A+ A A-
15 Mag

1-05-2017 Nayan al concerto del primo maggio a Traversetolo (PR) In evidenza

Vota questo articolo
(41 Voti)

 

Sembra impossibile ma la mia astinenza da concerti si è protratta per più di sei mesi. L’ultimo live visto, infatti, era stato quello di Phil Campbell and The Bastard Sons del 21-10-2016. L’occasione per rompere questo digiuno me l’hanno fornita Roberto (basso) e Nayenne (voce) dei Nayan. Il live report che segue è atipico per due motivi. Il primo è che i Nayan, quintetto emiliano/parmense nato nel 2014 ma che solo da poco ha stabilizzato la formazione, hanno all’attivo un demo appena uscito che è in attesa di circolare nei circuiti underground. Il secondo è che, condividendo il palco secondario con altri gruppi del festival di Traversetolo del primo maggio, il set proposto è stato breve e composto da sei pezzi dei quali tre sono state covers. Se pensate che Nayan siano sbucati fuori dal nulla, o quasi, avete ragione. Se altresì pensate e che un concerto di mezz’ora non sia sufficiente per valutare la resa e la validità di una band dimenticate che chi vi scrive ha visto più di 350 concerti: dal festival mastodontico alla birreria più scarsa e non è incline a facili entusiasmi. Ore 12 si parte dai SoundBox studio, “covo” del gruppo e dopo una sosta pranzo, il soundcheck era previsto per 3 ore più tardi, ci si avvia. Una pioggia ora fastidiosa ora insistente fa temere il peggio ma quando arriviamo a Traversetolo, ci accoglie un timido sole. L’orario dell’esibizione è stato spostato e così ci si trastulla tra il palco secondario e quello primario (più grosso e attrezzato). La musica dei Nayan è stata definita da un giornalista del M.E.I. come Alternative/Pop/Punk ma io non sono molto d’accordo: trovo che la componente Pop, se proprio di quella vogliamo parlare, è presente in una certa orecchiabilità dei pezzi, non tutti in verità, e non scade mai nel commerciale più bieco. Il basso di Roberto, poi, vira spesso verso quello dei Cure e Di Siouxie And The Banshees portano il suono, e il ritmo, su coordinate Rock/Dark. Dopo un soundcheck affidato a “Mortal Sin”: il gruppo lo definisce il pezzo più “pesante” del repertorio, almeno sino ad ora, si va in scena.

Si comincia con “In My Fears” e ciò che mi stupisce positivamente è il fatto che la voce femminile di Nayenne ha un timbro più caldo e sicuro di quando la avevo ascoltata nelle prove in studio. Segno che la bionda cantante ha fatto tesoro degli “allenamenti” dal vivo e del training in lingua inglese che sta seguendo. La resa della band è buona anche se le cinque personalità che la compongono sono differenti e questo, a livello scenico, si nota.

Si passa a “I’m Smoking Your Last Cigarette” e oramai, a suoni (ben) fatti e finiti, è chiaro che la “creatura” ha un suo timbro musicale e segue in qualche modo un percorso che sente suo senza allontanarsi troppo dal sentiero segnato. Arriva la cover di “Rebel Yell” e, nonostante qualche momento di “vuoto sonoro”; sapete che sono abituato a versioni più tirate, la resa è l’intesa musicale sono buone. Inoltre il vedere Nayenne carica e “saltellante”, dimostra che si sta “sciogliendo” e questo a livello spettacolo ci vuole. Qualche magagna esce fuori nella cover di “I Believe In You” degli Skunk Anansie. Il pezzo è da provare, riprovare e sistemare prima di essere riproposto. 

Tocca a un altro pezzo originale, “Victims Of The Win” e qui i Nayan confermano la buona impressione fattami nel proporre il proprio materiale. La conclusione del set è affidata a “The Bitter End” dei Placebo è, di nuovo, si notano problemi. A parziale discolpa possiamo dire che, in questo caso, i suoni sul palco non erano ottimali ma, purtroppo, fuori il tutto usciva bene e bilanciato. Nayan hanno un certo grado di originalità rispetto alla musica che circola oggi giorno e questo mi lascia ben sperare per il loro futuro; li seguirò da vicino e vedrò che evoluzione avranno. Lo sapete che musicalmente sono onnivoro e curioso no?!

Setlist:

Mortal Sin (Soundcheck)

In My Fears

 I'm Smoking Your Last Cigarette

Rebel Yell (Billy Idol)

I Believed In You (Skunk Anansie)

 Victims Of The Win

The Bitter End (Placebo)

Ultima modifica il Lunedì, 15 Maggio 2017 10:58
Corrado Franceschini

Oltre 50 anni di età e più di 35 anni di ascolti musicali.

Sito web: it-it.facebook.com/people/Corrado-Franceschini/100000158003912
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Balfor, violenza fine a se stessa.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sinfonico, intellligente ed accattivante, questa e' la nuova fatica di Zgard!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa per il primo album dei canadesi Auroch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stormhold dalla Svezia per un tuffo nel metallo più classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Female fronted melodic metal con i brasiliani Vienna
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per gli Shadowpath, nuova band di metal sinfonico proveniente dalla Svizzera.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova leva della scena Death maltese alza la testa: ottimo l'EP dei Bound to Prevail
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brutalità ragionata ma potente! - Divination degli HELSLAVE
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla