A+ A A-
03 Nov

Monsters of Bari - Six Purple - 5/10/18

Vota questo articolo
(0 Voti)

Con un live report, vi abbiamo dato conto dell’evento storico che ha scandito la rinascita dell’hard & heavy barese, ossia del Monsters of Bari – vol.I celebratosi il 18 aprile di quest’anno, grazie alla vitalità delle prime leve metalliche del capoluogo pugliese che hanno riattizzato il sacro fuoco metallico in quella che fu la terra dei Japigi.

Vi abbiamo preannunciato che non sarebbe stato un mero episodio, bensì un vero e proprio concept concertistico itinerante in grado di mettere a ferro e fuoco una Bari da sempre sonnecchiante in campo musical-culturale.

Da allora si sono tenuti altri eventi di tutto rilievo, dalla serata Manowar-tribute al gig bordo mare in estate.

Ebbene, il giorno 5 ottobre è stata la volta del capitolo monster dedicato agli Dei Deep Purple.

Al Crossroad (assurto al rango di vero e proprio punto di riferimento dell’Olimpo metallico in quel di Bari e non solo) si sono magistralmente esibiti Fabio Cacace (versatilissimo vocals), il Master of Axes Alex Milella e un Carlo Ragno (guitars) che era una sorta di incrocio perverso tra Zakk Wilde e Daron Malakian, l’impeccabile Luigi Anastasia (basso), il giovane più che di belle speranze Leonardo Cavone (keyboards), Massimiliano Mortara (drums), un batterista che ha la prerogativa di menare come un fabbro ferraio pur apparendo il più rilassato del mondo, mancino come il mitico Ian Paice (con cui Carlo Ragno ha avuto l'onore di collaborare nel Maggio 2004 per la registrazione di un suo brano, e una jam session a sorpresa al Pellicano) cui si è ispirato anche nella strumentazione con una Ludwig dal look decisamente Seventies.

Particolarità della formazione a sei, ecco perché il monicker “Six Purple”, con due chitarre e tastiera: ispirati alle versioni studio, con le due chitarre che si alternano alla solista, o riproducono le parti che Blackmore effettuava con le sovraincisioni (tipici i soli con controcanti di Highway star, Burn, Soldier of fortune, MIstreated).

I convenuti (tra cui lo scrivente) hanno avuto modo di fregiarsi di farsi massacrare i padiglioni auricolari dalla seguente, esplosiva track list:

01. Hush   02. Strange kind of woman   03. Never before   04. Perfect Strangers   05. Black night   06. Child in time   07. Mistreated   08. Space Trucking   09. You fool no one   10. Lazy   11. Soldier of Fortune   12. Burn   13. Fireball   14. Might just take your life     15. Highway star   16. Stormbringer   17. Smoke on the water 

Un’altra serata memorabile, un altro tassello di puro acciaio che è andato a infoltire ulteriormente il metallico diadema marchiato “Monsters of Bari”.

Alla prossima, metalbangers! Il Tempio barese dell’inferno sonoro riaprirà i roventi cancelli il 29 novembre ("Winter Metal Explosion"). Ci saremo, statene certi, e ve lo racconteremo!

Max “Thunder” Giangregorio

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Sabato, 03 Novembre 2018 19:10
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Angel Witch: il marchio di Lucifero
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarleth, davvero un disco fatto bene
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Running Wild rilasciano un E.P. in attesa dell'album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Old Dead Tree: un Ep per ricordare un amico scomparso
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bastard Son, una band consigliata agli amanti del classico Death Metal floridiano
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per i veneti Ades Numen, band da seguire con interesse per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

In attesa di un nuovo album, un breve EP di cover per i calabresi Zora
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli australiani Alchemy un debut EP che lascia ottime speranze per il futuro
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal sinfonico neoclassico in questo primo album dei messicani Yeos.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di quattro brani dediciti ad un heavy metal grezzo ed old school per gli Olymp
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla