che fanno thrash metal tendono a suonare la versione stereotipata del genere dimenticando che, oggigiorno, un simile approccio non funziona più in un mondo ormai saturo e che gli anni d'oro sono finiti da un pezzo. L'unica cosa che si può fare è prendere spunto dall'old school ma con un approccio più moderno e, oserei dire, sperimentale: ebbene, i nostri amici Saintoment lo hanno fatto ed hanno partorito un signor lavoro che riesce ad entusiasmare l'ascoltatore e a lasciare una propria firma, un tratto distintivo. Vuoi per l'ottimo intreccio tra cattiveria dei riff e liquidità degli assoli, vuoi per la splendida voce che riesce ad unire molto bene il cantato alla Rob Dukes (ex Exodus) con quello alla Chuck Billy (Testament), vuoi per la serratezza con cui i brani ti colpiscono in faccia... "Defective Mind" è una produzione davvero ben fatta nel mondo underground e, tolto qualche neo dato da pezzi come "Never" che non riescono a decollare attestandosi su un livello piuttosto piatto, non riesco a trovare ulteriori difetti. Perciò concludo con un grande "in bocca al lupo" ai nostri amici lettoni per un futuro nuovo album!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    01 Gennaio, 2018
Ultimo aggiornamento: 01 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -  

Inauguriamo questo 2018 portandovi una delle band più spettacolari, ipnotiche ed oscure che la scena black metal scandinava abbia mai partorito: vi presento "Varg Utan Flock", decimo album degli svedesi Shining capitanati dal carismatico quanto controverso Niklas Kvarforth. Un album che non può assolutamente essere analizzato singolarmente, ma va preso come l'anello di una catena che è stata forgiata nel 1996, anno in cui gli Shining si formarono, e che altro non è se non la trasposizione in musica della disperazione, del dolore e del nichilismo dello stesso Niklas: è lui nel suo percorso di crescita interiore, nel suo modo di abbracciare la disperazione e la depressione, nel suo infliggersi tagli sulle braccia, nel suo aver fatto uso di eroina. Insomma, "Varg Utan Flock" è la conseguenza logica di una mente contorta e tormentata...
A livello prettamente stilistico, questo nuovo lavoro segue il percorso tracciato dal precedente "Everyone, Everything, Everywhere, Ends" (2015), album che segnò un ritorno alle vecchie sonorità fredde, glaciali, taglienti ed oscure e non è un caso se possiamo trovare delle somiglianze con lo storico "Halmstad" (2007),uno dei migliori prodotti mai partoriti dagli Shining che funge da spartiacque stilistico: è proprio da qui che parte il filone dei più sperimentali, quanto meravigliosi, "Född Förlorare" (2011) e "Redefining Darkness" (2012), ed il filone del ritorno al sound più crudo. Ovviamente le bellissime influenze derivanti dal progressive rock, dal jazz e dalla musica classica sono sempre presenti e, in fondo, sono proprio questi innesti singolari che hanno permesso agli Shining di creare un loro personale stile e,a tal proposito, è doveroso citare il bellissimo intermezzo, eseguito al pianoforte, "Tolvtusenfyrtioett".
Con questo "Varg Utan Flock" Niklas sta continuando a scoprire la sua anima tormentata e la sua rabbia, la sua confusione e il suo dolore diventano sempre più tangibili. Il tutto accompagnato dalla sua spettacolare voce che riesce a combinare un cantato in pulito davvero inebriante, caldo e profondo con uno screm disperato e distruttivo. I lamenti profondamente emotivi che emergono dalle viscere di brani come "Svart Ostoppbar Eld" o "Jag Är Din Fiende" ci regalano quello che non può essere definito solo black metal, ma pura disperazione che investe l'ascoltatore rendendolo partecipe di un'agonia che, forse, non avrà mai fine.
Venendo a noi, consiglio l'ascolto del nuovo lavoro della band svedese? Dipende solo ed esclusivamente da voi: gli Shining vanno compresi, ascoltati con rispetto sapendo di entrare in un mondo fatto di un'oscurità ipnotizzante, di nichilismo allo stato puro, di morte ed agonia. Siate consapevoli che non si tratta solo di black metal (suicidal black metal per essere precisi) e di una band capitanata da un pazzo autolesionista ed esibizionista: si tratta di filosofia, di esternazione della propria anima, di freddo ed oscurità provenienti da dentro e di tanto talento a livello musicale.
Grazie Niklas per questo tuo nuovo pezzo di te!

Trovi utile questa opinione? 
480
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    30 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Quando ho iniziato ad ascoltare l'EP degli americani Hell Bent ero abbastanza incuriosito durante i primi minuti di ascolto. Tuttavia, ed ammetto con mio dispiacere, l'entusiasmo si è subito trasformato in senso di quasi amarezza per un semplice motivo: l'intero lavoro dura davvero pochissimo e, con una media di durata di 2 minuti e spiccioli per brano, i pezzi scorrono con una velocità disarmante non dando il tempo all'ascoltatore di capire cosa sia successo. Non potete minimamente capire la rabbia che mi fa un fatto del genere perché, tecnicamente parlando, gli Hell Bent sono dei mostri assetati di sangue con il loro sound grezzo, duro, acido, cattivo e micidiale, il tutto condito da quella nota hardcore che eleva a potenza la violenza del loro lavoro. Mi dispiace davvero dover dare un'insufficienza all'EP, tuttavia l'eccessiva poca durata è una pecca davvero grave, perché non permette di essere coinvolti e, in questo caso, travolti dai vari brani. E non venitemi a dire che ciò debba essere giustificato dal fatto che si tratti di un EP: in parte è vero ma, d'altronde, l'EP è un biglietto da visita per preparare il pubblico ad un futuro album, perciò viene da sé che un lavoro eccessivamente veloce e corto di durata lascia ben poco all'ascoltatore, se non quel senso di amarezza di cui prima ho parlato.
Ragazzi, consiglio di togliere il piede dall'acceleratore e di cercare di dare più personalità a ciascun brano. Ho alte aspettative per il futuro, mi raccomando!

Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    21 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Per essere il loro primo lavoro, i Vane, band death/thrash polacca, ci sanno davvero fare. Vi presento "The Prologue", una raccolta di tre brani che costituisce una parte di un futuro lavoro che sta prendendo vita e che dovrebbe concludersi il prossimo 2018. Scelta molto azzardata quella di farsi conoscere con una soluzione del genere, eppure il quintetto polacco, sicuramente forte dell'esperienza musicale in altre band dei vari componenti, è riuscito, con solo una minima parte di un album, a portare un prodotto assolutamente valido fatto di riff violentissimi, cattivi, taglienti e accompagnati da una spolverata melodica che mette in risalto il tutto. Non nego che la mia curiosità è tanta, vuoi per il genere proposto, vuoi per l'ottima esecuzione dei brani, ma cerco comunque di non sbilanciarmi perché, ricordiamolo ancora una vota, si tratta di un prodotto "mutilo", una sorta di estratto che, seppur di qualità impeccabile, potrebbe essere la parte migliore di un futuro album scadente. Faccio notare che il processo di songwriting dei prossimi brani è ancora in corso, per cui è doveroso lasciare una buona dose di beneficio di dubbio e fare i migliori auguri ai nostri amici Vane. Mi raccomando ragazzi, mi aspetto un signor album dopo aver ascoltato questi 3 brani impeccabili!

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    19 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Ogni volta che dei giovani ragazzi riescono a tirare fuori dei capolavori sono sempre felicissimo: è bello sapere che, in futuro, il testimone delle pietre miliari del metal potrà essere ceduto agli astri nascenti. E con questa premessa sono lieto di presentarvi "II - Interitus", secondo full-length album dei tedeschi Nero Doctrine: un tripudio di melodic death metal in stile In Flames e Arch Enemy impreziosito da una buona dose di thrash alla Lamb Of God... un mix di letale epicità per un signor lavoro!
In primis voglio complimentarmi con l'intero progetto che affonda le basi sul senso di nichilismo e cinismo che il genere umano suscita a causa dei traumi della guerra, dell'abuso di potere ottenuto sfruttando ignoranza e paura e del controllo delle religioni: ottimi temi di riflessione su cui i nostri amici tedeschi hanno costruito il proprio album; e ci sono riusciti in pieno centrando il bersaglio con un prodotto davvero squisito sia dal punto di vista tecnico, sia dal punto di vista emotivo. Una carta vincente è sicuramente quella del genere che è stata ben studiata al fine di creare la miglior combinazione possibile tra la durezza del thrash metal e la liquidità del melodic e, grazie a ciò, possiamo gustare delle tracce come "...And Then The Stones Began to Speak" e "Hope Is Just a Word": ho scelto queste due come le più rappresentative di "II - Interitus" perché in una è più marcata la componente melodica, nell'altra quella thrash, segno che questi ragazzi hanno un'ottima confidenza con entrambi i generi tanto da potersi permettere di mostrarlo partorendo dei pezzi in cui far emergere le singole influenze. E poi c'è la titanica "Die Lichter sind kalt" nella quale il giusto compromesso tra In Flames e Lamb Of God viene fuori e ci regala qualcosa di semplicemente spettacolare: riff glaciali nei quali le chiatarre danzano accompagnati dalla cattiveria di un treno massiccio e imponente.
Complimenti ragazzi, ci avete mostrato come dal mondo underground,a volte, possono emergere dei germogli di rara bellezza che è giusto e doveroso valorizzare... Un giorno saranno querce. YOU ROCK!

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    13 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

I finlandesi Devil Creation hanno partorito il loro terzo album, "Hell's Exit", il quale, purtroppo, non ha soddisfatto molto le mie aspettative. Da amante del thrash e dell' heavy vecchia scuola, mi sarei aspettato un lavoro con i fiocchi che sapesse prendermi a pedate e che, contemporaneamente, mi regalasse un momento di pura epicità. Ma, ahimè, ciò non è stato e la causa va ricercata nell'eccessiva monotonia dei brani e nel conseguente senso di noia a cui l'ascoltatore va inesorabilmente incontro: credetemi se vi dico che è stato molto faticoso per me andare avanti nell'ascolto e, tra uno sbadiglio e l'altro, ho dovuto sforzarmi per evitare di distrarmi. In generale questo "Hell's Exit" ha il grande difetto di non entusiasmare, di avere un ritmo estremamente cadenzato (quando un brano sembra stia per decollare ecco che il tutto va di nuovo in piano, e così via per le varie tracce), un sound piatto ogni tanto smosso da degli assoli molto ben eseguiti e da alcuni riff davvero niente male.
Qualche elogio va fatto a "God Unbless You!", forse l'unico pezzo in cui i Devil Creation hanno messo davvero l'acceleratore regalandoci un brano di tutto rispetto fatto di riff martellanti e veloci... l'unica onda in un mare piatto. Altrettanto buona, ma che certo non spicca per grinta, è l'omonima ballad strumentale "Hell's Exit", la quale mi ha fatto nascere un interrogativo non indifferente: perché scrivere una canzone di oltre dieci minuti se per i primi quattro e mezzo la traccia fila, ed è anche amabile, e poi per i restanti sei incombe un terribile piattume noioso che, personalmente, sono stato quasi costretto a skippare? Consiglio vivamente ai nostri amici finlandesi di mettersi di impegno per trovare una soluzione che possa offrire all'ascoltatore qualcosa di vibrante, di fresco e di movimentato.

Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    04 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 04 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Ormai lo sappiamo, la Svezia è tra le prime nazioni al mondo per il numero di band metal sfornate e, in generale, tralasciando quei grandi nomi che sono di diritto nell'Olimpo musicale, posso tranquillamente dire che la qualità dei gruppi di quelle parti si attesta su un livello medio-alto di tutto rispetto. Questo è il caso dei Total inferno e del loro album di debutto, "Return Of Evil Chaos": progetto davvero interessante che fonde insieme un death metal vecchia scuola fortemente influenzato da una componente heavy e speed. Qualcosa che sicuramente non è nulla di estremamente innovativo ma che è riuscito, piuttosto bene, a superare la prova.
Tutta la grinta di questi ragazzi si fa subito sentire prepotentemente nella prima traccia, "Super Antichrist": un ottimo pezzo nel quale, però, la componente death è surclassata di gran lunga da quella thrash. Il brano mi ha immediatamente riportato alla mente gli Slayer degli anni '80 e, se non fosse per la voce caratterizzata da uno scream molto acuto, sporco e quasi al limite di quello tipico del black metal, non avrei percepito quella componente death che dovrebbe, a detta dell band, essere presente. Ciò comunque non mi ha scoraggiato, anche perché mi sono posto nell'ottica di avere a che fare con un album di debutto, per cui è necessario lasciare anche un minimo di beneficio di dubbio. Tutto il lavoro, in generale, è davvero ben strutturato ed ho apprezzato molto lo stile "gracchiante" e acido dato dalla post produzione, il quale regala quel tocco old school che non dispiace affatto. Complimenti inoltre alle chitarre che riescono ad intrecciarsi molto bene e a regalarci dei riff taglienti come lame, glaciali e potenti e degli assoli davvero molto impegnativi e ben studiati. Il potenziale c'è ma si tratta ancora, secondo me, di un progetto acerbo che necessita di essere rivisto in alcune parti, a cominciare dal genere proposto: sicuramente una bella componente death c'è (data dalla voce ed anche da alcuni riff molto macabri e scuri) ma mentirei se dicessi di aver percepito delle influenze heavy. Sarei più propenso a definirlo un thrash metal anni '80 in stile Exodus e Slayer appesantito da quel tocco dato dai primi Immolation e Deicide. Un buon album di debutto che spero possa dare l'opportunità ai Total Inferno di sistemare meglio il tiro.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    26 Novembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Oggi voglio portarvi qualcosa di nuovo che in un certo senso si discosta dai generi che tratto nelle mie recensioni. Ma, da chitarrista ed amante degli album solisti, non potevo esimermi dal parlarvi del nuovo album del leggendario Marty Friedman (ex Megadeth): "Wall Of Sound".
Che dire ragazzi, siamo di fronte ad un'opera d'arte in tutti i sensi nel quale una vasta gamma di elementi, provenienti dalla musica classica, dal jazz, dallo shredding ed anche dal metal moderno, si fondono in un'unica esperienza musicale che regala all'ascoltatore un momento di estasi, perciò consiglio di approcciarsi a questo lavoro solo quando si ha la possibilità di poterlo gustare e studiare al meglio senza distrazioni. Per intenderci è come un buon whiskey da apprezzare lentamente sorso dopo sorso.
È difficile,se non impossibile e riduttivo,fare un excursus delle varie tracce perché, a differenza di un normale album, negli album solisti c'è una sorta di continuità tra i pezzi proposti, un vero e proprio mostrare le proprie capacità compositive: non c'è da meravigliarsi se si salta da una ballad ad un brano spagnoleggiante (come nel caso di "Whiteworm"), oppure da elementi più pesanti e grezzi (vedasi "Sorrow And Madness") a influenze derivanti dal progressive e dal più moderno djent (l'opening "Self Pollution" ne è un esempio). Insomma, per farla breve, il buon Marty ci ha dato prova, con il suo tredicesimo album solista, di saper suonare come si deve, di riuscire a prendere spunto dalle pietre miliari del genere (quali Joe Satriani, Steve Vai, Yngwie Malmsteen tanto per citarne qualcuno) per poi sintetizzare il tutto nel suo unico ed inconfondibile stile che, ricordiamolo sempre, è stato sicuramente influenzato dalla vena thrash data dal suo militare nei Megadeth. Non è un caso se, l'appena citata band, abbia tirato fuori i lavori migliori proprio quando Friedman vi suonava!
Insomma ragazzi, siamo di fronte a qualcosa che non è per tutti, un'esperienza sensoriale a 360 gradi che può essere gustata ed apprezzata in pieno solo da chi ha fatto della chitarra la propria ragione di vita e sa cosa sta ascoltando. Approcciatevi a "Wall Of Sound" con cognizione di causa, prendetevi il vostro tempo ed ammirate la bravura e l'incredibile songwriting di una leggenda!

Trovi utile questa opinione? 
161
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    18 Novembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 18 Novembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

E finalmente rieccoci con un nuovo lavoro della one-man-band Hitwood, progetto tutto italiano che propone un melodic death estremamente influenzato dallo stile degli Alcest. Tuttavia questo nuovo EP, "Detriti", ha da offrirci qualche cosa di diverso rispetto al precedente "As A Season Bloom": la presenza del cantato, sia in pulito che in growl, il quale regala una dimensione completamente diversa al contesto e, in generale, delle sonorità più aggressive e dirette rispetto al passato (ricordo che "As A Season Bloom" era la rappresentazione in musica delle quattro stagioni, di conseguenza lo stile era onirico ed evanescente). In questo caso, è molto più marcata ed evidente la componente melodica di stampo europeo, in particolare si sente l'influenza di band come gli Insomnium, soprattutto per quanto riguarda i suoni cristallini e glaciali delle chitarre. Spettacolare, a tal proposito, è la traccia "More Winters to Face": un vero tripudio di melodia fredda come l'inverno, un riff potente e diretto e una meravigliosa base shoegaze (per la vostra gioia il buon Antonio ha lasciato l'influsso Alcest in "Detriti").
In generale, posso dirmi estremamente soddisfatto del lavoro svolto in quanto è ben percepibile un'evoluzione, quell'osare che ha permesso di tirare fuori un prodotto innovativo, particolare e, come lo scorso EP, empatico e soggettivo. Tutt'ora non mi spiego come faccia il progetto Hitwood a colpire sempre dritto al cuore: sarà la melodia, lo stile o il songwriting? Qualunque sia il motivo, mi sento in dovere di fare i complimenti ad Antonio Boccelari. Continua così!

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    14 Novembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 14 Novembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

E finalmente ci siamo, il quattordicesimo album degli dei del thrash metal europeo è finalmente uscito: signore e signori vi presento "Thrash Anthems II" dei tedeschi Destruction. Senza giri di parole vi dico fin da subito che questo lavoro si piazza tra le migliori uscite del 2017, e non potevamo chiedere di meglio per concludere in bellezza questo anno. 3 titani direttamente dalla Germania che non hanno mai scordato come si suona del vero thrash metal old school, 32 anni di carriera alle spalle, cattiveria allo stato puro, zero fronzoli, metallo allo stato puro: ecco cosa vi aspetta con questo nuovo e spettacolare album!
Tutta la grinta del trio si fa subito sentire con la prima traccia, "Confused Mind": dopo l'intro quasi goticheggiante c'è una vera e propria esplosione nucleare di riff taglienti, cattivissimi, veloci, martellanti e chi più ne ha più ne metta. E poi c'è la voce di Schmier: io non so come faccia a saper cantare come se avesse ancora vent'anni; per lui il tempo è solo un ostacolo da prendere a calci in faccia con i suoi poderosi acuti e la pienezza del suo cantato. Di elevatissima qualità è, inoltre, la chitarra dell'immenso Mike: era da tempo che non sentivo dei suoni così perfettamente bilanciati... un'ottimo compromesso tra il muro sonoro in stile Kreator e Sodom (i vicini di casa insomma) e quel pizzico di "Zanzaroso" in stile Pantera.
"Thrash Anthems II" rappresenta tutto il bagaglio culturale dei Destruction, la crescita e la consapevolezza di tre titani che ci deliziano da tre decadi con il vero metallo e che riescono ancora a regalare al proprio pubblico delle grandi emozioni.
Parliamoci chiaro: anche se si impegnassero a fare un brutto album, non ci riuscirebbero mai e poi mai perché, li dove c'è la vera passione per ciò che si fa, è impossibile tirare fuori un prodotto scadente. Non scordiamoci che i nostri amici tedeschi nel 2001 pubblicarono la traccia "Thrash Till Death, dell'album "The Antichrist", che, secondo me, potrebbe essere tranquillamente l'inno internazionale di noi metallari incalliti e che incarna tutta la grinta, la potenza, la passione e la devozione nel mondo del thrash passando per Overkill, Exodus e Kreator.
Ragazzi miei, non aggiungo altri elogi a questo grande capolavoro, perciò mi rivolgo direttamente a voi: se, come me, avete fatto della musica la vostra ragione di vita, se nelle vostre vene scorre il metallo, se amate la cattiveria, i riff serratissimi, taglienti, grezzi... Se, insomma, siete appassionati dell'old school, dovete categoricamente acquistare la vostra copia di "Thrash Anthems II" e rendere omaggio a una delle band più assurde e micidiali che la storia del metal abbia mai prodotto.

Trovi utile questa opinione? 
362
Segnala questa recensione ad un moderatore
38 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3 4
Powered by JReviews

releases

White Wizzard: pericoloso plagio
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ammouri, dalla Svezia con ancora tanto da migliorare!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un ep in ricordo del compagno scomparso per i Reverence
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Ages: Dall'Italia con passione.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quarto album in 15 anni di carriera per i lombardi Warmblood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ennesima compilation dei Tankard
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il virtuosismo non è tutto! Progetto strumentale per Luca Negro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una produzione a dir poco pessima porta alla stroncatura del debut album degli Svarthart
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In Grind We Trust, One day In Fukushima non la mandano a dire!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
CHIEN BIZARRE: Alternative Indie Rock Italiano Di Assoluto Spessore!!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Moderni e alternativi gli spagnoli Another You
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla