A+ A A-
04 Ago

Intervista a Schmier dei Destruction: un'interessante chiacchierata con una leggenda del thrash teutonico e mondiale

Vota questo articolo
(7 Voti)
Intervista a Schmier dei Destruction: un'interessante chiacchierata con una leggenda del thrash  teutonico e mondiale Foto presa da Encyclopaedia Metallum

Il 9 agosto uscirà "Born To Perish", il quattordicesimo album dei leggendari Destruction. Per l'occasione abbiamo avuto il piacere di parlare via Skype con lo storico vocalist e bassista Schmier: un Artista con la "A" maiuscola che è stato esaustivo, simpaticissimo ed altrettanto umano. Con ben 37 anni di carriera nel bagagliaio, Marcel ci ha fatto capire cosa voglia dire vivere il metal a 360 gradi.

 

Ciao Marcel, è un immenso piacere averti qui su Allaroundmetal. Come stai? Come ti senti a ridosso della data di rilascio del vostro quattordicesimo album?

Ciao ragazzi, il piacere è tutto mio. Ovviamente è sempre eccitante quando lavori a qualcosa che ami, soprattutto perché aspetti con trepidazione la reazione del pubblico. Un album è come un bambino piccolo e come tale necessita di tante cure. Abbiamo registrato "Born To Perish" diversi mesi fa, poi c'è stata tutta la parte relativa al marketing, alla promozione, alla realizzazione della copertina...Insomma, un grande processo dietro e finalmente ora siamo pronti per la pubblicazione. Siamo tutti elettrizzati e non stiamo più nella pelle!

Vuoi parlarci della scrittura dell'album? Come avete lavorato?

Siamo stati molto compatti durante la scrittura dei pezzi. Dopo il tour in America Latina abbiamo iniziato subito a lavorare alle demo delle tracce nuove. Era più o meno Natale. Poi, come detto prima, le bozze sono state registrate a gennaio fino alla fase conclusiva a marzo.

Come fate ad avere sempre nuove idee per i vostri lavori? Si tratta solamente di esperienza o c'è dell'altro?

Sicuramente l'esperienza è un fattore determinante, ma in particolare è la dedizione e l'amore per il nostro lavoro. Quando sei in fase di scrittura ti siedi e lasci che la mente faccia tutto il resto. Ad un certo punto riesci a trovare quell'idea di impatto che ti convince. In passato abbiamo fatto così e ciò ci ha permesso di scrivere ottimi pezzi. Con "Born To Perish" è stato più o meno lo stesso, con l'unica differenza che volevamo fin dall'inizio un prodotto diretto ed energico.

Questo è il primo lavoro che vede Damir Eskic alla chitarra e Randy Black alla batteria. Avete lavorato bene insieme? Qual è stato il loro contributo all'interno dell'album?

Abbiamo lavorato benissimo insieme. Io e Mike siamo i principali compositori, ma sempre aperti alle idee degli altri ragazzi. Randy ha contribuito molto con il suo groove potente e deciso, rivelandosi un ottimo batterista con molta inventiva. Damir invece è un tipo che non si pone limiti, soprattutto negli assoli; tuttavia riesce bene a combinare melodia, tecnica e armonia con gli altri strumenti. Sicuramente i punti di riferimento siamo stati io e Mike, ma posso garantirvi che ciascuno ha contribuito a rendere l'album unico.

Su DukeTv hai detto che l'album è stato scritto e registrato in soli 3 mesi e che, appunto, sarà più diretto. Quali sono quegli elementi che rendono "Born To Perish" diverso?

La prima cosa che noterete sarà sicuramente l'impatto. Le tracce sono perfette per i concerti proprio per questa loro peculiarità: dirette, ti colpiscono in faccia ma, e ci tengo a sottolinearlo, sono anche catchy. Una volta che le ascolti ti restano in mente. Abbiamo già suonato il brano omonimo in live ed ha riscosso un ottimo successo. Credo sia questa la caratteristica principale che un buon album deve avere, soprattutto in ambito thrash metal: è un genere fatto per il palco. Questo è stata la nostra linea guida.

Quest'anno è e sarà uno dei migliori per il thrash metal: tantissime band storiche hanno rilasciato degli album fantastici ed altre ancora sono in procinto di farlo. Secondo te, possiamo parlare di un ritorno dell'old school? 

Sono assolutamente d'accordo con te: è un anno incredibile per noi band di vecchia data. Questa energia che si respira è stimolante per tutti e il poter ascoltare gli album nuovi ti riporta indietro a quella carica di quando si era più giovani. Fa piacere, inoltre, vedere che siamo ancora un punto di riferimento per tanti. Non è sempre stato così in passato  e i miei coetanei se lo ricordano bene. Quando i Destruction si riunirono nel 1999, le band thrash o si erano fermate o erano sparite dalla circolazione: gli Exodus, i Death Angel, gli Slayer, i Kreator passarono un periodo di crisi... gli anni '90 sono stati molto duri per tutti. Ora, dopo vent'anni, è bellissimo poter rivedere tutti in pista. Il thrash è tornato, è energia ed è reale!

E riguardo le nuove generazioni? Saranno mai in grado di prendere il posto di voi pionieri?

Devono assolutamente. Un giorno saremo troppo vecchi per continuare (ride, ndr). Fortunatamente ci sono già dei gruppi validi di ragazzi che si ispirano a noi e questo mi fa essere speranzoso per il futuro. Bisogna dare ai giovani l'opportunità di continuare questo genere e di valorizzare il grande potenziale che vedo in giro.

Marcel, sei sulla scena metal dal 1982, ben 37 anni di carriera. Essere "on the road" per tutto questo tempo non deve essere facile: tutti questi viaggi e concerti sicuramente sono stressanti. Come fai ad essere sempre in forma smagliante? Qual è il segreto, la passione per il tuo lavoro o c'è dell'altro?

Si tratta di passione. Il metal non è solo musica, ma una filosofia di vita. È quasi una sfida restare sul pezzo: quando suoni ad un festival si crea quella sana competizione tra le band che spinge a dare sempre il 100%. E poi ci sono i fan che ci incoraggiano. Ho viaggiato tanto nella vita ed ogni volta ho visto quell'unione che solo il metal riesce a creare: diventi un tutt'uno con gli altri, senza discriminazioni di religione, sesso, colore della pelle od orientamento di qualunque tipo. Il metal unisce ed è universale  e questo è un enorme incoraggiamento ad andare avanti. I politici di oggi potrebbero imparare molto dalla nostra comunità: amicizia, rispetto e fratellanza. Invece si combattono tra loro distruggendo giorno per giorno il mondo. Credo che il metal sia la via più pacifica ed efficace per creare pace ed unione tra le persone, Questo, più di ogni altra cosa, mi dà l'energia per continuare.

Un'ultima domanda tanto per toglierci una curiosità. So che hai lavorato con il musicista greco Constantine come ospite nel suo album "Aftermath". Come è nata questa collaborazione?

Ho incontrato questo ragazzo quando era molto giovane mentre era in tour con la sua band. Forse aveva 19 anni, non ricordo bene. Mi piacque molto il suo stile e la sua performance sul palco e lui mi regalò un suo disco solista. Lo ascoltai per mesi in macchina dato che spaccava davvero. Qualche anno dopo mi contattò dicendomi che aveva intenzione di pubblicare il suo secondo album e mi chiese di partecipare. Secondo lui ero perfetto per il materiale che aveva e io sono stato felicissimo di accettare dato che, tra l'altro, è un ragazzo umile e simpatico. Inoltre mi piace lavorare con i giovani anche se sembravo suo padre (ride, ndr). Spero di averlo aiutato per il futuro.

Ok Marcel, il tempo a disposizione è terminato. Ti ringrazio di cuore per la tua disponibilità. Sei un grande artista e speriamo di vederti presto in Italia. Lascia a te le ultime parole ai lettori di Allaroundmetal e a tutti i tuoi fan italiani.

Grazie a voi per l'intervista. Verremo sicuramente in Italia a marzo con gli Overkill e poi speriamo di tornare ancora come headliner. Per me è sempre un piacere venire in Italia. Non so se lo sapevate, ma mia nonna era italiana, perciò ho delle radici nel vostro paese, a partire dal mio nome che in italiano è "Marcello". Siete sempre un pubblico scatenato e ci fate sentire tutto il vostro calore ogni volta, ecco perché non vediamo l'ora di venire da voi. Mi raccomando ragazzi, assicuratevi una copia di Born To Perish": vi prenderemo a calci nel culo!

Ultima modifica il Domenica, 04 Agosto 2019 17:26
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

KXM: progressive ed un forte impatto moderno nel loro hard rock ricercato
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Melodic hard rock esplosivo per questo ritorno dei The Defiants
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I palermitani Grevia sganciano una vera e propria bomba con un debut EP di rara potenza
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un ottimo album Swedish Death dalla Germania: seconda fatica per gli Endseeker
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demiurgon: Death Metal e decadenza umana
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album nel giro di un anno per i danesi Baest... ed ancora non hanno nulla da dire
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Driving Force, dedizione tanta, sostanza un po' meno
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Esordio per i Song Of Anhubis: quando il non investire ha le sue conseguenze!
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, non la solita female fronted symphonic metal band!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kairos: classico heavy metal dalla Svezia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo generici e standard i nostrani Bonded By Hate
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Che sorpresa i Mighty Thor!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla