A+ A A-
29 Dic

Camillo Colleluori ai nostri microfoni per parlarci di una delle band del momento, gli Eternal Idol! In evidenza

Vota questo articolo
(1 Vota)

“The unrevealed secret” è senza dubbio uno degli esordi migliori del 2016, ma gli Eternal Idol non sono certo dei debuttanti visto che dietro a questo monicker si nascondono nomi come Nick Savio, Camillo Colleluori, Andrea Buratto e soprattutto Fabio Lione, oltre alla giovane singer Giorgia Colleluori. Andiamo a scoprire qualcosa in più su questa vera e propria band con il leader Camillo Colleluori!

 

Ciao Camillo, benvenuto sulle pagine di Allaroundmetal. Allora ci racconti come è nata questa nuova band? Avevate già lavorato con Fabio in passato con gli Hollow Haze ma come lo avete convinto ad entrare in pianta stabile in questo nuovo progetto?

Camillo: Grazie a voi per l'invito.Dunque...la storia inizia circa nel 2013.All'epoca il nostro rapporto con Fabio fù che produsse il cd “Countdown to revenge” con il monicker degli Hollow Haze. Anche quella volta non si trattò di una semplice collaborazione finalizzata a quel progetto,infatti Fabio entrò subito nella band in pianta stabile.Tuttavia gli astri avevano altri piani. Di li a poco infatti,Fabio venne preso in pianta stabile con gli Angra, e a quel punto era difficoltoso portare avanti la promozione del disco. Pensa che avevamo anche pronto il successore “Memories of an ancient time”,di cui infatti è stato Fabio stesso a fare le linee melodiche,che furono poi interpretate da Mats Leven. Siamo comunque rimasti in contatto. Gli HH continuarono poi a promuovere il proprio repertorio con l'ingresso in formazione di mia figlia Giorgia, che si è dimostrata col senno di poi,una mossa ottimale. Quando stavamo pensando all'inizio dei lavori per la continuazione di MOAAT ci siamo risentiti con Fabio. Volevamo dar un seguito alla collaborazione immaginando una sua partecipazione al disco. Le cose,anche questa volta,andarono in maniera totalmente diversa. Sia Nick che Fabio, concepirono la possibilità, di creare una situazione a due voci soliste,cosa che poi,sarebbe stata una novità nella carriera di Fabio...questo ha destato interesse...e adesso eccoci qua. Fondamentale è stato il venire in contatto con la Frontiers, che ha creduto in questo progetto. Spronati da questo,siamo sicuri di non aver deluso le aspettative che si sono create da subito intorno agli Eternal Idol.

 

A proposito di Hollow Haze, la band esiste ancora?

Camillo : Per adesso ovviamente la situazione è congelata.Vedremo in futuro. Adesso la priorità di tutti noi, è costituita dagli EI.

 

Il disco unisce alla grande sonorità melodic metal, power, hard rock e metal sinfonico. Come sono nati i brani?

Camillo : La composizione dei brani,come sempre è affidata a Savio.Alcuni brani erano già pronti,altri sono stati composti ex novo. Per la prima volta poi Fabio stesso si è occupato della diretta composizione di 3 canzoni, che poi sono state arrangiate da Nick. Sono d'accordo con te sul fatto che le influenze compositive sono abbastanza eterogenee. Questo rispecchia anche la band nei suoi gusti. Ad esempio io e Giorgia sono molto distanti dal Power metal,come gusti. A casa nostra gli ascolti sono molto più orientati all'Hard Rock. Sicuramente l'influenza power viene da Nick e Fabio ovviamente. Andrea (Buratto), è un glamster!...ha ha ha.

 

Il tocco sulle linee vocali di Fabio è evidente, non serve neanche leggere i credits del disco. Penso che aver lasciato spazio al grande singer italiano anche nel songwriting sia un gran punto di forza di questo lavoro. Come sono state scelte le parti cantate da Fabio e quelle da Giorgia?

Camillo : Avere la fortuna di poter lavorare con un singer come Fabio,non ammette replica. Calcola che le linee vocali,sono state praticamente improvvisate da lui in studio, all'ascolto delle canzoni.Spesso la prima intuizione è stata quella definitiva. La cosa particolare poi, è stata il come Giorgia abbia fatte sue alcune melodie. Fino a quel momento,il grande interrogativo era proprio legato a questo. Due voci così particolari,riusciranno ad interagire creando un “unico” convincente?

La maggior parte delle recensioni,ha colto questo aspetto. Fabio è una certezza,con una fama mondiale. Giorgia dal canto suo è giovanissima,ed alla prima realizzazione discografica.Lei ha una voce molto diversa dai canoni delle cantanti metal attuali,che normalmente operano o con caratteristiche liriche o addirittura estreme. I suoi riferimenti stilistici invece,sono più nel blues e nel Rock classico. E' inutile dire,che noi siamo molto soddisfatti del risultato. A questo aggiungi,che come band,siamo molto song oriented. Il nostro scopo è scrivere Big Songs, quindi la vocalità, è il punto centrale per gli EI. Non siamo interessati a far vedere che sappiamo fare lo sweep o la doppia cassa più veloce del west. A noi interessa che la nostra musica abbia “magia”.La divisione fra chi interpretava cosa,è stata fatta con grande naturalezza. Quello che suonava meglio...era giusto!

 

A proposito di Giorgia, credo non sia facile tenere testa ad un singer come Fabio invece la giovane cantante veneta ne esce molto bene. Ci racconti un po' su di lei, i suoi primi passi fino ad arrivare fin qui?

Camillo : Essendo io il padre ( e non il fratello, cugino,o fidanzato!),so dirti molto su di lei.Ovviamente sono di parte! Io gestisco una scuola di musica a Portogruaro in provincia di Venezia. Lei ha compiuto li i suoi primi passi. E' sempre stata molto determinata nel voler raggiungere degli obbiettivi professionali con la musica, come da prassi per i figli di musicisti.La gavetta è stata quella “antica”! Nessun tentativo di guardare a talent show o robe simili. Tanto palco. Cover band di tutti i tipi,di quelle dove ti monti e smonti l'impianto. Da quelli grandi a quelli piccoli. Con spie e senza spie, con l'immancabile alcolizzato,che dopo aver suonato Stormbringer ti chiede il pezzo di Ligabue.Ecco. Questa è Giorgia, che oggi svolge anche un'intensa attività didattica insegnando in diverse scuole del territorio.Ovviamente,per lei, rapportarsi con un gigante come Fabio, è qualcosa in più che una grande occasione. Sotto questo punto di vista, in studio è stata spremuta a dovere. Nessuno sconto. Neanche da Simone Mularoni,che ha seguito le registrazioni delle voci,che con volto affabile le faceva i complimenti dopo una sessione,ma gliela faceva rifare,perchè “adesso sarà quella giusta”! Chiaramente...io non ero presente! Ha ha ha

Ma lei...è stata rocciosa!

Altro punto di forza di “The unrevealed secret” è la produzione. A mio parere il disco suona molto bene con le voci in evidenza ma senza perdere di vista la potenza della parte ritmica e delle chitarre, e la produzione soprattutto in questi momenti è fondamentale in un disco. Siete d'accordo?

Camillo : Altrochè! La sinergia fra Nick Savio,noto maniaco a riguardo,e Simone Mularoni, che si è occupato di mix e mastering,oltre che la registrazione delle voci,ha dato degli ottimi frutti.Come ti dicevo in precedenza,per noi la canzone è il punto focale . Trovare un equilibrio fra la parte strumentale e quella vocale non è sempre semplice,senza far prevalere un aspetto a discapito dell'altro.Non va dimenticato che parliamo di Heavy Metal,quindi la parte strettamente musicale deve avere pari dignità rispetto a quella vocale. Un punto poi che per me è particolarmente importante,è quello di mantenere il suono degli strumenti “reale”. Non ti nascondo che molte produzioni metal attuali,non riesco ad ascoltarle. Io sono un batterista...e sentire che il mio strumento assomiglia ad un caterpillar meccanico,mi chiude immediatamente le orecchie. Chiaramente le cose cambiano. Ma fino ad un po' di tempo fa,distinguevi subito Tommy Aldridge,da Nicko Mc Brian,o Scott Rockenfield da Nigel Glockler...oggi mi sembra che questo avvenga meno. Molto meno.Ed ovviamente non riguarda solo la batteria.

 

Come è nata la collaborazione con la Frontiers? Siete soddisfatti del loro supporto?

Camillo:Come ti accennavo in precedenza,questa è stata la vera chiave di Volta. Il contatto è avvenuto tramite Fabio,che ha proposto loro l'idea del progetto.Questa collaborazione per noi,oltre ad essere un grande motivo d'orgoglio, sta andando veramente a gonfie vele. La sensazione è che tutti ce la stiano mettendo tutta per supportare gli EI. Dal canto nostro,non vediamo l'ora di iniziare con i live di promozione. Ed ormai è questione di giorni. Continuamente riceviamo feedback e richieste per i live...e noi siamo pronti!

 

Avete già in programma diverse date anche fuori dall'Italia. Sarà difficile in futuro combinare i vari impegni di Fabio?

Camillo: No. Tutto dipende dal responso che avrà il disco sul medio termine. Ovviamente l'attività di una band come gli EI, va programmata sul periodo medio lungo. Calcola che tutti noi, abbiamo degli impegni lavorativi dei più svariati. Quindi il problema non si pone. Con una accurata programmazione è possibile fare tutto ciò che val la pena fare. Stiamo già sondando il periodo per effettuare una seconda parte del tour. A breve,news a riguardo.

 

A proposito di date live, come sarà la vostra setlist? Proporrete il vostro intero debutto o ci sarà spazio per qualche cover?

Camillo : Come puoi immaginare,una band distribuita fra Veneto,Toscana e Piemonte,non ha la possibilità di lavorare in “sala prove”,oltre un certo limite. La cosa fondamentale per noi.è riproporre col la massima fedeltà il disco. Per intero. La scaletta,lo prevede in tutte le sue tracce. Ovviamente utilizzeremo delle basi per le orchestrazioni,quindi il suono in generale,sarà fedele in tutto e per tutto al cd. Completerà la scaletta,l'esecuzione di alcuni brani degli HH . Quelli a cui aveva lavorato Fabio,e che Giorgia,ha già eseguito diverse volte dal vivo. Per quanto riguarda l'inserimento di eventuali cover,non lo escludiamo in futuro. Adesso,al nostro debutto,ci occupiamo prima della nostra musica.

 

Bene ragazzi, grazie per la disponibilità. Ci vedremo sicuramente su qualche palco. A presto e stay metal!

 

Camillo: Grazie a voi ed ai vostri lettori. Seguiteci su sito e pagina Facebook,così magari,ci si incontra on the road! \m/

Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Sufficiente ma nulla di più il terzo disco dei messicani Leider
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Balfor, violenza fine a se stessa.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sinfonico, intellligente ed accattivante, questa è la nuova fatica di Zgard!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa per il primo album dei canadesi Auroch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un lavoro noioso quello dei finlandesi Devil Creations
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
PIU' OMBRE CHE LUCI PER I BLOODY TIMES!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Female fronted melodic metal con i brasiliani Vienna
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla