A+ A A-
19 Set

Nightwish + Temperance @Palabam - Mantova (12 Sett 2016) In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

"Lunedì sera a Mantova si può!". Questo hanno esclamato molti fans del power metal sinfonico quando hanno saputo del ritorno dei Nightwish in Italia per un nuovo mini tour prima di una lunga pausa, come ha dichiarato recentemente il leader Tuomas Holopainen

 

Non un Palabam strapieno quello che abbiamo visto ma, tenuto conto appunto del giorno particolare di inizio settimana lavorativa, non si può che essere soddisfatti della partecipazione che ad occhio direi che si è attestata attorno alle 2-3 mila presenza. Ad aprire la serata sono i TEMPERANCE che conosciamo benissimo ormai, visti diverse volte live e pronti all'imminente nuovo lavoro in studio, "The earth embraces us all", recensito proprio in questi giorni nel nostro sito. La band ha un'oretta a disposizione e ne approfitta per presentarci alcuni brani nuovi, su tutti "Unspoken Words" e "Revolution" che funzionano bene e naturalmente diversi pezzi dei loro precedenti album come "Mr White", "Deja vu". Peccato per i volumi un pò bassi e continuo ad insistere, la mancanza di una tastiera in formazione per non usare troppe basi registrate.

 

Anche loro piuttosto puntuali i NIGHTWISH  entrano in scena verso le 21 e ci regalano oltre 2 ore di grande power metal sinfonico. Uno show davvero ottimo con uno schermo ad alta risouzione alle spalle che lancia immagini in continuazione ed i 5 musicisti in grande forma, un pò stanchi forse ma che si dimostrano grandi professionisti e super musicisti. Tutto perfetto quindi? No, a dire la verità non ci ha convinto molto la scaletta, troppi brani recenti sia dal deludente "Imaginarium" sia dall'ultimo buono ma non eccelso "Endless Forms Most Beautiful". Insomma pezzi come "Last ride of the day" e "My walden" (ma anche le stesse "I Want My Tears Back" e "Storytime") non hanno il diritto di stare in una setlist che invece tiene fuori brani come "Wishmaster", "Ever Dream", "The kingslayer" o comunque ogni brano dai dischi storici come "Once", "Wishmaster", "Oceanborn", "Century child" e "Dark passion play". Per fortuna la presenza di "Bless the child" e soprattutto le superlative "The Poet and the Pendulum" e "Stargazers" hanno ricompensato il costo del biglietto. Grandissima la prestazione di Floor che ha convinto anche i fans più sfegatati di Tarja, anche se in "Sleeping sun" la storica singer finlandese un pò ci è mancata. E un punto a favore dei Nightwish va per il fatto di aver evitato l'inutile uscita di scena prima di farsi richiamare per il bis. Il loro show è stato tutto filato senza inutili pause. La conclusione con la lunghissima "The Greatest Show on Earth" (leggermente tagliata) è stata molto coraggiosa e inusuale, solitamente si cerca di chiudere con brani veloci e d'impatto. Una scelta interessante ed apprezzabile. 

 

Insomma una gran serata che ci rimanda a casa soddisfatti anche se con un pò di amaro in bocca.

 

SETLIST:

Roll Tide (Hans Zimmer song)

Shudder Before the Beautiful

Yours Is an Empty Hope

Bless the Child

Storytime

My Walden

Élan

Weak Fantasy (Preceded by a Dawkins' narration)

7 Days to the Wolves

The Siren

The Poet and the Pendulum

I Want My Tears Back

Nemo

Stargazers

Sleeping Sun

Ghost Love Score

Last Ride of the Day

The Greatest Show on Earth 

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

I catalani Teratoma segnano il loro ritorno dopo 15 anni con questo EP
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Paroxysm of Hatred" dei Rapture: quaranta minuti di cattiveria sonora figlia dei 90's
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Syn Ze Sase Tri - Zăul Moș
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Accuser non sbagliano un colpo dopo trent'anni di puro thrash
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Visigoth e l'epic metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Us metal vario e complesso nel riuscitissimo disco targato Mike Lepond's Silent Assassins
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli americani Matrekis non centrano il bersaglio.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
SI SVEGLIA IL METAL CON I MILLENNIUM
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il female fronted symphonic melodic metal dei Rite Of Thalia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un bel concentrato di power/heavy granitico con gli spagnoli SnakeyeS
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprendente il lavoro degli olandesi Morvigor
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla