A+ A A-
22 Ott

La forza della perseveranza: Intervista agli Easy Trigger

Vota questo articolo
(0 Voti)

Gli Easy Trigger sono tornati con un nuovo disco, intitolato “Ways of perseverance”, così abbiamo sentito Caste,  il chitarrista e fondatore della band, con il quale abbiamo approfondito alcuni aspetti legati al disco e alla storia recente del gruppo.

 

-          Nel 2012 avete debuttato con il vostro primo album, “Bullshit”: come sono cambiate le cose per la band da allora?

Dall'uscita di “Bullshit” ad oggi diciamo che la band è cambiata nel senso dei "personaggi" che la compongono ma non negli intenti nè nella determinazione! Anzi, da allora è cambiato di più il mondo che la circonda, più che altro. I nuovi innesti hanno dato la possibilità alla band di pensare,lavorare e porsi in un contesto musicale più ampio!

 

-          Come avete conosciuto il nuovo singer Nico? Ha partecipato alla stesura dei nuovi brani?

Nico lo abbiamo conosciuto prima di "Bullshit": era un candidato per entrare a far parte degli Easy Trigger ma a quel tempo eravamo un po’ tutti troppo "fuori" per capire le enormi potenzialità del personaggio. Penso sia solo quello il motivo che non sia con noi già dal primo album. Fortunatamente, ci siamo reincontrati più avanti. Il Nico ha scritto tutti i testi e ha dato man forte negli arrangiamenti.

 

-          Come si sono svolte le registrazioni del vostro nuovo disco, “Ways of Perseverance”?

      Le registrazioni di "Ways of Perseverance" sono state interessanti sia dal lato umano, perchè abbiamo registrato con un personaggio che nel campo è molto quotato e professionale, tale Sig. Maurizio "ICIO" Baggio, nel nuovo HATE STUDIO a Bassano del Grappa, sia tecnico, perché registrare in uno studio così grande ed equipaggiato, con le migliori tecnologie in campo di registrazione e produzione suoni, ci ha aiutati a capire ancor di più come “Ways Of Perseverance” concretizzasse il nuovo suono degli Easy Trigger.

 

-          Come mai avete scelto questo titolo per il disco?

     Il nome “Ways of Perseverance” lo abbiamo scelto per far capire alla gente che ci seguiva che la band è cambiata sì nei personaggi ma non nella voglia di perseguire quello che crediamo e ciò con riferimento sia al genere musicale che suoniamo che alla vita stessa della band, dato che venivamo da un periodo di cambiamenti noi stessi ma anche il music business in generale. 

 

-          In sede di recensione osservavo come forse questo disco sia per voi quasi un nuovo debutto o comunque possa rappresentare un’importante conferma per la band, visto che la line-up è cambiata così tanto rispetto al primo album, sei d’accordo?

Sì, esatto, l'intento è confermare la crescita della band e il fatto che, anche se gli elementi cambiano, lo spirito e la personalità che gli Easy Trigger portano sul palco dal 2009 sono gli stessi, siamo solo migliorati nella composizione e nei testi. Del resto, come si dice, è solo Rock'n' Roll!

 

-          Quali sono le vostre principali influenze?Con quale musica siete cresciuti?

Siamo in quattro e fortunatamente abbiamo influenze comuni e non: Fabio "Pane" è più punk/hardcore/metal e ha militato anche in band del genere, vedi gli storici Raw Power; io e il Nico ascoltiamo più hard rock, metal, blues e R'n'R; anche il Vale è tra gli amanti dell’AOR e R'n'R dei bei tempi, con una passione singolare però per il funky degli anni '70 e dei musical in genere.

 

-          Avete realizzato un videoclip per “One Way Out”: cosa ci puoi raccontare circa la sua realizzazione?

 Il video di "One Way Out" è stato realizzato a Torino dove Nico stava frequentando l'università, tramite un suo (e adesso anche nostro) amico, Cesare Ambrogi, laureando in Regia abbiamo realizzato il nostro secondo video. Si sono mossi proprio come una squadra, hanno organizzato tutto loro, location, attori, trucco, ecc., noi abbiamo messo solo fiducia e volontà. Abbiamo realizzato tutto in due giorni e direi che è stato divertente come al solito e anche "compresso" per via dei tempi ma il risultato ci è piaciuto e rende l'idea di quel che siamo.

 

-          Quali sono i vostri progetti per il futuro?

      Abbiamo di sicuro la promozione in Italia ed in Europa del nuovo disco: partiamo con tre date in apertura ai Niterain a Padova, Torino e Milano, un altro video e poi centro-sud Italia; stiamo organizzando e a breve confermeremo per il Regno Unito. Naturalmente c'è anche nuovo materiale in fase di composizione.

Ultima modifica il Sabato, 22 Ottobre 2016 19:10
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Dischi a sorpresa : Just Dust, il nuovo album degli Scars Of Tears
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa per "Damnatio Memoriae" dei My Silent Wake
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un bel lavoro di classic hard rock ricco di influenze diverse per Andrea Salini
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'aor più puro nello splendido ritorno dei Coastland Ride
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solidi e talentuosi, buono anche il secondo passo per gli Inglorious
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco che farà contenti i fans degli Harem Scarem
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urskog: one man band direttamente dalle foreste svedesi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Grit, quando la passione non basta
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon biglietto da visita il secondo demo dei deathsters lombardi Crypt of the Whisper
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla