A+ A A-
01 Mar

Tomi Fooler degli Skeletoon ed i Goonies In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

A pochi giorni dall’uscita di “They never say die” (prevista il 08/03), il cantante degli Skeletoon, Tomi Fooler, ci ha voluto svelare qualche dettaglio...

 

AAM: Ciao Tomi e grazie di essere qui con noi. Partiamo subito parlando di “They never say die”, un album secondo me completo ed adatto a farvi conoscere in giro per il mondo; siete consci di aver realizzato una bomba di disco?

TF: Ciao a te Ninni, e tutti i lettori di AAM!

Ahahah le tue parole sono più che apprezzate! Per quanto ci riguarda, siamo consapevoli di aver messo su disco tutto quanto ritenevamo bello e adatto all’uscita, e questa per noi è già una gran realizzazione!! TNSD ci piace molto, credo sia il disco migliore degli SkeleToon, sinora: si siamo felici e siamo fieri che venga anche cosi ben accolto.

 

 

AAM: Ci sono tantissimi ospiti anche questa volta. Ce ne vuoi parlare e raccontare di come sei entrato in contatto con loro?

TF: Tutti gli ospiti sono prima amici, e questo ha reso le cose molto più semplici e divertenti. Registrare le parti condividendo il lavoro con loro, è stato un vero piacere, e non nego che mi piacerebbe rifarlo…molti di loro sono colleghi che molto spesso troviamo sul palco con noi alle serate, quindi ad averci messo in contatto è stata principalmente la nostra condivisa passione per la musica.

 

 

AAM: Ormai Guido Benedetti è una sorta di “sesto uomo” della band; ci parli della vostra amicizia?

TF: Ahahahaha non dirlo troppo forte perché ci crederei!!!

Guido è sempre stato un mio personale riferimento ed un buon amico, oltre che un grandioso musicista: averlo fianco a fianco, con noi, è un privilegio e ammetto che il suo intervento ha saputo caratterizzare il disco in un modo ancor più bello. Ci conosciamo da più di 15 anni ormai, e posso dire senza remora che Guido (e i Trick or Treat) sono sempre una garanzia, sia dal punto di vista musicale, che dal punto di vista umano.

 

 

AAM: Parliamo dei testi. Come mai avete scelto proprio il film “The goonies” e che relazione ha con il titolo dell’album?

TF: Mi sembrava bello associare la fase di crescita che raccontiamo in TNSD con le sensazioni regalateci dalla visione di quello che reputo uno dei più bei film di categoria mai prodotti: il nostro album tratta (mascherandosi con il volto del “Nerd Sfigato”) temi quali amicizia, desiderio di rivalsa e spontaneità, e mi è sembrato figo avvicinare le due cose. In tal modo, il concetto di “NERD METAL” viene ulteriormente canonizzato, no?

 

 

AAM: Avete realizzato due cover questa volta. Come le avete scelte e per quale motivo proprio quei due pezzi?

TF: Beh, la cover degli Avantasia è dovuta al mio amore viscerale per l’estro competitivo di sua santità Tobias Sammet…ahahahha!!

E’ un pezzo splendido, che perfettamente si adatta al tema di allontanamento e di separazione previsto per il finale del film, con tutto il lascito che abbiamo visto nella pellicola…è un addio, con voglia di ricordo…calzava a pennello!

Per quanto riguarda la cover di Cindy Lauper, si tratta di un ulteriore tributo al film, con riguardo particolare alla colonna sonora…pezzo che già mi piaceva in originale, figurati rifatto in chiave Power Metal…ahahah!!

 

 

AAM: Paragonando i suoni dell’album con il precedente disco, ho notato una differenza notevole; quanto è stata importante l’opera di Simone Mularoni nei suoi Domination Studios?

TF: Non importante, VITALE.! Con “Ticking Clock” abbiamo voluto sperimentare, ma il budget previsto non ci permise di farci affiancare da un produttore “vero” se non in fase finale… Con TNSD non ho avuto un dubbio per nemmeno un secondo…Simone Mularoni ha saputo “guidarci” verso il suono che reputo PERFETTO, seguendo ogni fase di registrazione, mix e master. Volevamo il massimo, per questo 3° disco, e la strada per ottenerlo, passava dai DOMINATION STUDIO.

 

 

AAM: Come sono andate le registrazioni dell’album? Ci sono episodi simpatici che ci vuoi raccontare?

TF: Oddio, le registrazioni, di per sé, sono andate alla grande! …riguardo gli episodi simpatici, beh…ormai ci siamo fatti la nomina dei minchioni, quindi puoi immaginare!!!! Ahahahahah!! A parte gli scherzi, stare con i Simone (Mularoni e Bertozzi) è stato divertente come al solito, sono amici prima di tutto, ma le fasi di registrazione sono state davvero precise e professionali, senza grosse perdite di tempo…erano anni che non passavo 9 ore al “lavoro” e rientravo in stanza solo per una doccia e 8 ore di sonno filate, a causa della stanchezza!!! Ahahahahaha!

 

 

AAM: Chi ha realizzato la copertina e che correlazione ha il disegno con i testi?

TF: L’artwork è opera dell’ottimo STAN W. DECKER, artista e musicista Francese, già autore di lavori per Masterplan, Borealis, Primal fear e Megadeth…E’ un tributo “SKELETOONIZZATO” al film, con un “Willy L’Orbo” in primo piano circondato dai gadgets fondamentali della pellicola e dai nostri strumenti…c’è anche un piccolo indizio riguardo in prossimo disco, nascosto nella cover, in effetti…

 

 

AAM: E’ il primo disco senza Charlie Dho al basso; ci parli della sua uscita dalla band e del nuovo bassista Jack Stiaccini?

TF: Già…per noi la separazione da Carloandrea (Charlie) è stata una vera e propria sofferenza, resa purtroppo necessaria da motivi personali: a causa di impegni familiari e lavorativi, non avrebbe potuto seguire i nostri ritmi e, molto professionalmente, ha deciso di farsi da parte. Siamo in ottimi rapporti e ci sentiamo spesso, sia chiaro…anzi, è probabile che, di quando in quando, spunti sul palco per una rimpatriata!

Jack, d’altro canto è stato il nostro vero e proprio salvatore: la separazione con Carlo si è concretizzata circa 20 giorni prima dell’ingresso in studio, per motivi che vanno al di la del nostro controllo. Giacomo, senza esitare un secondo, si è avvicinato alla band, imparando le parti e riscrivendo addirittura le linee di basso, e si è “tuffato” in studio, caricandosi dell’eredità di carlo e della sua tecnica personale (non dimentichiamo che Jack nasce batterista, eh…??), e nell’arco di 1/2 giorni ha registrato tutte le sue parti, con un sound che per noi si è rivelato nuovo (passa dal fingerpicking al plettro, durante molti brani), forte di una dinamica alla quale non eravamo abituati. Ci è piaciuto subito, e ci siamo trovati subito in sintonia…E’ un ragazzo giovane, con tanta passione sempre il sorriso sulle labbra, ed una energia che travolge il palco. Non potremmo più farne a meno, ormai!! Jack è il motivo per cui oggi possiamo ascoltare TNSD senza ulteriori attese! Un applauso per Jack!!! Ahahahah!!

 

 

AAM: Sei stato ospite sull’ultimo disco dei Trick Or Treat. Cosa ci racconti di questa esperienza e soprattutto di quel concerto in cui eravate tutti assieme sul palco a cantare le sigle dei cartoni animati in chiave metal?

TF: Cantare con i Trick, per me è stato un sogno che si avvera. Sono felicissimo di averlo fatto, insieme a dei nomi cosi illustri. Sarò sempre debitore ad una band che, non smetterò mai di ripetere, ritengo il punto di riferimento per il Power Metal di oggi. La ciliegina sulla torta, sono stati i Live a cui ho partecipato in veste di ospite: stare con I Trick è sempre una festa fantastica, figurati farlo con anche le altre Guests di RE-ANIMATED!!! Meno male che non dovevo guidare, dopo esser stato con loro….ahahahahah!!!

 

 

AAM: So che siete in giro per alcune date live. Quali sono i prossimi appuntamenti e quanto è importante per voi essere “on stage”?

TF: Si, stiamo promuovendo il disco con il numero maggiore di date live che abbiamo mai fatto: inizieremo il prossimo 14 marzo al Legend, insieme ai Domine e andremo avanti per tutto il 2019. Per ora abbiamo annunciato gli appuntamenti solo fino a Maggio, con apice una data che sarà grandiosa, prevista per il 18 al raduno di FEUDALESIMO e LIBERTA’ insieme ai grandi Nanowar of Steel (Live Club di Trezzo), ma a breve pubblicheremo tutte le novità che abbiamo in serbo per supportare TNSD: sarà uno spettacolo divertente ed INTERATTIVO (scoprirete in che modo, solo venendo a vederlo….;)), dove saranno proprio I GOONIES a farla da padrona…e il 14 marzo, alla release, avremo anche una sorpresa, che si aggiungerà agli ospiti invitati per il proprio ruolo anche live.

Vedere per credere!!!!

 

 

AAM: Avete suonato l’anno scorso al Metal For Emergency. Cosa ci racconti di questa esperienza? Magari ci scappa una partecipazione anche quest’anno....

TF: E’ stato MITICO!!!! Un palco come quello del MFE è sempre stato un sogno per il sottoscritto, e partecipare ad una edizione che ha addirittura visto i SEPULTURA come Headliners è stato incredibile. E’ una delle date più belle che abbiamo mai fatto, con un pubblico che ci ha accolto a braccia aperte pronto a divertirsi insieme a noi. Siamo molto grati all’organizzazione che ha saputo fare un lavoro di livello, sottolineando quanto in Italia possiamo essere all’avanguardia in merito agli eventi Open Air, rispetto ai nostri colleghi di oltre confine.

 

 

AAM: Anche questa volta avete realizzato un video, cosa ci racconti al riguardo? E prevedete di realizzarne altri più avanti?

TF: Si, abbiamo voluto lanciare un singolo con un video che fondesse la nostra musica alle immagine tratte dal film originale. Ci siamo divertiti un casino, soprattutto nel riproporre le scene più “comiche” del film, mantenendo il nostro abituale atteggiamento goliardico. Abbiamo intenzione di lanciarne un secondo, più avanti, ma sarà una specie di esperimento, e non vogliamo svelare nulla...

 

 

AAM: Primo disco con Scarlet Records. Come siete arrivati a quella che è una delle più importanti label italiane in campo metal?

TF: Grazie al provvidenziale intervento di Simone (Mularoni), e del nostro Manager Fulvio Trinca: Appena pronto l’album, si sono adoperati per farlo sentire a Filippo Bersani, boss di Scarlet ( se non sbaglio gli hanno addirittura rotto le scatole mentre era in ferie…ahahah!), il quale ha risposto dopo pochissimo con quella che è stata la proposta più bella che avessimo mai ricevuto!! Ahahahah!! Essere affiancati da Scarlet Records è la ciliegina sulla torta per TNSD: il nome della Label che ha lanciato tutte band che adoro??? Sembrava un sogno!!!

 

 

AAM: Siamo arrivati al terzo album della vostra carriera. Guardandoti indietro c’è qualcosa che non rifaresti se tornassi indietro e c’è anche qualcosa che ti ha riempito di soddisfazione e rifaresti all’infinito?

TF: Personalmente, non c’è nulla che non rifarei: siamo molto contenti di come sono andate le cose, e rivorrei tutto 1000 volte ancora, compresi i nostri errori (e ce ne sono stati molti, credimi!!!). Ma alla fine tutto ha avuto un ruolo e un significato per portarci a godere di quanto abbiamo ora: non penso ci sia ricompensa più grande!

 

 

AAM: Credo di essermi dilungato anche troppo abusando della tua pazienza e del tuo tempo. Concludo come consuetudine ringraziandoti per la disponibilità e lasciandoti uno spazio conclusivo a tua disposizione per aggiungere un tuo messaggio ai fans degli Skeletoon ed ai lettori di allaroundmetal.com

TF: Ma che dici!!!!!! E’ sempre un piacere fare queste chiacchierate, e non posso che ringraziarvi tutti. Spero di incontrarvi al più presto a qualche concerto (magari anche ai nostri!! Ahahah!) per portare sempre alto il vessillo del Metal e della passione verso questa musica!!!

Il vostro amichevole TOMI di quartiere..;)

 

P.S. A questo link trovate la recensione dell’album: http://www.allaroundmetal.com/component/content/article/26-releases/5850-skeletoon,-sar%C3%A0-il-disco-della-consacrazione

Ultima modifica il Venerdì, 01 Marzo 2019 19:32
Ninni Cangiano

Keep the faith alive!!

Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Il tempo non ha potuto che accrescere e raffinare le doti compositive degli At The Dawn
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ultimo album, ultimo live e addio definitivo: chiudono i battenti gli olandesi Entrapment
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brutal Death nudo e crudo (con un tocco d'Italia) per gli indonesiani Depraved Murder
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una delle più interessanti realtà del panorama estremo statunitense: i Vale of Pnath
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Paragon: Devastanti e sempre fedeli a se stessi
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buone potenzialità nel debutto dei danesi Ironguard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Allagash, che peccato!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Night Screamer hanno le carte in regola per migliorare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lunghe tracce senza schemi precostituiti in questo secondo album dei Tanagra.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
BitchHammer thrash grezzo ed estremo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince l'EP di debutto degli svedesi Blutfeld
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla