A+ A A-
16 Apr

22-02-2020 Intervista con Beatrice Bini (Constraint) @ Condor Club di Rubiera. In evidenza

Vota questo articolo
(1 Vota)

Poco dopo le prove dei modenesi Constraint per il concerto a supporto dei Kalidia al Condor Club di Rubiera ho avuto modo, grazie a Elisabetta Simonetti, di intervistare la loro cantante Beatrice Bini. Quello che vi apprestate a leggere è il risultato di sedici minuti di chiacchiere faccia a faccia tra lei e me seduti sul divanetto adiacente al palco.

 

C) Ciao Beatrice. Ben arrivata sulle pagine di www.allaroundmetal.com

B) Ciao Corrado, grazie per l’interesse e per l’opportunità che mi offri per far conoscere meglio i Constraint.

C) Come prima cosa ti chiedo di tracciare in sintesi la storia dei Constraint.

B) Siamo nati nel 2011 come Symphonic Metal Band di covers. Nel 2012 abbiamo inciso il primo demo “Illusion Of A Dream” con tre pezzi inediti; avevamo circa 15/16 anni e nel 2016 abbiamo registrato il primo C.D. “Enlightened By Darkness”. Successivamente abbiamo cambiato formazione stabilizzandoci e abbiamo preso musicisti più motivati per rendere il progetto più professionale. Essendo i musicisti più preparati, il progetto si è spostato su coordinate più Progressive e, dal 2016 in poi, abbiamo fatto solo concerti e composto nuovi pezzi. Nel giugno 2019 è uscito il nostro nuovo singolo “The Big (B)End”. A marzo 2020, invece, uscirà il nuovo album “Tides Of Entropy” (Nel frattempo è uscito - 23 marzo 2020 n.d.a.).

C) La vostra produzione in nove anni ha portato all’uscita di un demo, un C.D. e un singolo. Quella di “centellinare” le uscite è stata una vostra scelta o in questo lasso di tempo avete trovato delle difficoltà di qualche natura?

B) E’ stato dovuto alla nostra storia e cioè al grosso “buco” dovuto al cambio di formazione. Abbiamo dovuto trovare i giusti componenti, provarli, trovare la giusta sintonia fra tutti e trovare il metodo di composizione. La definirei una necessità più che una scelta.

C) Chi è che si occupa delle musiche e chi dei testi all’interno dei Constraint e in quale maniera lavorate avendo per così dire una formazione “Allargata”?

B) Questo è un concetto particolare. So che suona strano sentirlo dire ma componiamo tutti assieme. A volte parte una melodia da me e gli altri costruiscono l’arrangiamento. Altre volte il pezzo parte dal chitarrista, io ci metto la melodia, e ognuno sviluppa l’arrangiamento con il suo strumento. Ognuno mette le sue idee per quello che è il suo ruolo/strumento e cerchiamo mettere tutto in sinergia. Dei testi, invece, mi occupo io. Dato che il testo è dettato dalla mia linea vocale deve essere un tutt’uno. Non affiderei mai le stesure dei testi a chi non le canta perché io in una parola, e in una frase, sento già la melodia della musica e viceversa. Sono due cose altamente correlate.

C) Nel 2020 uscirà il vostro nuovo album “Tides Of Enthropy”. Ci puoi dare qualche anticipazione? Uscirà sulle piattaforme digitali o anche in forma fisica?

B) Il nuovo album uscirà in forma fisica. Abbiamo fatto una campagna di “crowdfunding” per cui c’è già stata una sorta di pre ordine. “Tides Of Entropy” è un album autoprodotto visto che siamo abbastanza attaccati ai nostri pezzi; magari più avanti, quando saremo ancora più maturi e con più esperienza, potremmo valutare l’idea di trovare un’etichetta discografica.

C) Ho visto su Youtube un clip della cover di “Slave” dei Leprous. Puoi dirmi come mai avete scelto quella band e quel pezzo in particolare?

B) I Leprous hanno un tipo di sonorità che, non vorrei dire un’eresia, si può avvicinare in qualche modo al sound del nuovo album. E’ una band Progressive ma ha queste atmosfere molto melodiche e, soprattutto, la voce del cantante si avvicina al mio modo di cantare. Usa molte risonanze di testa, falsetti, e alterna parti molto potenti ad altre melodiche. Direi che attualmente ci rappresentano più i Leprous che i Nightwish; band alla quale venivamo associati perché Symphonic Metal.

C) Visto il tuo ruolo centrale di cantante pensi che per lo più la band venga identificata con la tua figura e, nel caso, questo rappresenta un vantaggio o uno svantaggio?

B) Questa cosa capita quasi sempre nel senso che la gente identifica il cantante perché la voce è la cosa più diretta che arriva al pubblico. Tutti capiscono e riescono a seguire la melodia vocale mentre non tutti hanno il background e la competenza musicale per seguire gli strumenti. E’ un fenomeno che si trova maggiormente nella Pop Music ma che è presente anche nel Metal. Anche la chitarra ha un ruolo importante ma il cantante è quello che ci mette la faccia. A mio avviso è un vantaggio perché la gente si ricorda del cantante che, anche per come è posizionato sul palco è come un punto di riferimento. Ciò non significa che il ruolo degli altri viene sminuito. Lo svantaggio può essere rappresentato dal fatto che i musicisti si sentono relegati in secondo piano ma, come detto, non è così.

C) Cosa si deve aspettare da voi chi viene ad un vostro concerto? Quali emozioni volete suscitare? Usate costumi o effetti particolari?

B) Costumi no. Abbiamo un look molto “sobrio” e non ci piace avere richiami e fronzoli tipici del Gothic perché, oramai, sono caduti in una sorta di stereotipo. Le band di quel genere hanno detto tutto. A noi piace “astrarci” da questi clichès.

Riguardo agli effetti speciali; fino a che non avremo una disponibilità economica sufficiente o un tipo di fama che ce lo permetterà, eviteremo di usare cose che potrebbero risultare “dozzinali”, di poca qualità, oppure pacchiane/ridicole.

Cosa vogliamo suscitare? Io vorrei creare un ambiente introspettivo visto che tutto ciò che scrivo è legato a delle emozioni e delle evocazioni. Non c’è una storia; è più qualche cosa di poetico che vuole lasciare libertà interpretativa al pubblico. Vogliamo creare un’atmosfera dove uno possa vedere se stesso; “scavarsi” dentro e trovare una sorta di catarsi. E’ quello che si trova anche nella tragedia greca: il senso di purificazione, mutamento, improvvisazione, riflessione. La usica deve portarti in un mpondo al di fuori della realtà e quotidianità. Scrivo anche per questo; creare mondi.

C) Avete del Merchandising? Dove è possibile acquistarlo? Quali sono i vostri contatti on line?

B) Certo che abbiamo del merchandising; abbiamo Il vecchio e il nuovo C.D., il nostro plettro, e altri piccoli gadgets. Siamo presenti su tutti i maggiori social: Facebook, Instagram, Youtube e, se volete ordinare qualcosa, basta che seguite il link presente sul nostro Facebook.

C) Grazie per il tempo che mi hai concesso per questa intervista. Saluta pure come vuoi.

B) Grazie a te per la considerazione e un saluto a tutti i lettori di www.allaroundmetal.com

Ultima modifica il Sabato, 18 Aprile 2020 10:19
Corrado Franceschini

Oltre 50 anni di età e più di 35 anni di ascolti musicali.

Sito web: it-it.facebook.com/people/Corrado-Franceschini/100000158003912
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Soddisfacente il debut album dei prog-deathsters tedeschi Virocracy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Threnos" gli On Thorns I Lay pubblicano il miglior lavoro dal loro ritorno
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Putridarium" degli Eternal Rot: un titolo che è tutto un programma
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rites of Daath passano agevolmente l'esame del primo full
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per i polacchi Uerberos, sulla scia del classico sound centro-europeo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Racket: Heavy e pericolosi.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devil Crusade: un debutto ancora un po' acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Battle Born, un esordio sulla scia di Majesty e Manowar
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla