A+ A A-
26 Nov

11-11-2017 Game Over Release Party @ Caseificio “La Rosa” Poviglio (RE) In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Inizio questo live report ringraziando Max Iantorno di Apocalypse Extreme Agency per avermi concesso l’esclusiva, il caseificio “La Rosa” per l’ospitalità e ultime, ma non per questo meno importanti, le persone e le band che hanno amichevolmente condiviso chiacchiere e informazioni con il vostro cronista. Questo report verrà fatto per gran parte “a sensazioni” visto che delle cinque band presenti due non le conoscevo affatto (Ural e Joke It) due le conoscevo per avere ascoltato qualche cosa (Vexovoid e National Suicide) e l’ultima, i Game Over, la conoscevo e la conosco bene avendo recensito tutte le uscite dei thrashers ferraresi da inizio carriera ad oggi. Dopo 25 chilometri di strada e leggera nebbia alle 19,30 circa arrivo al Caseificio “La Rosa” di Poviglio. Vengo fatto accomodare da Max nel backstage del locale dove, finalmente, trovo un posto abbastanza ampio. I gruppi stanno banchettando e si rilassano in attesa di entrare in scena. Mi guardo attorno, bevo una birra e… Si comincia. Sono curioso di scoprire le band e i loro componenti così mi presento per “estorcere” qualche notizia e per informare i “referenti” della mia presenza e del “lavoro” che svolgerò. Esco e prendo confidenza con il locale. Bancone bar da un lato, spazio centrale che, a pieno regime, può contenere duecento persone comode e soppalco dove è stata sistemata la mercanzia e gli stands della Tornado Ride Records (vinili e45 giri), e Creepy Cakes (torte). Dopo uno shot di vodka offerto gentilmente dal chitarrista dei Joke It (sono in debito man!) scambio due chiacchiere con Renato Chiccoli dei Game Over. “Reno” mi dice che la prima volta che li vidi dal vivo (chiesi subito il loro demo n.d.a.)era l’unico maggiorenne della band, mi parla brevemente del tour in Cina dove si sta cercando di creare una scena, della difficoltà di suonare in Italia e del atto che Game Over si considerano ancora underground.

La serata ha inizio e i primi a salire sul palco sono gli Ural. Guardando le foto del quartetto torinese/piacentino mi ero fatto l’idea di avere a che fare con una band giovane invece, a posteriori, ho scoperto che Ural sono nati nel 2010 e hanno pubblicato un demo, un’E.P. a tre pezzi e un album, “Party With The Wolves” con splendida copertina stile Mike Ploog,  uscito nel 2016 per la ETN. Avevo ascoltato qualche pezzo del C.D. e avevo notato che i ritmi erano serrati: una sorta di “tupa tupa” incessante del tipo palla avanti e pedalare con pochissime concessioni alla melodia. Il resoconto della prestazione dal vivo concorda perfettamente con ciò che avevo ascoltato. Ural non si perdono in fronzoli o inutili orpelli. Aggrediscono con la loro musica l’ascoltatore e via andare. Devo dire che reggere uno show lungo con una musica del genere può portare ad un certo dejà vu che non fa stare attento chi ascolta come dovrebbe. Il riferimento che avevo letto in rete fatto allo stile dei Voivod a mio avviso non c’entra molto con ciò che Ural propongono né come violenza, né nei passaggi della seconda fase del gruppo canadese ossia quella più tecnica. Nel compenso una prestazione energica ma che, in futuro, avrà bisogno di un poco di varietà in più.

Max ci ha abituato a cambi di palco rapidi e così, dopo qualche chiacchiera nel backstage, torno nel proscenio per seguire i Joke It, gruppo di Belluno che ha due E.P.’s all’attivo (“Joke With Us” del 2015 e “No Hope” del 2017). Non date retta al chitarrista, quello che mi ha offerto lo shot, se vi dice che Joke It fanno schifo: non è vero e il loro show lo ha dimostrato. Il gruppo, tra berrettini Thrash e maglia dei Madball in bella vista, sfodera un’attitudine Thrash/Core che sfocia in momenti dove la chitarra forgia riffs stop n’go che aiutano la proposta a non essere statica. Il cantante, poi, saltella dinoccolato tra il Mike Muir e il Jovanotti style (so che il paragone tra i due non regge ma questa è stata l’impressione n.d.a) e aggredisce il pubblico da fronte palco usando  una voce uniforme che mi ha lasciato qualche perplessità. Uno show breve ma coordinato fa dei Joke It una delle band da seguire nell’immediato futuro.

Dopo i Joke It salgono sul palco i toscani Vexovoid. Il gruppo toscano ha all’attivo due singoli, l’E.P. a 100 copie “Herald Of The Stars” del 2014 ed è in previsione a dicembre 2017, l’uscita del C.D. “Call Of The Starforger”. Mi ero perso parecchie date di questo terzetto, tra le quali quella al primo festival di Facciamo Valere Il Metallo Italiano, ed ero veramente curioso di vedere la prestazione on stage. Talvolta i gruppi con una formazione a tre elementi risultano “vuoti” e si è portati a pensare che, con una seconda chitarra, il suono sarebbe più corposo. Non è questo il caso dei Vexovoid che se la cavano benissimo e che riescono a dare corposità al loro show grazie anche ad un volume aumentato, se pur di poco,  rispetto alle band precedenti. Il pubblico, leggermente incrementato, viene chiamato al Pogo/Mosh e, finalmente, da segni di vita grazie anche ad uno sparuto gruppo di thrashers (di Torino?) con giubbini pieni di patches ed è lì che mi assale un po’ di nostalgia per i miei bei vecchi tempi andati. I musicisti mi sono parsi concentrati e il loro Prog – Tech Thrash Metal di ispirazione “spaziale” è risultato abbastanza vario e decisamente interessante. C’è stato anche il tempo per presentare “The Starforger” dall’imminente album. Il pezzo, abbastanza lungo per i cliché del genere, ha messo in luce le qualità dei Vexovoid e se tanto mi da tanto, prepariamoci ad un full lenght C.D. di qualità. 

Dopo i Vexovoid tocca ai National Suicide scaldare l’ambiente. Il gruppo del Trentino Alto Adige può essere considerato tra i veterani del genere dato che è nato nel 2005 e ha all’attivo il demo “The Old Family Is still Alive” (2005), e i C.D.’s omonimo del 2009, “Anotheround” del 2016 e il recente “Massacra Elite” del 2017 (più alcune canzoni su alcune compilations n.d.a.). Che dire dello show dei cinque ragazzi? Studiato, carico, coinvolgente. Si vede che i chitarristi sono dei professionisti e che il cantante Stefano Mini ha avuto una lunghissima militanza in parecchi gruppi (canta anche nei Racket). Proprio Stefano si dà da fare per spronare il pubblico e ci riesce. Bello il Pogo che si scatena a più riprese e bellissimo, non che comico, il momento nel quale una ragazza perde una lente degli occhiali e tutti si fermano per cercarla. Uno show potente con mosse che, ricalcando gli stereotipi, fanno capire una certa accortezza e accuratezza nel preparare uno show con i due chitarristi che si giocano gli assoli in buona maniera e una sezione ritmica che dona forza e compattezza.

Terminato lo show dei National Suicide vado nel backstage per salutare Stefano e dirgli del buon voto ricevuto dall’ultimo C.D. su www.allaroundmetal.com. Inutile dire che, come tutti gli altri ragazzi dei gruppi, ho trovato una persona disponibile e per niente spocchiosa alla faccia di certe pseudo rockstars.

Prima dello show dei Game Over è il momento della premiazione del contest che vedeva la possibilità di aggiudicarsi tre premi. Max e “Reno” estrapolano da un foglio i vincitori, su tre solo uno è presente, e si può dare il via ad una sorta di prova suoni in diretta. Qualche problema c’è, e ci sarà anche durante lo show ma tutto sommato si può cominciare. Game Over, forti di una discografia composta da un demo, due E.P. e quattro full lenght compreso l’ultimo “Claiming Supremacy” uscito lo stesso giorno per Scarlet Records,  avevano puntato su un release party strutturato come quello dell’anno scorso al Kaleidos di Poviglio con l’intero nuovo album suonato dal vivo e inframmezzato da alcuni pezzi vecchi.

Si parte con l’immancabile “Another Dose Of Thrash” suonata ad una velocità che ogni volta mi stravolge. Mi domando sempre per quanto è possibile resistere suonando certe ritmiche quando l’età avanza. Non è il caso dei Game Over che di energia ne hanno da vendere. Dopo di ciò comincia lo show dedicato ai pezzi nuovi. Non mi sembra che ci siano grossi cambiamenti di ritmo in casa dei quattro ferraresi. Il Thrash solido e compatto con un muro di suono conclamato è la loro caratteristica e tale rimane. Le velocità claustrofobiche si susseguono e poco importa se talvolta la voce non si sente bene o se qualche “svisata” scappa di mano. Presenza, velocità, aggressione. Il Thrash è soprattutto questo e i Game Over sono tra i migliori alfieri del genere. Da segnalare alla fine del set una cover di “Metal Thrashing Mad” (Anthrax) che soddisfa i presenti (un centinaio circa) e lascia con il sorriso, e soddisfatto, chi ama questo genere di musica. Sarò più preciso riguardo ai contenuti dei brani in sede di recensione ma, lasciatemelo dire, i Game Over sono una band meritevole di essere  lanciata ai massimi livelli.

 

Dopo lo show torno nel backstage per salutare Max e “Reno” e ne approfitto per chiedere una maglia di “Claiming Supremacy”. Non lo faccio mai perché so quanto il merchandising è importante per i gruppi per tirare avanti fra mille difficoltà ma i Game Over li sento un poco come dei miei discendenti visto che mi ricordano tante cose del mio passato: gioventù, spensieratezza, energia, forza, voglia di cambiare il mondo. Si chiude qui questa “avventura” e il mio invito è sempre lo stesso: se potete andate a supportare le realtà del metallo italiano. Magari non scoprirete nulla di nuovo nel tipo di suono proposto ma troverete un ambiente fatto di amici e, soprattutto, rispetto,

Ultima modifica il Domenica, 26 Novembre 2017 19:42
Corrado Franceschini

Oltre 50 anni di età e più di 35 anni di ascolti musicali.

Sito web: it-it.facebook.com/people/Corrado-Franceschini/100000158003912
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Ristampa per il primo album dei canadesi Auroch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stormhold dalla Svezia per un tuffo nel metallo più classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pretty Boy Floyd, nel nome dell'hard rock immediato e spensierato
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Welcome back, Morbid Angel!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Female fronted melodic metal con i brasiliani Vienna
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per gli Shadowpath, nuova band di metal sinfonico proveniente dalla Svizzera.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una nuova leva della scena Death maltese alza la testa: ottimo l'EP dei Bound to Prevail
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brutalità ragionata ma potente! - Divination degli HELSLAVE
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla