A+ A A-
16 Ott

Machine Head: Robb Flynn presenta la versione acustica di "Circle The Drain" In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Comunicato stampa:

Dopo il singolo anti-San Valentino uscito lo scorso febbraio, "Circle The Drain", che ha ottenuto milioni di streaming ed è entrato nella Top 50 in radio, il frontman dei MACHINE HEAD Robb Flynn ne ha pubblicato una toccante versione acustica tramite Nuclear Blast.
 
La versione acustica di "Circle The Drain" può essere ascoltata qui: https://nblast.de/MHCircleTheDrainAC
 
Della canzone originale era stato realizzato un video: https://youtu.be/uFxKBzJDitY
 
"Quando la pandemia si è diffusa a marzo e tutti i tour dei Machine Head sono stati cancellati, ho iniziato a fare degli show gratuiti - Acoustic Happy Hour - sulla pagina Facebook dei Machine Head per tirare fuori l'energia repressa, intrattenere alcuni amici, farmi qualche risata e bere qualche drink ogni venerdì", spiega Flynn. "Dato che avevamo appena pubblicato la nostra nuova canzone 'Circle The Drain', i fan hanno iniziato a chiedermi di suonarla, così ho incominciato a giocherellarci e mi è venuta in mente una versione rivisitata. Ha avuto una risposta fenomenale... Alla gente piaceva davvero e mi chiedeva continuamente di pubblicarla, e così l'ho registrata qualche settimana fa nel mio studio di casa, ed eccola qui".
 
Originariamente pubblicata a febbraio 2020, "Circle The Drain" è stata ispirata da un amico di Flynn che ha prestato servizio in Afghanistan e, una volta tornato a casa, ha scoperto che la sua relazione sentimentale era andata in pezzi. "Lei si era presa gioco di lui, poi era diventata paranoica sul fatto che lui si stesse prendendo gioco di lei, e lo ha fatto impazzire. Abbiamo avuto una conversazione a San Valentino e mi ha detto 'che avevano ormai un piede nella fossa'. Quella frase mi ha colpito e qualche giorno dopo l'ho incorporata nella canzone su cui stavo lavorando".

Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Gli Invincible Force ed il ban a qualsiasi approccio moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Fate, elegante power-prog dalla Grecia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sator: welcome to the catacombs
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il capolavoro dei Sedna
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wardaemonic, si poteva far meglio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Bakken meritano attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nacarbide, speed metal dalla Thailandia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debut album per gli Adamantis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kartzarot, dalla Spagna con un heavy-rock classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lyonen: debutto vario, interessante e ricco di spunti
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album non propriamente per tutti quello dei Greybeard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla