A+ A A-
29 Giu

Una lunga chiaccherata col giovane ma navigato Marco Pastorino tra Temperance, Secret Sphere, Virtual Symmetry e molto altro In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Marco Pastorino è un giovane musicista e artista ma è prima di tutto un appassionato di metal a 360 gradi. Uno a cui piace da matti comporre, suonare, cantare e la sua passione è contagiosa. Era da tempo che volevamo averlo ospite sulla nostra webzine e finalmente eccoci qui con questa lunga intervista che ci vede spaziare attraverso tutti i suoi gruppi e progetti. Buona lettura.

 

Ciao Marco eccoci finalmente arrivati a questa tanto attesa intervista. Possiamo forse definirti il “musicista metal italiano più impegnato”, viste le tue numerose band e i tuoi impegni a 360 gradi nella scena musicale. A cosa stai lavorando al momento?
-
Ciao Fede! Innanzitutto grazie per lo spazio. Credo che al momento la maggior parte dei musicisti della scena abbiamo molto più di una situazione. Da Alessandro Delvecchio che ha veramente una moltitudine di situazioni fino ad arrivare a molti altri amici della scena. Al momento sto seguendo il mix del live dei Temperance , in uscita nei prossimi mesi. Per il resto sto seguendo alcune cose con calma.

 

Partiamo dalla fine, ovvero dai Virtual Symmetry che è la band per la quale sta uscendo un ep di tre brani “X-Gate” che segue lo splendido esordio dello scorso anno. Puoi raccontarci qualcosa di questa band che è ancora colpevolmente un po' nell'ombra nel panorama italiano, come sei entrato nel gruppo, come è stato accolto il vostro debutto e che progetti ci sono per il futuro dopo l'uscita di questo ep?
- Virtual Symmetry è un progetto che mi sta veramente a cuore , visto che è un qualcosa che mi è spesso mancato per far uscire il mio infinito amore per il prog metal , soprattutto da cantante. E' un modo anche per sviluppare parti o colori della voce che in altre band / progetti , non potrebbero vedere la luce e in cui non potrei trovare sfogo. Vedo ogni album, ep , concerto , come un modo per imparare qualcosa di nuovo , mettersi alla prova e diventare un musicista , ma anche una persona , migliore. E' un po' come avere un bagaglio culturale sempre più vasto per poi pescare il meglio da poter indossare in ogni situazione.
Il nuovo ep in particolare ha saputo amalgamare un sacco di influenze, da quelle soul, fino a quelle blues, gospel, teatrali , ed ultime ma non d'importanza, quelle metal naturalmente; lo vedo veramente come un passo avanti come band e come cantante.

Altro argomento che interessa moltissimo me e sicuramente tutti i tuoi fans è la tua uscita dai Secret Sphere. Cosa puoi dirci a riguardo e come mai non è mai uscito un comunicato ufficiale ma l'abbiamo scoperto tutti sfogliando il booklet del nuovo “The nature of time”? A proposito in questo disco non hai registrato niente di tuo? Cosa ne pensi del risultato finale?
- I Secret sono una grande famiglia di cui ho fatto parte e sicuramente mi sentirò sempre dentro, ma credo che arrivi sempre il momento nella vita di tutti , di cercare di reggersi in piedi da soli , diventare grandi ed andare avanti con le proprie forze. Ho deciso che voglio provare a fare le mie cose e vivere esperienze nuove. I Secret mi hanno dato tantissimo e non smetterò mai di ringraziare Aldo per la possibilità che ho avuto di girare l'Europa e di vedere l'amore di un paese come il Japan per una band italiana. Nulla toglie il fatto che ci lega una forte amicizia , anche più forte della musica stessa; alcuni dei miei migliori amici suonano nei Secret d'altronde.
Non ho registrato e scritto nulla in questo nuovo full lenght , ma devo dire che è veramente un album eccezionale che continua , a mio parere, la scia davvero grandiosa iniziata con Michele con Portrait.

 

Tante soddisfazioni in questi anni te le stai togliendo con la tua band principale ormai, i Temperance. Il vostro terzo ed ultimo lavoro “The earth embraces us all segna un netto passo avanti in termini di songwriting e maturità. Come è nato quel disco?
- E' un disco nato dal cuore , come anche gli altri. Come credo tu sappia, le musiche dei Temperance sono sempre state scritte da me e Giulio Capone; ci siamo ritrovati di anno in anno ad avere un alchimia sempre più profonda e , quando i lavori del terzo album sono iniziati , ci siamo lasciati andare , senza trattenerci e senza niente di studiato a tavolino. Credo che sia una cosa che oggi manca ad altre band, naturalmente si corre anche il rischio di fare qualcosa molto fuori dagli schemi , ma è anche il bello della musica, seguire quello che ti dice l'istinto ed il cuore.

 

Tra l'altro di recente avete registrato il dvd filmando un concerto a teatro. Come è andata la serata? Quando pensate vedrà la luce il dvd?
- E' stata una serata magica; dietro c'è moltissimo lavoro tra arrangiamenti orchestrali , cori riarrangiati totalmente, brani suonati per la prima volta ecc
Abbiamo voluto suonare interamente il terzo album , che è quello che al momento c'ha dato più soddisfazioni; preparare il tutto ed ascoltare poi il risultato finale con un quartetto d'archi , un coro in una location veramente suggestiva come un teatro verdiano c'ha dato moltissimo ed i presenti c'hanno regalato anch'essi emozioni veramente senza eguali. Stiamo lavorando proprio in questi giorni al mix e ne siamo felicissimi. Abbiamo deciso , contrariamente a quello che si pensa su questo genere di musica, di non ritoccare e di non sovraincidere alcuna traccia, proprio perchè vogliamo dare in pasto alla gente quello che siamo realmente nel 2017 come live band , naturalmente nel bene o nel male.

Un disco che mi aveva spaventato un po' ascoltando il singolo è stato quello uscito per l'altro tuo progetto del 2016 ovvero i Light & Shade. Un mix di tante sonorità con questa straordinaria cantante Adrienne. Alla fine ho comprato l'album e devo dire che mi è piaciuto. I pezzi li hai scritti tu o è stato un lavoro di squadra? Possiamo parlare di una vera e propria band con altri dischi in arrivo?
- Light & Shade è una band a cui tengo parecchio. Tutto nasce dalla voce di Adrienne; quando l'ho sentita la prima volta ne sono rimasto veramente travolto ed abbiamo deciso di dare vita ad un qualcosa di nuovo. Anche qui nasce dall'esigenza di dare sfogo ad un qualcosa di più heavy, linee vocali più decise e classic, colorate dal timbro unico di Adrienne appunto. Ho scritto personalmente tutti i brani , a parte un singolo Welcome The Cold , scritto insieme a Luca, e seguito i passi della produzione. Adrienne stessa è venuta poi in Italia due settimane per lavorare sul disco ed è stata veramente un'esperienza di vita mettersi a confronto con una cantante così talentuosa anche se così giovane – ha solamente 21 anni - . Tra gli impegni di tutti cercheremo di dare continuità a questa entità, il debut ha raccolto un feedback buonissimo soprattutto negli Stati Uniti e spero di darvi presto numerose news in proposito.

Sappiamo che ti occupi anche di eventi con una agenzia che ormai è una sicurezza nel settore in Italia, la Truck me Hard. Com'è lavorare dietro le quinte ma a contatto con altre band anche importanti e organizzare festival anca voltehe di grande portata?
- Negli anni abbiamo costruito un team di lavoro di cui andiamo molto fieri e stiamo cercando di fare cose sempre più mirate in un determinato modo. Siamo veramente contenti di quello che abbiamo creato e giorno dopo giorno , settimana dopo settimana, siamo sempre più sicuri del nostro lavoro.

 

In Italia è sempre più difficile portare gente agli eventi ma vi siete tolti alcune soddisfazioni, mi viene in mente lo Spazio Rock Festival con un Live di Trezzo gremito. Quindi c'è ancora speranza per il nostro paese? Tu come vedi la situazione?
- Si parla d'Italia sempre , ma la situazione è la stessa in tanti paesi d'Europa. Per una questione anche di geografia , paesi come Italia, Spagna, Portogallo, ed ancor di più Grecia e quant'altro – andando oltre all'aspetto meramente economico , sono più sfortunati di altri , anche solo quando una band pensa ad un tour. Per il fatto che viaggiare con un tourbus ha dei costi, come tutto il routing di un tour stesso naturalmente e attraversare l'Europa ha in molti casi dei costi che vanno ben oltre alle potenzialità di una o l'altra band. Anche da qui il solito discorso di come le band europee e non, prediligano Milano o comunque il nord Italia , a piazze importanti come Roma.
L'Italia ha speranza , come ce l'hanno altri paesi, quando si tratta di eventi importanti e lavorati in un certo modo. Al contrario , ma non solo qui , non ci si può aspettare che una band , che ha magari una fanbase di 500 persone in tutta la penisola , possa suonare magari ogni anno qui di fronte a 2mila persone.

 

Marco tu sei un grande appassionato di tutto il mondo metal a 360 gradi. Allora dimmi, qual'è il tuo disco dell'anno finora e quali sono le uscite che attendi maggiormente? (io mi gioco la carta Seventh Wonder eheh)
- Potremmo stare qui ore a parlare ahah , tra quelli appena pubblicati ho apprezzato molto il nuovo Ayreon , di cui apprezzo sempre il mood concettuale di Lucassen ed la sua maniera di inglobare in un unico lavoro , una storia ed una serie di cantanti eccezionali. Non è da tutti.

In ambito più metal , Immortals dei Firewind che consumo in macchina da mesi ormai.
Una delle rivelazioni del 2017 per me sono al momento i Cellar Darling, con quella magica voce di Anna Murphy. Dischi più attesa in uscita? Leprous primo tra tutti, il nuovo Accept e naturalmente Seventh Wonder.

 

Parliamo del Marco Pastorino singer. Sai che ti apprezzo moltissimo in questa veste e con i Virtual Symmetry stai dando dimostrazione di cosa sai fare. Come si è evoluta la tua carriera da chitarrista a singer?
- Sono entrambe le cose naturalmente. Per quel che riguarda la chitarra , la vedo più come un mezzo per comporre e tirare fuori determinate cose. Non sono sicuramente il tipo di chitarrista interessato a fare chissà che virtuosismi ecc, ma mi piace seguire un concetto di songwriting dove chitarra e voce possano sovrapporsi. Anche il canto lo vedo come un mezzo per esprimere determinate emozioni , anche se mi sono trovato e mi trovo spesso tutt'ora a dare voce a musiche di altri , cercando d'immergermi completamente nella musica.

 

Hai lavorato con alcuni grandi singers, basta pensare ai Secret Sphere con Rob Messina e Michele Luppi. Pregi e difetti di questi due artisti? Hai appreso qualcosa da loro immagino...

- Due cantanti completamente diversi. Di Rob ho sempre ammirato la predisposizione e la naturalezza nel fare le cose . Negli ultimi anni purtroppo ci siamo un po' persi di vista, ma abbiamo vissuto qualche anno veramente bello insieme. Michele , che dire, senza esagerare lo reputo al momento il cantante più preparato in circolazione; ancor prima di dividere il palco ed un mare di esperienze con lui nei Secret , l'ho seguito per anni con le sue band ed è stato veramente un esempio vocale da seguire, dai timbri usati , dal modo di cantare e di approcciarsi al canto stesso , fino al suo utilizzo , a mio parere unico , dei cori. Sicuramente una delle mie influenze più importanti come canto , insieme ad altri italiani come Tiranti e Lione, ma Michele rimane quel qualcosa di diverso di cui secondo me un giovane cantante dovrebbe sempre prendere ad esempio.
Un cantante inarrivabile che ha però veramente molto da poter insegnare a tutti , non solo singers.

 

Ma allora, in sede live preferisci avere la chitarra in mano o essere libero sul palco e cantare col microfono?
- Non saprei dirti, dipende molto dalla situazione. Mi trovo veramente a mio agio in una band come Temperance a poter esternare il mio amore per la chitarra , ma poter cantare a squarciagola quando ne sento il bisogno e , soprattutto , quando occorre alla canzone. Allo stesso tempo adoro essere impegnato solo in veste di vocalist in situazioni che richiedono un diverso approccio.

 

A proposito di palchi, la cosa che arriva subito guardandoti suonare/cantare o incontrandoti tra il pubblico è che sei una persona solare e positiva. Questo si riflette poi anche nella tua musica in particolare nella tua band principale, i Temperance, nei testi e nel sound. Sbaglio?
- Vedo molta fortuna in quello che ho oggi giorno, lo sottovalutiamo e spesso non ci rendiamo conto di quello che accade ogni istante della nostra vita. Ognuno ha i propri problemi , ma la musica – e l'arte in generale- dovrebbe darti quel qualcosa per superare questi momenti bui. Personalmente sento veramente il bisogno di poter esprimere qualcosa che c'è dentro di me attraverso una canzone, un disco ecc. Ogni lavoro porta qualcosa di nuovo a te stesso ed agli altri. Proprio per questo motivo , non ha prezzo ricevere messaggi di stima da parte di qualche persona , vicina o non , che si emoziona con una melodia . Tornando alla tua domanda , la musica dei Temperance rispecchia interamente quello che siamo e che sentiamo il bisogno di dover dire. E' giusto invece segnalare che i testi sono interamente scritti da Chiara.

 

 

Bene Marco, grazie del tuo tempo. Ci si vede presto a qualche show, un abbraccio da tutta la redazione di Allaroundmetal.com.
Grazie mille Federico! Un forte abbraccio.

Ultima modifica il Venerdì, 30 Giugno 2017 16:48
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Arion, ottimo power metal dalla Finlandia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ma non è che gli Internal Bleeding hanno ormai fatto il loro tempo?
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ultha, prossimi alla totale perfezione!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
THAW, dalle stelle alle stalle.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cosmic Church, un viaggio unico nel suo genere!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Rock raffinato e splendide melodie in questo nuovo disco dei Cage
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non proprio esaltante il debut degli Alchemy Chamber
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Entierro - siete pronti per la sepoltura?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo lavoro dei Cernunnos è ancora acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante il debut dei Beriedir
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla