A+ A A-

Qualche mese fa, prima dell'uscita di The Last Stand, ultima fatica in studio degli svedesi Sabaton, mi era capitato di fare una chiacchierata col loro leader Joakim Brodén. A distanza di mesi mi ritrovo al Live Club di Trezzo sull'Adda, grazie alla KezzMe!, per intervistare invece un altro membro della band: il chitarrista Chris Rörland, unitosi agli svedish pagans ormai quattro anni fa. La chiacchierata è stata molto interessante, come leggerete, perché non si è solo parlato dei Sabaton, ma anche della persona che avevo di fronte, dei suoi sogni e della sua vita. Buona lettura!

D. Ciao Chris e grazie del tempo che ci stai dedicando! Come sta andando il tour di supporto a The Last Stand? È fantastico vedere voi e gli Accept sullo stesso palco.
R. Ciao e grazie a voi! Il tour sta andando alla grande, e avere gli Accept con noi è fantastico: sono persone stupende, così come i Twilight Force. Al momento però siamo tutti ammalati quindi ti consiglio di starmi un po' lontano! *ridiamo*
D. Parlando del disco: sei entrato nei Sabaton nel 2012. Com'è stato lavorare con calma alla scrittura del nuovo disco? Ti sei sentito più a tuo agio rispetto a quando sei entrato mentre Joackim e Pär scrivevano Heroes?
R. Assolutamente. Quando registrammo Heroes fu tutto un turbine e dovetti lavorare a ritmi serrati. Questa volta, invece, abbiamo avuto più tempo per rilassarci e pensare bene a come comporre: ho anche scritto una canzone insieme a Joackim. Sicuramente quello che mi ha più aiutato è stata la comunicazione tempestiva con Peter Tagtgren, che mi ha aiutato sull'espressività degli assoli e di alcuni riff. Mi sono fidato molto del nostro produttore, tanto da chiedergli spesso se secondo lui determinati pezzi andassero bene o meno... E spesso venivo rimbeccato! *ride*
D. Poi Peter, avendo già lavorato con i Sabaton, sa esattamente come deve suonare un loro disco.
R. Sicuramente, nelle registrazioni di Heroes averlo mi ha aiutato tantissimo. E poi lavorare con una leggenda come lui per uno come me è stato come dire "wow!", anche se ti posso assicurare che è stato molto severo: a volte ho dovuto riscrivere gli assoli anche cinque o sei volte perché c'era sempre qualche sfumatura che non gli piaceva.
D. Praticamente come un insegnante di arti marziali! *ridiamo*
R. Esatto, ma molto più arrabbiato!

D. Visto che ormai hai due album di esperienza: com'è lavorare alle parti di chitarra in una band che basa molto il suo sound sui cori e le tastiere?
R. È difficile ma divertente. Trovo ancora alcune difficoltà ad abituarmi al sound dei Sabaton, visto che vengo dal death metal, anche se in realtà sono cresciuto ascoltando power. Ciònonostante piano piano ci ho preso la mano e ho cominciato anche ad abbracciare stili differenti dal mio, crescendo anche come chitarrista. Poi, amando il suonare live, ti lascio immaginare quanto sia esaltante per me suonare con una megabatteria dal vivo, sentire tutti i cori che si intrecciano con i miei assoli e vedere persino i fuochi d'artificio!
D. Infatti penso che per te sia stato assurdo passare da un giorno all'altro a suonare con i Sabaton, per esempio, headliner a Wacken, suonando davanti a 70.000 persone!
R. Sicuramente, ma mi è anche servito a crescere come chitarrista. D'altronde, venendo da una tecnica quasi dream theateriana, cambiare così radicalmente mi è servito per aggiungere maggiori emozioni al mio stile... E poi è divertente! Adesso, dopo Heroes, ho anche provato a mettere qualcosina di shredding e Joackim sembra aver gradito molto.

D. Com'è lavorare con il vostro nuovo acquisto, Tommy Johansson?
R. Fantastico! È una persona che viene dal PROFONDO NORD *ridiamo* ed è molto divertente, sia come persona che come musicista con il quale suonare. Dopo questo tour vedremo come ce la caveremo insieme in studio.
D. Questa tua risposta mi fa venire in mente che una delle cose che si notano di più, guardando i Sabaton da fuori, è questa sensazione che siate tutti una grande famiglia.
R. Certo, il nostro spirito di squadra è ciò che sta alla base della nostra musica. Anche i membri della crew si sentono parte di questo, perché al contrario di altre band viaggiamo tutti sullo stesso tour bus!

 

 

D. Tornando un attimo all'argomento di prima, mi hai già più o meno detto quali sono le tue principali influenze musicali...
R. Aggiungo anche Iron Maiden e Blind Guardian! Le mie due band preferite, di cui ti posso assicurare che ho tutto, compresi vinili e cassette... Adoro collezionare cose, se non si fosse capito! *ridiamo*
D. Bene, ti confesso che queste domande le ho scritte più per te che per fare domande in generale sui Sabaton, quindi volevo chiederti: com'è stato passare dai Nocturnal Rites ai Sabaton? Ti ha cambiato la vita come cosa?
R. Sicuramente si: come chitarrista in primis, perché il mio predecessore è uno dei migliori che io conosca in Svezia. Venendo proprio al cambio di band: non è stato così un grosso cambiamento, visto che ci era già capitato di suonare insieme in diverse occasioni. Li conoscevo sin da prima, quindi per me è stato quasi un passaggio naturale, non come un semplice sessionist. La cosa pazzesca è la quantità di shows che stiamo facendo: quello mi ha cambiato davvero. Siamo costantemente in tour e non ho più una vita privata!
D. Infatti la cosa che volevo chiederti è se ogni tanto è stressante una vita del genere!
R. Guarda, fisicamente sicuramente, ma emotivamente invece sono sempre felice! Essere su un palco a suonare è sempre stata la cosa che ho desiderato di più sin da bambino, che di fronte al palco ci fossero 50 persone o 50000. Per me l'importante è sempre stato suonare dal vivo.
D. ... Ma ogni tanto rivorresti la tua vita primata! *ridiamo*
R. Si ogni tanto mi manca stare a casa o anche solo vedere la mia ragazza! Ti stanchi in tour, specialmente quando tutti si ammalano o quando attraversando le alpi ti si tappano le orecchie e non senti più niente... Ma lo dobbiamo fare.
D. Ma è divertente e quindi si fa!
R. Assolutamente si. A volte ci si annoia durante il giorno, perché magari si fa solo il soundcheck e non si fa nient'altro... Per quello sono contento che qualcuno mi intervisti *ridiamo*
D. E a volte, come oggi, siete troppo lontani dal centro città per quantomeno visitarlo!
R. Esattamente, a volte capita, altre volte no. Ma va bene così, spesso cerchiamo di organizzare anche le sessioni di autografi.

D. Parlando di te proprio come musicista: hai in mente qualcosa come un progetto solista per il futuro?
R. Eheheh, ci sto lavorando proprio in questi mesi! A dire la verità sono due: uno è giusto per divertimento e sarà una cosa hard rock/sludge ispirata da Marylin Manson e Rob Zombie, l'altro sarà un disco symphonic death metal. Sarà sicuramente un mix di diversi stili e generi musicali che mi piacciono e come tematica userò le trame dei film horror! Tra l'altro sarà una one man band: suonerò tutto quanto, inclusa la tastiera col sintetizzatore per fare le parti orchestrali... Canterò e disegnerò pure la cover dell'album! Se poi non sarò soddisfatto del risultato a quel punto mi rivolgerò a qualche produttore, magari proprio a Peter.
D. Avrai tempo per lavorarci dopo questo tour?
R. Si, sicuramente ci fermeremo un po'. Un po' di ispirazione sono riuscita a prenderla durante gli ultimi viaggi e al momento ho già dieci canzoni all'attivo. Spero di riuscire a pubblicarlo già quest'anno!

D. Siamo agli sgoccioli e ti faccio una domanda che mi piace porre abbastanza spesso: qual'è il palco dove ti sei divertito di più a suonare?
R. Cavolo, domanda difficilissima! Allora... Direi che il palco più assurdo su cui ho suonato con i Sabaton è sicuramente stato Woodstock, perché non avevo idea che saremmo stati ripresi e nemmeno che l'area concerti avesse una capacità di un milione di persone! Quella è stata una cose più fighe che abbia mai fatto nella mia vita. Ovviamente la seconda è stata Wacken, perché quando ero un bambino guardavo un sacco di dvd e mi dicevo "prima o poi arriverò anche io su quel palco!". E così è stato: ce l'abbiamo fatta e anche da headliner! Con i Sabaton ho suonato in tanti posti, ma quelle due date sono state qualcosa di favoloso.
D. C'ero anche io al Wacken... Ricordo benissimo la quantità di gente che faceva crowd surfing durante la vostra esibizione!
R. *ride* ogni volta che suono in un festival così penso un po' a voi poveracci che state lì sotto, poi a quel Wacken, col fango e col freddo!! *ridiamo*

D. Ti lascio con l'ultima domanda: in questi anni di odio e diffidenza verso il prossimo, lanciato soprattutto da politici e figure pubbliche, pensi che l'heavy metal sia ancora un mezzo possibile per unire le persone?
R. Ci spero: voglio dire, la musica è sempre stata qualcosa che ha unito le persone. Spero che l'heavy metal possa farlo, anche se esistono ancora un sacco di bigotti che sostengono che sia una musica da adoratori di Satana, da guerrafondai o da omicidi, specialmente la nostra! Spesso ci tocca rispondere che non cantiamo di queste cose, ma di persone che hanno dato la vita per qualcosa di più grande. Il nostro obiettivo dev'essere proprio far in modo che questi preconcetti spariscano: prima o poi capiranno che siamo solo persone pacifiche con cui si può tranquillamente bere una birra in giro!
D. Ti ringrazio Chris, buon concerto per dopo!
R. Grazie a voi!

Live report della serata qui.

Pubblicato in Interviste

Faccia a faccia con le chitarre dei Saxon!

Martedì, 27 Dicembre 2016 21:02

Da live reporter ho incontrato un bel po' di artisti di buon livello, passando dal metal classico a quello estremo, ma mai mi era capitato di incontrare due vere leggende come Paul Quinn e Doug Scarrat così da vicino: le leggendarie asce dei Saxon. Grazie a Eagle Booking e KezzMe! ho avuto la possibilità di avere con loro una breve intervista durante la loro tappa al Live di Trezzo sull'Adda. Buona lettura!

D: Ciao Paul, ciao Doug, benvenuti sulla nostra webzine, è un piacere avervi qui! Come sta andando il tour di supporto a Battering Ram? A parte queste due date italiane siete accompagnati dalle Girlschool: si tratta di un tributo a Lemmy?
Paul: Certo, siccome eravamo tutti amici abbiamo deciso di fare insieme questo tour.
Doug: Ho perso il conto di quanti concerti abbiamo fatto da quando il disco è uscito... E siamo già al lavoro su nuovo materiale!

D: A tal proposito: come procedono i lavori? Ho letto che dovrebbe uscire in estate 2017.
Doug: Abbastanza bene, siamo molto avanti con i lavori!
Paul: Anche se in realtà non abbiamo ancora registrato nulla...

D: Lavorerete ancora con Andy Sneap?
Paul: Assolutamente, ormai è come se fosse il sesto membro dei Saxon... Senza contare che è sia produttore che musicista, quindi capisce bene quelli che possono essere i problemi legati alla scrittura di un riff. A volte ci ha persino dato delle dritte sulla batteria!

D: Proprio a proposito di come componete: dopo tutti questi anni di carriera come fate a far saltare fuori sempre riff graffianti ed efficaci?
Paul: In realtà prendo la chitarra e suono! Con tutti gli errori e le stonature del caso. A volte c'è del materiale che tiro fuori che potremmo definire... Neoclassico? *ridono*

D: So che nel nuovo disco ci sarà una canzone su Lemmy. Considerato come è stata questa annata per la nostra musica: come vi sentite?
Paul: Ti dirò, personalmente mi sento abbastanza sereno. Ogni morte è parte della vita, anche se come ben sappiamo Lemmy era amato da molti, non solo da noi cinque.
Doug: Anche se molti dei nostri idoli se ne sono andati, e mi vengono in mente in particolare David Bowie e Chris Squire, andiamo avanti suonando la musica che noi tutti amiamo. Forse è questo che tiene in vita la leggenda!

D: Cosa ne pensate dell'attuale crisi che la nostra musica sta vivendo? E di questo revival un po' blues di questi ultimi anni?
Paul: Sinceramente sono contento che queste sonorità stiano tornando di moda! *risate*
Doug: Penso che ogni genere musicale abbia una specie di ciclo vitale... Alla fine qualcos'altro esce dalle ceneri di quel che è stato prima. Molta della musica che conosciamo è nata copiando qualcos'altro, e questa non è necessariamente una brutta cosa. Penso che più che un morire... È un rinascere, uno spogliarsi di qualcosa che c'era prima per riavere qualcosa di nuovo. Non è necessariamente una copia e una cosa certa è che il rock e il metal non sono mai morti, hanno solo avuto degli alti e dei bassi.

D: Quindi come vi ponete di fronte a quelle band di giovani che cercano a tutti i costi di imitare la produzione anni 80'? Non è un po' strana come cosa?
Paul: In realtà penso che sia una bella cosa provare ad avere una produzione un po' più "lo-fi". Non penso che ci sia nulla di sbagliato: alla fine ciò che conta, che la tua produzione sia in un modo o nell'altro, l'importante è che tu scriva una bella canzone. Se scrivi una bella canzone questa vince sempre. Pensiamo anche a gente tipo i Pink Floyd o gli Wishbone Ash: anche i loro primi dischi non avevano una produzione eccelsa, per essere gli anni 70', la loro musica è diventata immortale. Io, che ascolto molto prog, sono per esempio un fan dei Flower Kings, che hanno una superproduzione, ma scrivono sempre le canzoni giuste!
Doug: Vero, per esempio mi viene in mente che il primo album che mio foglio ebbe quando aveva 14 anni fu The Dark Side of the Moon. Nonostante la batteria avesse uno strano effetto, nonostante potessero esserci tutti gli errori del caso, sono dischi che hanno fatto la storia. E non importano le influenze e nemmeno quanto il suono sia curato all'interno di quei dischi. Io stesso, ultimamente, ho ricominciato ad ascoltare dei vecchi vinili degli anni 70' che avevo a casa e... Wow! Li ho trovati ancora perfetti sotto molti punti di vista.
Paul: Anche se la batteria ha quel sono ovattato e strano!

D: Ho visto i Saxon dal vivo parecchie volte e con molto piacere noto che vi piace suonare spesso Battalions of Steel, che è uno dei miei vostri pezzi preferiti nonostante arrivi da un album recente (Into the Labyrinth del 2009 nda). Come mai la suonate così spesso?
Paul: L'ultima volta che l'abbiamo suonata sono stato io stesso a chiedere agli altri di metterla! Io e Biff l'abbiamo scritta ricordandoci di una volta in cui eravamo in Francia a visitare le cattedrali: il suono delle campane era talmente assordante da coprire qualsiasi cosa. È lì che ho conosciuto la mia fidanzata di allora, per questo mi piace così tanto! *ridiamo*

D: Ok, siamo in chiusura e vi lascio con un ultima domanda: pensate ancora che il rock e il metal possano essere musiche di ribellione contro una società opprimente?
Paul: Penso che questi tipi di musica siano una sorta di evasione dalla realtà per le persone. Anzi, qualunque tipo di musica è ribellione ed evasione per chi la ascolta.
Doug: Tutto sommato non credo più che in realtà l'heavy metal rappresenti ancora quello che era una volta... Non saprei, sono successe tante cose. Credo che, alla fine, questa sia una domanda a cui dovrebbero rispondere dei fan, più che dei musicisti!
D: Grazie, vi ringrazio per il vostro tempo e... Ci vediamo durante il concerto!

Potete leggere qui il live report della serata.

Pubblicato in Interviste

Saxon + Overtures @ Live Club (14/12/2016)

Lunedì, 19 Dicembre 2016 14:44

Quale modo migliore di chiudere questo anno concertistico se non con un live degli inossidabili Saxon? Mancando dai miei timpani da ormai due anni, qualche giorno fa mi sono diretto verso il Live Club di Trezzo per assistere alla calata della band inglese in supporto al loro ultimo album Battering Ram. Oltre a trovare un sacco di nebbia e freddo, sono anche riuscito a intervistare Paul Quinn e Doug Scarrat; intervista che potete leggere cliccando qui.

Diciamo subito una cosa: sono uscite diverse polemiche per questa data, dovute soprattutto all'assenza delle supporter Girlschool, che avrebbero dovuto aprire la serata ma hanno dato avviso di assenza non con troppo anticipo, scatenando l'ira di chi aveva comprato i biglietti per entrambe le band. Per quanto mi sia dispiaciuto (non ho mai visto la all female band dal vivo) non me la sento di incolpare nessuno, anche perché pare ci siano stati seri motivi di fronte a questa dolorosa scelta.

Tolto questo dubbio cominciamo a dire subito che la band chiamata come supporto, gli Overtures, ha fatto assolutamente un'ottima figura di fronte a un Live Club già abbastanza gremito. I ragazzi li avevo già visti in azione allo Spaziorock.it festival, ma qui cambia tutto: 40 minuti di scaletta consentono ai nostri anzitutto di essere più rilassati e meno di fretta, per poi poterci proporre molto più del loro prog/power soprattutto dall'ultimo Artifacts. È stato sicuramente un ottimo show con una bella atmosfera, tanto che alla fine, quando Michele Guaitoli ha fatto un discorso sulle ragioni della loro presenza in merito all'assenza delle Girlschool, qua e là si è sentito anche un "Bravo!", segno di come nonostante tutto abbiano tutti apprezzato lo sforzo del sestetto. Persino un mio conoscente, non avvezzo a queste sonorità più moderne, a fine concerto mi ha preso da parte per dirmi che gli erano piaciuti molto.

Quando arriva il turno dei Saxon il locale è bello pieno e sin dalle note di It's a Long Way to the Top degli AC/DC, usata come intro, capiamo che stiamo per rivedere una vera e propria leggenda della NWOBHM. Con la title-track dell'ultimo album gli inglesi mettono subito in chiaro come stanno le cose: avranno sessant'anni per gamba, ma spaccano ancora come se ne avessero 20. Il concerto prosegue con Sacrifice, dalla penultima prova in studio, per poi andare ovviamente a pescare a piene mani dai primi album della band, con Heavy Metal Thunder, Solid Ball of Rock e una inaspettata Stand Up (and be counted). Il Live è in visibilio: da quando erano passati di qua l'ultima volta sono passati ormai 7 anni e questo non fa che aumentare l'esaltazione di chi è un po' che non li vede.

Biff, compiaciuto, nota come nel pubblico ci sia gente di tutte le età definendola "una cosa meravigliosa", per poi ringraziare pubblicamente gli Overtures per il supporto. Un momento di particolare fomento arriva quando scatta il tributo all'amico Lemmy: per l'occasione i Saxon suonano la cover di Ace of Spades, facendo esplodere il Live in un boato unico e scatenando ovviamente un devastante pogo con tanto di crowd surfin'! A questo punto io mi aspettavo partissero gli ultimi encores, invece, dopo Wheels of Steel, c'è un'altra mezz'ora di concerto da fare, la cui prima parte si chiude con la nuova Let me Feel Your Power e 747 (Strangers in the night), altri classiconi immortali che hanno reso celebri i Saxon tra gli anni 80' e 90'. I compagni di Biff sono quasi più fomentati di lui, nonostante l'assenza dell'ormai storico bassista Nibbs Cartes per motivi familiari, sostituito temporaneamente dal bravissimo Gus Macricostas: Doug e Paul si scambiano assoli, li modificano addirittura, mostrando il vero lato dell'heavy metal improvvisato e ignorantone, mentre dietro le pelli Nigel Glockler sembra essersi completamente ripreso dal ciclo di chemio che aveva dovuto affrontare lo scorso anno, sfoggiando anche una autoironica t-shirt con scritto "Fuck Cancer". Ma che concerto dei Saxon è senza Crusader, Denim & Leather e Princess of the Night? Su questi tre anthem da qualunque metallaro che si rispetti si chiudono le due date italiche della band inglese, che non accenna ad arretrare di un passo di fronte all'età.

Se avete un po' di sale in zucca seguite il mio consiglio: la prossima volta che i Saxon dovessero passare per l'Italia non perdete l'occasione di andarli a vedere. Poche band come loro riescono ancora ad incarnare lo spirito degli eighties senza sbagliarne una e a fare 2 ore di concerto salutando infine il pubblico stremati ma col sorriso sulle labbra.

Setlist:

  1. Battering Ram
  2. Heavy Metal Thunder
  3. Sacrifice
  4. Solid Ball of Rock
  5. Never Surrender
  6. Chasing the Bullet
  7. Stand Up and Be Counted
  8. The Devil's Footprint
  9. Strong Arm of the Law
  10. Power and the Glory
  11. The Eagle Has Landed
  12. 20,000 Ft
  13. Queen of Hearts
  14. And the Bands Played On
  15. Dallas 1 PM
  16. Ace of Spades (Motörhead cover)
  17. Wheels of Steel

Encore:

  1. Let Me Feel Your Power
  2. 747 (Strangers in the Night)

Encore 2:

  1. Crusader
  2. Denim and Leather
  3. Princess of the Night

Si ringraziano di cuore Eagle Booking e KezzMe! per il supporto.

Pubblicato in Live Report

La casa di Alex - Alex Etxea ospiterà sabato 29 ottobre Il bacio della Medusa, una delle più importanti realtà del prog rock italiano moderno.
La serata vedrà la band headliner, che porterà un lungo show ripercorrendo la sua intera carriera dal 2002 fino ad oggi. Di seguito una breve bio della band:

La genesi de “IL BACIO DELLA MEDUSA” si colloca nel settembre 2002 ad opera di SIMONE CECCHINI (Voce e Chitarra Acustica), DIEGO PETRINI (Batteria e Tastiere) e FEDERICO CAPRAI (Basso); nasce e si sviluppa così un florido laboratorio artistico e musicale, che si è proposto sin dalle origini l’obiettivo di conferire la giusta dignità ai testi, alle composizioni e all’arrangiamento musicale. Nel 2003, dopo vari cambiamenti d’organico, entrano stabili in formazione EVA MORELLI al Flauto e SIMONE BROZZETTI alla chitarra che porterà un suono più hard rock alla band. Il BDM, dopo un anno e mezzo di intenso lavoro, decide di arrangiare i brani già in cantiere per poi entrare in studio di registrazione nell’aprile 2004 e in poco più di un mese realizza il suo primo lavoro discografico auto prodotto, l’omonimo “IL BACIO DELLA MEDUSA”, un connubio di Hard Prog, Folk Rock e Musica Etnica.

 

Nel Settembre 2005 il BDM riavvia il proprio cantiere creativo per la realizzazione del secondo album “DISCESA AGL’INFERI D’UN GIOVANE AMANTE”, che vedrà la luce soltanto nel Maggio 2006. Portate a termine le registrazioni del disco, nel Settembre 2006 il BDM firma un contratto discografico con la BWR per la ristampa del primo lavoro e la distribuzione del nuovo (LP-CD); i due album riscuotono immediatamente un grande successo di pubblico e stampa, sia in ambito nazionale che internazionale. In particolare “Discesa agl’Inferi” è considerato da molti cultori del genere uno tra i migliori album di Prog Italiano. Dal 2008 al 2010 il gruppo si esibisce su numerosi palchi nazionali ed internazionali (da ricordare il concerto al Crescendo Festival, Saint Palais sur Mer in Francia il 20 agosto 2009) facendo apprezzare la particolarità della sua musica che spazia con disinvoltura dalla canzone d’autore al prog grammaticale passando per sonorità caratterialmente heavy e rock’n’roll, fino alla musica sinfonica. La band partecipa inoltre a numerose manifestazioni Rock, condividendo il palco con musicisti di rilievo come Arti & Mestieri, Rodolfo Maltese (Banco del Mutuo Soccorso), Bernardo Lanzetti (PFM, Acqua Fragile), Clive Bunker (Jethro Tull), Marco Minnemann (Necrophagist, Paul Gilbert).

 

Il target di pubblico raggiunto è molto variegato, e resta affezionato alle esibizioni live della band caratterizzate da una grande energia e presenza scenica. Nel frattempo le maggiori testate in ambito rock recensiscono i due dischi in maniera estremamente positiva apprezzando le capacità del complesso Umbro.

 

Il “Bacio” torna in studio nei primi mesi del 2010 e incide il brano “Fire”, tributo ad Arthur Brown e l’ estate stessa inizia la stesura del nuovo album “Deus Lo Vult”. Ad Ottobre del 2011 la band partecipa alla seconda edizione del PROG EXHIBITION la celebre rassegna di musica progressiva diretta da Franz di Cioccio (PFM), dove il BDM ha l’occasione di esibirsi accanto ad artisti del calibro di Steve Hackett (Genesis), Richard Sinclaire (Caravan, Hatefield and the North), Martin Barre (Jethro Tull), Mel Collins (King Crimson), Goblin, Balletto di Bronzo… Il mese di giugno 2012 vede per la band una doppia uscita, e cioè il terzo attesissimo lavoro in studio “Deus Lo Vult” (personalissimo viaggio, intriso di passione e sangue, intrapreso dal “nobil condottiero” Simplicio ai tempi delle Crociate) ed il cd della seconda edizione del Prog Exhibition, contenente la versione live del brano “Simplicio” presente nell’ultimo disco. Nell’autunno 2015 la band vede ristampata l’intera trilogia in una rinnovata e ricchissima versione dalla AMS Records, in particolare la riedizione dell’album Deus lo Vult corredata sia dalla copertina dipinta da Federico Caprai (a chiusura della trilogia) che dalla bonus track “Fire” di Arthur Brown. Il 25 ottobre dello stesso anno la band torna sul palco per il Perugia ART ROCK FEST 2015 presso il teatro Bertolt Brecht; il BDM avrà il piacere di suonare a fianco di Aldo Tagliapietra con il quale duetterà in una memorabile versione del brano Amico di Ieri.

 

Nel settembre 2016 è prevista l’ uscita del primo disco dal vivo dei cinque Perugini dal titolo “Il Bacio della Medusa Live” ancora sotto l’ etichetta AMS Records.

 

Per info e prenotazioni:
La Casa di Alex
via Moncalieri 5, Milano, 20162 Italia
Ingresso: €10 + tessera associativa obbligatoria €5
Prenotazioni: 333 7968861 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.alexetxea.it/evento/il-bacio-della-medusa/http://www.ilbaciodellamedusa.net
https://www.facebook.com/ilbaciodellamedusa

Pubblicato in News

Aldo Tagliapietra (ex Orme) al Factory di Milano

Venerdì, 20 Settembre 2013 13:02

Aldo Tagliapietra - 40esimo

Aldo Tagliapietra, storico singer de Le Orme, celebrerà il 40esimo anniversario di pubblicazione di Felona e Sorona eseguendo, martedì 8 ottobre, l'intero album dal vivo al Factory di Milano.

Per l'occasione il singer e la sua band eseguiranno anche l'intero album L'angelo rinchiuso, nuovo concept scritto da Tagliapietra dopo Nella pietra e nel vento.
L'inizio del concerto è alle ore 21.00 presso il Factory di Milano (Via Corelli).

L'angelo rinchiuso è in vendita dal 10 settembre nei negozi e online. La copertina del disco è stata curata nientemeno che da Paul Whitehead, celebre per le copertine di Genesis (Trespass, Nursery Crime, Foxtrot) e Van Der Graaf Generator (Pawn Hearts).

Aldo Tagliapietra
Factory, Via Corelli 36
Inizio concerto ore 21.00
Costo serata: 19€ prevendita (clicca qui), 23€ la sera stessa

 

Pubblicato in News

DEPECHE MODE: 3 date in Italia nel 2014.

Lunedì, 01 Luglio 2013 13:49

Le due date italiane sono quasi sold out e così ecco la lieta notizia per tutti i fan dei Depeche Mode.
Dave Gahan, Martin Gore e Andrew Fletcher torneranno l'anno prossimo per il tour invernale di "Delta Machine", ultimo lavoro della band di Basildon
Le 3 date previste si svolgeranno a febbraio nelle seguenti location:

18 febbraio Torino (PalaOlimpico);
20 febbraio Milano (Mediolanum Forum);
22 febbraio Bologna (Unipol Arena).

Biglietti in vendita dal 5 luglio.

 

Ed ecco il comunicato ufficiale ricevuto:

 

A grande richiesta i Depeche Mode tornano dal vivo in Europa con il Delta Machine Tour
 
Concerti nei palazzetti europei per l’inverno 2013-14!
 
Tre date in Italia:
18 febbraio 2014 – TORINO – PALAOLIMPICO
20 febbraio 2014 – MILANO – MEDIOLANUM FORUM
22 febbraio 2014 – BOLOGNA – UNIPOL ARENA
 
 
A grandissima richiesta i Depeche Mode, pionieri della musica elettronica, hanno annunciato le date della seconda tranche del loro ‘Delta Machine World Tour’.
 
Il tour estivo dei Depeche Mode, che li sta portando negli stadi e festival più importanti d’Europa – e che li vedrà nel nostro paese tra poco più di due settimane (18 luglio Milano, Stadio San Siro e 20 luglio Roma, Stadio Olimpico) – ha ottenuto un incredibile successo, registrando il sold-out in tutti gli show in calendario. Ora i fan avranno la possibilità di vedere Dave Gahan, Martin Gore e Andy Fletcher anche durante il tour invernale, che farà tappa nei palazzetti delle principali città europee.
Tre le date in programma in Italia, per il mese di febbraio: il 18 al Palaolimpico di Torino, il 20 al Mediolanum Forum di Milano e il 22 all’Unipol Arena di Bologna.
 
Per celebrare oltre tre decenni di incredibile carriera al top della scena musicale con oltre 100 milioni di album venduti, i Depeche Mode hanno trascorso gran parte di quest’anno a lavorare al loro attesissimo tredicesimo lavoro discografico, “Delta Machine”, definito dalla critica come l’album più potente, gotico ed elettronico da “Violator”.
 
 
I biglietti per le date italiane saranno in vendita, in esclusiva per i Titolari di carta American Express (www.ticketone.it/americanexpress), dalle 10:00 di mercoledì 3 luglio alle 10:00 di venerdì 5 luglio.
La vendita al pubblico partirà alle 11:00 di venerdì 5 luglio tramite il circuito TicketOne www.ticketone.it e nelle prevendite autorizzate.
 
Per informazioni:
LIVE NATION ITALIA (02 53006501 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.">'+addy_text11946+'<\/a>'; //--> – www.livenation.it)
 
Pubblicato in News

DEPECHE MODE: date in Italia e biglietti

Martedì, 23 Ottobre 2012 14:25

Ieri, vi avevamo dato l'indiscrezione delle date in Italia della band di Basildon.
Oggi è arrivata la conferma ufficiale, che vedrà esibirsi i DEPECHE MODE il 18 luglio allo Stadio Meazza di Milano e il 20 luglio allo Stadio Olimpico di Roma.

I biglietti per le due saranno in vendita dal 25 ottobre per i titolari di carta American Express, mentre per il pubblico la vendita inizierà il 27 ottobre dalle ore 10:00.


Pubblicato in News

DEPECHE MODE: due date in Italia.

Lunedì, 22 Ottobre 2012 18:33

La notizia non è stata ancora confermata, ma voci affidabili danno la band di Basildon, in Italia l'anno prossimo per due live.
Le date verranno ufficialmente confermate domani, a Parigi, in una conferenza che presenterà il nuovo tour dei Depeche Mode e nella quale verranno fatte alcune anticipazioni sul nuovo album della band (uscita prevista APRILE 2013).

Le date del tour saranno:

18 luglio 2013: STADIO MEAZZA (MILANO)
20 luglio 2013: STADIO OLIMPICO (ROMA).

Pubblicato in News

presenta
STRATOVARIUS:
nuovo disco e data italiana!


 
10 aprile Milano, Alcatraz
 
STRATOVARIUS, la power metal band per eccellenza, stanno lavorando al nuovo album la cui uscita è prevista per la primavera del prossimo anno. La formazione finlandese non perde tempo e annuncia fin da ora il tour che la porterà in Italia, assieme ad Amaranthe, nel mese di aprile. Un’unica ed imperdibile data!
 
Apertura porte: ore 18.00
Inizio concerti: ore 19.00

Biglietti in prevendita: € 25,00 + diritti di prevendita
Biglietti in cassa la sera dello show: € 30,00

Biglietti disponibili a partire dalle ore 10.00 di lunedì 22 ottobre 2012

 

Pubblicato in News

DEATH IN JUNE: due date in Italia.

Mercoledì, 10 Ottobre 2012 22:39

A distanza di un anno tornano in Italia i DEATH IN JUNE, per due date: il 13 dicembre a Milano e il 14 a Roma.
Questi tutti i dettagli:

DEATH IN JUNE - HEILIGE TOUR! 2012:

13 dicembre: MILANO - Zoe Club 
special guest: DIE WEISSE ROSE + ALBIREON.
Ingresso: 25 euro.

14 dicembre: CIAMPINO - Orion Live Club
special guest: SPIRITUAL FRONT.
Ingresso: 18 euro + d.p

http://www.ticketone.it/
http://www.greenticket.it/

Pubblicato in News
Pagina 1 di 2

releases

Wind Rose sempre più viking
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non solo Canada: dall'Italia un buon album Progressive Death grazie ai Mesosphera
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un heavy/rock progressivo molto cupo e moderno che non ci convince per i Badass
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock adrenalinico per il ritorno dei Warrant
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Dante's Theory: una piacevole scoperta dalla lontana Asia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urskog: one man band direttamente dalle foreste svedesi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Grit, quando la passione non basta
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla