A+ A A-
22 Ott

SONATA ARCTICA: Live Report Milano 20/10/2016 In evidenza

Vota questo articolo
(3 Voti)

Ci sono concerti che aspetti trepidante, prima dei quali conti i giorni che ti mancano, per goderteli con in mano una birra e i pensieri lontani anni luce..

Questo è quanto attendeva chi ha avuto il piacere e la fortuna di essere all’Alcatraz di Milano per il concerto dei Sonata Arctica e dei Twilight Force.

Arriviamo alle porte dello storico locale intorno alle 10 di mattina del 20 ottobre, ed uno sparuto manipolo di fedelissimi è già seduto in attesa della meritata transenna da prima fila.

Le ore passano e i pochi “eroi” diventano ben presto un esercito di 1500 persone circa che inneggiano storici pezzi del gruppo Power Finlandese fino alle 18.30, orario di apertura delle porte.

 

I Sonata hanno registrato il pienone da “quasi sold out”, tanto da meritare l’allestimento del palco principale dell’ Alcatraz.

Le ben conosciute (ormai) grafiche di “THE NINTH HOUR” sono parzialmente coperte da drappi e immagini degne di una ambientazione alla Tolkien: signore e signori, vi presentiamo i “TWILIGHT FORCE”:

 

gli Svedesi sanno proprio come fare per attirare l’attenzione, l’ispirazione fantasy è marcata, ma il dettaglio non viene certamente tralasciato, a partire dalle orecchie a punta del chitarrista-elfo sino alla spada al fianco del cantante..Precisi sull’orario da scaletta, la band si presenta alle 19.45: Riff potenti, tastiere urlanti e una capacità di palco rodata, i TWILIGHT FORCE potrebbero tranquillamente inserirsi di diritto tra i Temi alla RHAPSODY OF FIRE e movenze che ricordano i primi HELLOWEEN (più volte riproposto, infatti, il “dondolamento all’unisono” di chitarre e basso sui ritmi dimezzati, tipico delle zucche di Amburgo..).

Siamo rimasti piacevolmente sorpresi da una band che troppe volte abbiamo sentito etichettare come “più dedita all’apparenza che al suono”. Niente di più sbagliato: i sei Adventure Metallers spaccano e coinvolgono, suonano e lo fanno dannatamente bene, nonostante i suoni che, storicamente, penalizzano in parte la resa delle Bands di supporto.

Bravi e a loro agio sul Palco, forti di una capacità di gestione del pubblico davvero ottimale, con il Cantante “CHRILEON” dotato di una voce alta ma espressiva, in grado di concedergli parecchi siparietti fatti di corse e scambi di posizione, per finire con il sollevamento del chitarrista sulle spalle, durante un solo dello stesso, in grado di spazzare via ogni timore ad inneggiarli.

Ottime le performance tecniche di tutta la Band, di spicco la doppia cassa costante del batterista “DE’AZSH”, in perfetto sincrono con il basso di “BORN” , infinito lo shredding alternato e velocissimo dei 2 axe-men “AERENDIR” & “LYND”. Alla tastiera va apprezzato, oltre che il buon suono, anche lo “sciamanico” apporto di “BLACKWALD”, forte di una cupa e tenebrosa voce non solo dedita ai cori, ma anche alle parti narrative che lo hanno visto protagonista.

I TWILIGHT FORCE suonano un’ora e scaldano Molto bene il pubblico, ormai inneggiante e generoso di applausi meritati.

Se amate il Power metal EPICO e CLASSICO, date retta al sottoscritto, e correte a comprare li tripudio del Fantasy “HEROES OF MIGHTY MAGIC”: Thumbs Up!!!!

 

Setlist:

1Battle Of Arcane Might

2Forest Of Destiny

3Enchanted Dragon Of Wisdom

4Riders Of The Dawn

5Powerwind

6Flight Of The Sapphire Dragon

7There And Back Again

8Gates Of Glory

9The Power Of The Ancient Force

 

 

 

 

 

TWILIGHT FORCE lineup:

 

▪Chrileon – Lead vocals

▪Lynd – Guitars

▪Born – Bass

▪Blackwald – Keyboards

De’Azsh – Drums

Aerendir – Guitars

 

Orari Esibizione: 19.45 - 20.45

 

E si passa al clou della serata: dopo circa 30 minuti per cambio palco e sistemazione suoni, irrompono i SONATA ARCTICA!

 

Il quintetto finlandese è in gran forma, dedito ad uno show non solo musicale, ma quasi teatrale, con un TONY KAKKO desideroso di interpretazione e pregno di pathos: si inizia con “Closer to an Animal” e “Life”, intervallate solo dallo scrosciante e roboante applauso dei presenti.

Giusto il tempo di un ringraziamento per essere cosi partecipi e fare del pubblico italiano uno dei preferiti dei “Sonata” e si passa a “ The Wolves die Young” cantata a gran voce da tutti (Incluso il sottoscritto) e “In Black and White”.

E’ tempo di introspezione e sentimento, visto che i Sonata regalano una magistrale interpretazione di “Tallulah” dove Kakko è capace di strappare la pelle d’oca con una magistrale capacità espressiva.

Nemmeno il tempo di riprendersi e si riparte con la doppia cassa di Fairytale, in grado di smuovere anche gli animi più placidi, dove Tommy Portimo e Eljas Viljanen non si risparmiano su un sound che mi riporta indietro ai primi anni 2000, quando il power la faceva da padrone.

Molti i ragazzi in Headbanging, forti le urla di un pubblico che conta vecchie guardie già incontrate negli anni, ma anche nuovi ragazzi e adepti a dimostrazione del fatto che, non solo il genere si stia riformando dalle proprie “ceneri”, ma anche che i Sonata sono in grado di avvicinare nuovi Fans agli storici supporters che non potevano farsi scappare l’occasione di tornare sotto palco a far sentire il proprio calore ad una band che la storia l’ha fatta e continua a scriverne l’evoluzione.

Striscioni lanciati sul palco ( e apprezzati dai musicisti che li espongono tra le loro scenografie) e un boato di euforia accolgono le note di FULL MOON, che viene cantata a squarciagola dai presenti, con il suo “runaway” impossibile da ignorare; si passa poi a “Among the shooting stars”, “ No more Silence” e “Abandoned, Pleased, Brainwashed, Exploited”, prima di una atmosfera perfettamente ricreata da un Kakko a livelli teatrali massimi, sulle note di “We are what we are”.

Il concerto si chiude con la bellissima “The Power of One”, dopo la quale i nostri lasciano la scena inneggiati e rientrano dopo la gran richiesta del pubblico per il gran finale.

Prima della musica, però, il frangente è stato impreziosito sia dalle parole di ringraziamento di Tony, il quale sottolinea l’importanza del supporto alla musica Live a livelli internazionali e locali, per permetterne la sopravvivenza, che dall’ingresso sul palco dal referente del Fanclub Ufficiale dei Sonata Arctica, apparso per celebrare il compleanno di Henrik “Henkka” Klingenberg, omaggiato dai fans con regali raccolti precedentemente per l’occasione, i quali lo hanno visibilmente sorpreso ed emozionato.

Si riparte per il gran finale, con un pubblico in grado di coprire la voce di Tony sulle note di “I have a right” e la mastodontica “Don’t Say a Word”, prima dell’ormai tipico inno “VODKA”.

Fortunatamente, non dovremmo aspettare molto per poter rivedere i Sonata Arctica in Italia, promessi live proprio da Tony Kakko a fine esibizione, per i primi mesi del 2017, concerto al quale non abbiamo intenzione di mancare.

 

Setlist:

1Closer To An Animal

2Life

3The Wolves Die Young

4In Black And White

5Tallulah

6Fairytale

7Fullmoon

8Among The Shooting Stars

9intro: No More Silence / Abandoned, Pleased, Brainwashed, Exploited

10We Are What We Are

11The Power Of One

12I Have A Right

13Don’t Say A Word

 

SONATA ARCTICA lineup:

 

▪Tony Kakko – Vocals

▪Elias Viljanen – Guitars

▪Tommy Portimo – Drums

▪Henrik Klingenberg – Keyboards

▪Pasi Kauppinen – Bass

 

Orari Esibizione: 21.15 - 23.00

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Domenica, 23 Ottobre 2016 18:57
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

"Ossidiana", il quinto capolavoro dei Folkstone
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il quarto album dei power metallers Eternal Flight
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Serenade, poche emozioni per i miei gusti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrayan Path, sarà il disco della consacrazione?
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Se siete alla ricerca di un buon classic hard rock i Babylon A.D. fanno per voi!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thrash Anthems II: il nuovo spettacolare lavoro dei titani Destruction
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Hitwood: a distanza di pochi mesi un nuovo interessante EP prende vita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Spagna il secondo atto dell'opera symphonic progressive dei Nebulosa XY!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un singolo in attesa dell'album dei Crystal Gates
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lunga vita ai Blazon Stone!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Incursed: L'antipasto di "Amalur"
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: un progetto solista davvero interessante made in Italy
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla